5 segnali dell'ipovitaminosi nelle tartarughe

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra le malattie che possono colpire le tartarughe domestiche, l'ipovitaminosi è una delle più comuni. Con questo termine è denominata una patologia dovuta alla carenza di vitamina A nell'organismo delle testuggini. Ad esserne maggiormente colpiti sono gli esemplari acquatici sopra i 6 mesi di vita. La causa principale dell'insorgere di questa malattia è un'errata alimentazione. Ad esempio, una dieta in cui vengono somministrati esclusivamente mangimi confezionati a base di gamberetti secchi non è bilanciata e può portare a questo squilibrio.
L'ipovitaminosi è una malattia curabile, ma è bene individuarne i sintomi quanto prima. Una scorretta alimentazione, unita ad una diagnosi tardiva, può infatti essere fatale per il nostro animale da compagnia.
Scopriamo quali sono i 5 segnali dell'ipovitaminosi nelle tartarughe.

26

Edema delle palpebre

Il sintomo più evidente dell'ipovitaminosi nelle tartarughe sono gli occhi gonfi. La carenza di vitamina A causa infatti nel rettile un'infiammazione oculare progressiva. Gli occhi dell'animale tendono a chiudersi e si può formare anche una membrana biancastra sugli stessi.
Oltre al gonfiore oculare, con il passare dei giorni si sviluppa del pus bianco che andrà ad accumularsi alla base delle palpebre. Se non curato in tempo, l'edema delle palpebre può portare l'animale ad uno stato di cecità.
Purtroppo, per inesperienza, questo sintomo viene spesso scambiato per congiuntivite e trattato inutilmente con farmaci oftalmici.

36

Inappetenza

La cecità, parziale o totale, dovuta all'infiammazione oculare, può portare ad un rapido deperimento fisico delle tartarughe. La vista è infatti un elemento essenziale per questo rettile quando deve alimentarsi. L'ipovitaminosi danneggia inoltre alcuni organi interni, come il fegato e l'apparato urogenitale, favorendo ulteriormente l'inappetenza nell'animale.

Continua la lettura
46

Deformazione del carapace

Un sufficiente apporto di vitamina A è essenziale anche per un corretto sviluppo delle ossa delle tartarughe. È quindi importante prestare attenzione allo stato della corazza. In una testuggine colpita da ipovitaminosi si possono notare chiazze bianche sul carapace e, in alcuni casi, una deformazione dello stesso.

56

Difficoltà respiratorie

L'ipovitaminosi danneggia anche l'apparato uditivo e respiratorio delle tartarughe. Una testuggine colpita da questa malattia manifesterà difficoltà respiratorie, mostrandosi boccheggiante, e svilupperà ascessi nei padiglioni auricolari.

66

Problemi alla pelle

Un ultimo segnale evidente di questa malattia colpisce lo stato dell'epidermide delle tartarughe. L'ipovitaminosi provoca infatti perdita di squame sul collo e sulle zampe dell'animale. Se notate uno di questi sintomi nella vostra tartaruga non sottovalutatelo e rivolgetevi subito al vostro veterinario per una corretta e tempestiva diagnosi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come prendersi cura delle tartarughe di acqua dolce

Le tartarughe sono degli animali abbastanza belli e riescono in un certo senso anche ad essere affascinanti. Se si amano questi animali si possono comprare delle piccole tartarughe di acqua dolce. Se si decide di acquistare le tartarughe bisogna garantire...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Le tartarughe, questi rettili così diffusi in tutto il nostro pianeta, hanno una storia davvero antica. Si considera che la loro presenza risalga all'incirca a 220 milioni di anni fa, nel periodo del tardo Triassico. Le tartarughe riuscirono a sopravvivere,...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Come costruire un acquaterrario per tartarughe

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e...
Rettili e Anfibi

Tartarughe d'acqua: 5 cose utili da sapere

Se in casa abbiamo deciso di allevare delle tartarughe d'acqua, è importante sapere che per farle vivere a lungo e crescere bene, sono necessari alcuni fondamentali accorgimenti. Si tratta infatti, di quelli strettamente strutturali, ma anche funzionali...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.