Come addestrare i delfini

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Gli uomini sin dai tempi antichi si sono cimentati nell'arte dell'addestramento di animali, e tra questi molti mammiferi, come ad esempio i delfini. Sono considerati in assoluto, tra gli animali più intelligenti del pianeta, per cui l'addestramento seppur faticoso e difficile, è in grado di far ottenere un rapporto di fiducia tra l'allenatore e l'animale senza eguali. In questa guida, ci occupiamo proprio di come addestrare i delfini.

24

Ci sono molti trucchi ed accorgimenti che bisogna adottare per addestrare i delfini, a cominciare da alcuni segnali manuali per indicare al mammifero che deve eseguire una specifica azione; infatti, per questo motivo va utilizzato un bastone con un piccolo galleggiante alla fine, che serve per indicare come e dove eseguire la suddetta azione, diventando una sorta di bersaglio.

34

Ogni segnale da parte di noi addestratori, deve essere ben distinto e sempre uguale, già dall'inizio della formazione. Questo è importante poiché i delfini collegano ogni segnale con un comportamento adeguato, e non si confondono quando gli viene chiesto di eseguire un nuovo passo. I delfini, come è noto amano la compagnia dell'uomo, e soprattutto i giochi, quindi un pallone di plastica molto leggero se gli viene lanciato, sicuramente ritorna verso di noi, e questa è solo un altro esempio di come si possa addestrarlo. Se il delfino, reagisce subito e capisce il motivo del lancio della palla, allora le prospettive di addestrarlo sono notevoli, fino a raggiungere un rapporto talmente affettivo, che ci si può avvicinare facendogli carezze, dandogli il cibo preferito e giocare con lui in acqua, impartendogli nel contempo ulteriori addestramenti.

Continua la lettura
44

Quando il delfino esegue correttamente il gesto deve essere ricompensato con del cibo, in modo da fargli apprendere che il suo comportamento è stato esemplare e l'azione ben eseguita. Un ulteriore segnale da dare al delfino per fargli capire che si è comportato bene, è anche il sibilo di un fischietto o dei giocattoli come ad esempio una palla. Ovviamente se l'azione non è stata soddisfacente, allo stesso modo bisogna farglielo capire, per cui è necessario un nostro commento neutrale, quindi niente cibo o regali. Prima di farlo riprovare, bisogna attendere almeno un minuto, in quanto questo meraviglioso esemplare, ha il tempo sufficiente per capire e soprattutto riflettere su dove ha sbagliato. L'addestramento in questo caso, deve continuare all'infinito fino a quando l'azione non viene eseguita in modo corretto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come addestrare il vostro cavallo

Il cavallo è un animale bellissimo e molto sensibile, e se ne possedete uno ed intendete addestrarlo, comunque sappiate che non è affatto una passeggiata. Infatti, bisogna sapere che se non si è esperti, è meglio farsi aiutare da qualcuno, magari...
Cura dell'Animale

Come addestrare un cavallo a non mordere

Il rapporto uomo-cavallo è molto complesso. Non sempre gratificante e razionale. Le azioni e le reazioni dell'individuo non sono sempre comuni a quelle istintive equine. Pertanto, sorgono difficoltà comportamentali quasi insormontabili. Il cavallo comunica...
Cura dell'Animale

Come addestrare un pony

L'addestramento animale è di per sé una pratica molto laboriosa, che richiede tempo e pazienza. Nella fattispecie, l'addestramento di cavalli costituisce un'attività molto antica, poiché sono stati da sempre utilizzati anche come mezzo di trasporto....
Cura dell'Animale

5 motivi per diventare volontario in un canile

Spesso vedendo degli animali abbandonati per strada, ci è capitato di fermarci e metterli al sicuro, dandogli da mangiare e da bere. Tuttavia con sommo dispiacere, ci siamo preoccupati del loro futuro (cosa giusta), e abbiamo telefonato ad un canile...
Cura dell'Animale

Come allevare un pony

La Federazione Equestre Internazionale ha stabilito che qualsiasi cavallo dalle dimensioni inferiori ai 151 cm può essere definito un Pony. Sul territorio italiano sono presenti diversi allevamenti, all'interno dei quali è possibile far crescere ed...
Cura dell'Animale

Come gestire una colonia di gatti

I gatti appartengono alla famiglia dei felidi e sono degli animali che per comunicare usano all'incirca 16 vocalizzi tra fusa e posizioni del corpo, oltre a produrre dei feromoni. Ritenuti molto lunatici, vi sarà capitato di trovarvi dinanzi a una colonia...
Cura dell'Animale

Come aiutare il WWF

Il WWF (World Wide found for Nature) è un'associazione volta alla tutela della flora e della fauna attiva da svariati anni in tutto il mondo. Grazie al WWF e molte specie di animali, in via di estinzione, sono state tutelate e salvaguardate. Esistono,...
Cura dell'Animale

Come denunciare chi maltratta animali

Tante volte si parla di maltrattamento degli animali. Escono e vengono emanate leggi su leggi per la loro prevenzione perché molte volte vengono maltrattati e lasciati a morire. Si sente parlare di abbandono di animali, di animali da laboratorio che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.