Caratteristiche e curiosità del ghepardo

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ci sono molte caratteristiche specifiche che ci consentono di individuare atteggiamenti ed abitudini degli animali come ad esempio quelli del ghepardo; infatti, è l’unico felino in grado di salire sulle cime degli alberi senza nessun problema. Alcune curiosità ed anche delle particolari caratteristiche, ci spingono quindi a stilare una lista in merito.

26

Il ghepardo è l'animale più veloce al mondo

Il ghepardo ha una velocità incredibile, ed è classificato come il più veloce animale terrestre al mondo. Può raggiungere infatti una velocità stimata fino intorno ai 100 km orari, e può incrementarla da 0 a 64 km all'ora in appena 3 secondi. Questa caratteristica lo rende uno dei predatori più temuti, sia da uomini che da altri esemplari del mondo faunistico.

36

Il manto è unico in ogni esemplare

Il modello del manto di tipo maculato del ghepardo è unico a ciascuno di essi, per cui è un modo semplice per identificare un esemplare da parte dei ricercatori. Si ritiene infatti, che in natura non ci siano due ghepardi che abbiano lo stesso modello di macchie impresso sul mantello. L'Africa e l'Asia sono la casa naturale del ghepardo, ma un numero limitato di questi felini si trovano oggi anche in Iran, e solo poche persone sono a conoscenza di ciò se non alcuni esperti del settore.

Continua la lettura
46

Le macchie servono per mimetizzarsi

Il ghepardo sfrutta le macchie presenti sul suo manto per mimetizzarsi in mezzo alla natura selvaggia, e creare il cosiddetto fattore sorpresa quando è pronto ad attaccare la sua preda. La coda può essere lunga più di un metro, ed appare piuttosto sottile quando raggiunge il massimo dell’erezione (in presenza dell’avvistamento della stessa preda). Contrariamente agli altri grandi felini tipo il leone e il leopardo, il ghepardo non ha la capacità di ruggire.

56

Difficilmente si adatta ai cambiamenti climatici

Per le sue caratteristiche, il ghepardo viene spesso confuso con il leopardo. Di conseguenza, vi sono molte informazioni in conflitto sul luogo di residenza e sul numero di esemplari rimasti in natura. Quello che viene spesso definito come ghepardo non è altro che una specie separata, e questa caratteristica è in sostanza una mutazione genetica che influenza l'aspetto della sua pelle. Inoltre tra tutti i tipi di felini è tuttavia quello che riesce ad adattarsi difficilmente ai cambiamenti nel suo ambiente, il che lo pone a forte rischio di estinzione.

66

I maschi sono più socievoli

Quando si tratta di ghepardi i maschi sono più socievoli rispetto alle femmine, ed a parte l'accoppiamento o quando si prendono cura della loro prole, negli altri casi preferiscono infatti rimanere sempre da sole. I ghepardi inoltre sono animali carnivori attivi sia di notte che di giorno, e come caccia prediligono le prime ore del mattino e riposano durante il pomeriggio più caldo, per poi riprendere l'inseguimento della preda la sera. Infine vale la pena sottolineare un'altra curiosità, ossia che gli Egiziani spesso usavano il ghepardo come animale domestico facendolo camminare con un guinzaglio, e ciò è dimostrato da scritti ed immagini del tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Tutto sul Mau Egiziano

Il Mau Egiziano è un gatto che ha origini molto antiche: infatti si ipotizza che fosse uno dei primissimi gatti che gli egiziani abbiano addomesticato. Questo felino viveva sulle sponde del Nilo e era venerato proprio come un animale sacro: tutto ciò...
Gatti

Come addestrare un Mau egiziano

Il Mau egiziano è uno dei gatti più antichi presenti sulla Terra, infatti la sua prima comparsa può essere fatta risalire al 2000 a. C. Questa tipologia di gatto di solito presenta un mantello dall'aspetto maculato con delle macchie più scure rispetto...
Altri Mammiferi

Guida sugli animali della savana

La savana si può definire come una zona di transizione, nella quale la vegetazione è scarsa e soprattutto molto bassa. Precisamente è collocata tra il deserto e la steppa, nel caso del'Africa, oppure in prossimità di una foresta pluviale, se invece...
Gatti

Come addestrare un bengalese

Il gatto bengalese è una razza ibrida nata dall'incrocio tra un gatto domestico e un gattopardo. Nel 1973 il dottor Centerwall ebbe in mente di sperimentare un incrocio tra un gatto domestico e un esemplare di leopardo asiatico, in modo da rendere immuni...
Altri Mammiferi

Tutto sulla lince

La lince è un membro più grande della famiglia dei felini ed è riconoscibile grazie alla coda corta ed alle ciocche di capelli sulle orecchie. Esistono tre diverse specie di lince: quella del Nord America, i cui esemplari si trovano quasi del tutto...
Cura dell'Animale

5 animali da vedere in Namibia

La Namibia è uno fra i paesi africani più affascinanti: per anni parte del Sudafrica, è stato dichiarato indipendente da circa 25 e continua a mozzare il fiato a migliaia di turisti. Oltre a una vasta flora, il territorio si caratterizza soprattutto...
Altri Mammiferi

Tutto sulla pantera

La pantera è un animale molto temuto, misterioso ed affascinante. Il suo nome scientifico è Panthera Pardus, la sua classificazione risale al 1758; è una specie carnivora appartenente alla famiglia dei Felidi. Il suo habitat comprende l'intero territorio...
Gatti

Tutto sul Bengala

Il bengala rappresenta una specie di gatto nato dall'incrocio tra un esemplare di felino domestico ed un gatto leopardo asiatico. Precisamente, si tratta di una razza animale abbastanza giovane, poiché il primo incrocio tra questi due felini vengono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.