18

Come accudire una cavia

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La cavia domestica o porcellino d'India fa parte della categoria dei roditori originaria del Sud America e vive mediamente 5-6 anni. Il suo corpo è tondeggiante, le sue zampe sono corte e la coda non è presente. Generalmente la timida cavia è un animale crepuscolare, ovvero risulta molto più attivo durante le ore iniziali del giorno e quelle finali della giornata. Il timoroso porcellino d'India adora sfruttare le tane e gli anfratti abbandonati da ulteriori roditori come rifugio. In natura, le cavie vivono in piccoli gruppi formati da un capo maschio e diverse femmine. Se vogliamo adottare un porcellino d'India, non dobbiamo lasciarlo troppo spesso chiuso in gabbia, poiché ha bisogno di compagnia (specie quella dei propri simili). La gioia, l'allegria e la gratitudine del porcellino d'India nei confronti del padrone si manifesta tramite saltelli e sgroppate con il corpo inarcato (Popcorning). Nel seguente tutorial vediamo dunque come accudire una cavia, in modo da regalarle qualche anno felice.

28

Occorrente

  • Cavia
  • Gabbia adatta
  • Acqua fresca
  • Cibo adeguato (fieno, semi di girasole, frutta e verdura)
  • Tubi
  • Pezzi di tessuto
  • Carta per ammorbidire la tana
38

Dargli la giusta compagnia

Quando il porcellino d'India entra in una casa, è possibile ospitarlo in un'enorme gabbia dalle misure pari a "100 cm x 50 cm x 50 cm" o ancora meglio libero. In quest'ultimo caso, è necessario avere un'abitazione a misura di cavia (mancanza di fili elettrici scoperti, tappeti e piante velenose). Con riferimento al loro amore per la compagnia, è preferibile adottare minimo due esemplari (un maschio da castrare ed una femmina). Sottoporre gli animali a tecniche quale la castrazione non risulta molto giusto, ma il porcellino d'India si riproduce troppo spesso, dunque viene consigliata una simile procedura.

48

Evitare rumori forti in sua presenza e nutrirlo con alimenti giusti

Essendo pauroso, è opportuno non creare rumori troppo forti in presenza della cavia. Questo roditore sopporta poco i cambiamenti ed essi possono determinare in lui un disagio rilevante. Di conseguenza, bisogna lasciare al porcellino d'India il tempo necessario per ambientarsi bene. Con il passare dei mesi, la cavia familiarizzerà con noi e l'ambiente circostante. In questo modo, l'animale si rivelerà un compagno simpatico e talmente affettuoso che ringrazierà con il suo Popcorning. Il porcellino d'India è vegetariano ed erbivoro. Il suo nutrimento avviene con il fieno, i semi di girasole, la frutta e la verdura. Quest'ultime non vanno somministrate mai fredde o surgelate, ma sempre fresche e lavate.

Continua la lettura
58

Mettere la gabbia in un luogo adatto e non far mancare l'acqua

Qualora avessimo scelto di tenere la cavia in una gabbia, dobbiamo posizionarla in un luogo fresco non umido e consentire all'animale circa 2 ore di libertà vigilata. In ogni caso, il porcellino d'India avrà comunque bisogno di una gabbietta dove dormire. Il fondo di quest'ultima va ricoperto con pellet di faggio da sostituire ogni 2-3 giorni. A disposizione della cavia non deve assolutamente mancare l'acqua fresca da consumare in ogni momento della giornata. Lo spazio dove vivrà o si rifugerà va arricchito con oggetti stimolanti per l'animale. Ad esempio è possibile mettere dei tubi, dei pezzi di tessuto e della carta.

68

Eseguire una visita annuale dal veterinario e spazzolare l'eventuale pelo lungo

Con riferimento all'igiene del porcellino d'India non c'è molto da sapere. Non è un roditore sporco ed una volta all'anno conviene far controllare i suoi denti e le sue unghie da un veterinario esperto. Se la cavia appartiene alla specie del porcellino d'India peruviano (pelo lungo), è opportuno spazzolarla ogni giorno con una normale spazzola per gatti. Ecco dunque la procedura da seguire per accudire bene una cavia domestica.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Eliminare gli oggetti pericolosi, come i tappeti e le piante velenose.
  • Attrezzare una gabbietta od uno spazio con tubi, stoffa e carta.
  • Non tosare e non lavare la cavia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
18

Come accudire la cavia peruviana

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La cavia peruviana, anche nota con il nome comune di "porcellino d'India", è un animale di piccole dimensioni appartenente alla famiglia dei roditori. Solitamente le cavie peruviane non superano i 20-30 centimetri di lunghezza, con l'esemplare maschio leggermente più grande della femmina. Sono animali domestici teneri e piuttosto timidi, e non necessitano di particolari attenzioni se non quelle di dar loro da mangiare, pulire la gabbia di tanto in tanto e cambiare le vaschette dell'acqua. Se tenuta bene, una cavia peruviana può raggiungere anche i 5 anni di vita. In linea generale, prendersi cura di un animale è un'attività che può dare molte soddisfazioni, qualunque sia la specie che intendete accudire. Anche una cavia, infatti, può diventare un ottimo compagno di vita, esattamente come un cane o un gatto. Entriamo nello specifico e vediamo come accudire la cavia peruviana, esaminando informazioni e consigli utili a garantire il benessere e la buona salute del vostro animaletto.

28

Occorrente

  • Gabbietta per roditori
  • 2 cavie peruviane (possibilmente entrambi di sesso femminile o maschio-femmina)
  • Acqua
  • Strato di faggio o pellet
  • Frutta
  • Verdura
  • Fieno
  • Erbe varie
38

Generalità sulle cavie peruviane

La cavia peruviana si distingue in varie specie, suddivise in base alla lunghezza del pelo: cavie a pelo corto, a pelo lungo e a pelo a ciuffetti. In particolare, quest'ultima nasce dall'incrocio delle prime due ed è la specie di cavia maggiormente diffusa in Italia. In generale, le cavie sono animali docili, timidi e raramente aggressivi; amano giocare e tentare di comunicare con il proprio padroncino umano mediante l'emissione di suoni particolari in grado di esprimere diversi stati d'animo. La cavia peruviana appartiene quindi alla famiglia dei roditori domestici, in grado di adattarsi facilmente alla vita di famiglia, anche in presenza di bambini. Vediamo ora quali sono le principali esigenze di questo piccolo roditore, esaminando le cure e le attenzioni di cui l'animaletto ha bisogno.

48

Le attenzioni e l'adozione in coppia

La prima cosa a cui dovrete prestare particolare attenzione è che la vostra cavia peruviana non cada mai per terra. Quando la prendete in braccio, badate bene a farlo nel modo corretto: una caduta, infatti, per quanto possa sembrare banale, potrebbe ferire l'animale, e in situazioni particolari potrebbe risultare persino letale. Un'altra accortezza da avere nei confronti del porcellino d'India riguarda i movimenti bruschi e i rumori forti, entrambi da evitare quando gli siete vicini, così da non traumatizzarlo. Inoltre, fate in modo di non colpire mai accidentalmente la gabbietta, onde evitare di spaventarlo. Per garantire alla vostra cavia peruviana una vita serena e felice, si consiglia di non prendere mai un solo esemplare, bensì due. Se la cavia si ritrovasse a dover condividere da sola la gabbietta, infatti, soffrirebbe la solitudine e ingrasserebbe cadendo in depressione, per cui è sempre meglio adottarli in coppia. Tenete però conto che accudire due maschi nella stessa gabbia è altamente sconsigliato, in quanto questi finirebbero per mangiarsi a vicenda seguendo i loro innati istinti gerarchici. Il maschio più forte, il dominante, non darebbe pace al sottomesso e arriverebbe a morderlo e ferirlo, il che vi costringerebbe a doverli dividere. Piuttosto, prendete in considerazione l'idea di unire due femmine o un maschio e una femmina.

Continua la lettura
58

La cura e la posizione della gabbietta

La gabbietta per la cavia peruviana dovrà essere piuttosto grande, comoda, accuratamente pulita e sempre ben rifornita di cibo e acqua. Sulla base della gabbietta non dovranno esserci delle sbarre, bensì uno strato di faggio o di pellet, in modo che l'animale non si ferisca le zampine e possa stare comodo. Posizionate la gabbietta in un luogo a temperatura costante, protetta dalle forti correnti d'aria ma pur sempre in grado di garantire all'animale una buona respirazione. Optate inoltre per un luogo tranquillo e adeguatamente illuminato.

68

La libertà e l'alimentazione della cavia

Essendo la cavia peruviana un animaletto tranquillo, socievole e "chiacchierone", lasciatelo pure scorrazzare per casa facendo particolare attenzione quando questo si trova a circolare in totale libertà. Il porcellino è dotato di un'indole molto curiosa, il che potrebbe portarlo a farsi involontariamente del male, cadendo o sbattendo da qualche parte, per cui aguzzate gli occhi e non perdetelo mai di vista. Per quanto riguarda l'alimentazione, seguite il regime alimentare tipico
dei roditori basato sul consumo di frutta, verdura, fieno ed erbe varie. Ad ogni modo, rivolgetevi ad un veterinario per ulteriori consigli legati al mantenimento della salute e del benessere del vostro animaletto. Per altre informazioni comodamente consultabili da casa consultate il link: http://www.greenstyle.it/come-allevare-e-curare-una-cavia-18560.html.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordate di adottare le due cavie entrambe rigorosamente di sesso femminile o di sesso alternato (un individuo maschile e uno femminile)
  • Per ulteriori informazioni e consigli, risulta indispensabile il parere di un veterinario per eventuali complicazioni riguardanti la cura degli animaletti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
14

Come nutrire una cavia

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Se in casa abbiamo un porcellino d'India o qualsiasi altra cavia, è importante sapere che di base è un animale vegetariano, per cui necessita di alimenti di questa natura. Da notare però che il criceto pur appartenendo alla stessa specie, è invece onnivoro, per cui il cibo è diverso. In questa guida, ci occupiamo quindi di come nutrire una cavia.

24

Una cavia può vivere e crescere abbastanza bene con erba e semi vari, appositamente testati e rispettosi del loro status fisiologico, e che sono facilmente reperibili nei centri di zoologia. L'erba tuttavia non deve mai mancare nella dieta delle cavie, poiché sono animali che hanno bisogno di molte fibre, e da evitare sono invece le erbe mediche in quanto contengono troppe proteine e sono ricche di carboidrati.

34

Molto importanti per nutrire le cavie risultano le piante bulbose, ma non tutte; infatti, da evitare sono i bulbi dei fiori poiché la maggior parte sono velenosi, invece le carote vanno bene per la presenza di alcuni acidi che servono soprattutto alla ricrescita del pelo. Per quanto riguarda il quantitativo di vitamine giornaliere per non eccedere, bisogna regolarsi in base al loro peso corporeo, quindi se la nostra cavia pesa ad esempio 800 grammi, necessita di circa 5 mg per ogni chilo di peso, massimo 4,0 mg al giorno. Infine, da evitare sono i cibi troppo freddi e bagnati; infatti, i primi potrebbero causargli una congestione, mentre i secondi la dissenteria. In questo caso, se li abbiamo in frigo, conviene farli riscaldare a temperatura ambiente, mentre quelli surgelati andrebbero comunque evitati, perché privi di sostanze nutritive rispetto a quelle fresche.

Continua la lettura
44

Per una dieta equilibrata adatta per le cavie, si può integrare l'erba con frutta e verdura fresca, per garantirgli il giusto apporto di vitamine, fondamentali per molte delle malattie a cui sono soggette. Il quantitativo, di almeno 100/150 grammi al giorno, è l'ideale per scongiurare questi rischi a volte letali. È ovvio che i tanti impegni in casa o di lavoro, ci impediscono di lavare la verdura fresca tutti i giorni, per cui il consiglio è di acquistare porzioni dei supermercati, già puliti e veloci da utilizzare. Per quanto riguarda la frutta, questo non è un problema in quanto essendo una delle nostre abitudini quotidiane, sbucciarla e darne un pezzetto alla cavia non ci costa nulla. Infatti, l'ideale è una fettina di arancia ricca di vitamina, o una mela nota per le sue innumerevoli proprietà benefiche, anche sull'essere umano.

16

5 consigli per la cura della cavia

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

La cavia è un adorabile roditore originario del Sud America. È molto simpatico ed è capace di instaurare un profondo legame con i suoi padroni. Prendersi cura di una cavia è facile, non è un animale di molte pretese. Tuttavia, come ogni animale, ha determinati bisogni di cui occorre occuparsi. È nostro dovere creargli un ambiente confortevole e fornirgli tutte le risorse necessarie. Così potrà avere uno sviluppo felice e sereno, cercando di rispettare le sue caratteristiche fisiologiche e comportamentali. Ecco 5 semplici consigli per prenderci cura nel migliore dei modi della nostra amata cavia.

26

Scegliere la gabbia migliore e la sua sistemazione

La prima cosa da fare per la cura della cavia è praparare un habitat confortevole, dove sentirsi a proprio agio. La cavia è un animale molto soggetto allo stress, per cui scegliamo una stanza con pochi rumori e senza sbalzi di temperatura o correnti d'aria. La gabbia deve avere delle dimensioni di almeno 70x90 cm, in modo che la cavia possa muoversi liberamente. Un elemento importante all'interno della gabbia è la casetta, in cui la cavia si rifugerà tutte le volte che si spaventerà. Deve essere spaziosa e, soprattutto, di un legno commestibile. La cavia deve poterla rosicchiare senza alcun rischio per la sua salute.

36

Scegliere la lettiera più adatta

Un altro elemento di cui tener conto nella cura della nostra cavia è la scelta della giusta lettiera. Ce ne sono di diversi tipi e sono facilmente reperibili in tutti i negozi per accessori per animali. Non facciamoci sedurre dalle lettiere profumate, perché infastidirebbero la nostra cavia. Dobbiamo aver cura di creare uno strato di lettiera sul fondo della gabbia. Deve essere spesso circa 5 cm, in modo che assorba bene i liquidi e di conseguenza anche gli odori. Dobbiamo poi ricoprire la lettiera con uno strato di fieno, che piace molto alla cavia. Attenzione a non confondersi con la paglia, che è quella gialla! Dobbiamo cambiare il fieno quasi tutti i giorni, e deve essere sempre presente in abbondanza. Mentre possiamo cambiare la lettiera meno spesso, e solo nei punti in cui è sporca.

Continua la lettura
46

Curare al meglio l'alimentazione

L'alimentazione è ovviamente una delle cose più importanti nella cura del nostro animale. La cavia è un animale erbivoro, per cui mangia esclusivamente vegetali. Anche se non deve mai mancare il beverino pieno di acqua pulita, la cavia trae la maggior parte dell'acqua dagli alimenti. Non devono mai mancare quindi verdure fresche in abbondanza. La cavia mangia quasi tutto il giorno e parte pure della notte. Appena finita la pappa nella ciotola inizia a mangiare il fieno. Lasciamoglielo fare, è importante per i denti. Per quel che riguarda la scelta delle verdure, controlliamo sempre gli alimenti consentiti e quelli proibiti.

56

Calcolare l'apporto di vitamina C

Per quel che riguarda l'alimentazione, la vitamina C merita un capitolo a parte nella cura della nostra cavia. Infatti il giusto apporto è di fondamentale importanza perché la cavia non è in grado di sintetizzarla. Dove quindi assumerla attraverso l'alimentazione. Vediamo con questo foglio di calcolo se la nostra cavia assume abbastanza vitamina C. Il caso contrario integriamo con delle gocce specifiche, da aggiungere al suo cibo abituale.

66

Curare il pelo e tagliare le unghie

Normalmente non dobbiamo lavare la nostra cavia. Generalmente basta spazzolarla per tenerla pulita. Eviteremo anche che perda troppi peli in giro. È invece di fondamentale importanza la cura delle unghie. Le unghie della cavia, infatti, crescono molto velocemente e occorre necessariamente tagliarle. Per farlo procuriamoci le forbicine apposite e stiamo ben attenti a non tagliarle troppo corte. Parte dell'unghia è, infatti, innervata, per cui rischiamo di fare male alla nostra cavia. Individuiamo dove finisce la parte rosa dell'unghia e tagliamo a circa 1,5 mm di distanza.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.