Come addestrare un barbagianni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Molti amanti degli animali, adorano prendersi cura non del solito gattino e del fedele cane, ma anche di un affascinate rapace. Gli uccelli rapaci, appartengono alla famiglia dei Titonidi e sono dei magnifici predatori. Se avete la possibilità di stare spesso all'aria aperta e volete acquistare un rapace, potete optare per un bellissimo Tyto alba o più comunemente chiamato barbagianni. Il barbagianni ha un colore molto chiaro, ha zampe molto lunghe ed è un uccello molto intelligente. Se volete addestrare un barbagianni, dovrete necessariamente capire come farlo, seguendo alcuni consigli specifici e precisi, che vi aiuteranno a capire come procedere.

27

Occorrente

  • Lightstick da pesca
  • Campanelle
  • Protezione per la mano specifica per rapaci
  • Coniglio morto
37

Seguire un allenamento poco stressante

Non tutti i rapaci sono adatti all'addestramento. Se avete intenzione di acquistare un uccello di questo tipo aprite gli occhi e documentatevi prima di fare questo grande passo. Il barbagianni essendo un rapace notturno è perfetto per essere addestrato. L'addestramento se eseguito nel modo scorretto, rischia di far stressare, stancare e distruggere il rapace, facendolo morire in beve tempo, quindi andateci con molta cautela. Prima di procedere con l'allenamento e l'addestramento dell'uccello, è importante legare una delle sue zampine alla voliera, per evitare che l'uccello possa sbattere e graffiarsi le ali, fuggire o farsi del male.

47

Lasciare conoscere le prede al volatile

L'addestramento dei rapaci, serve naturalmente ad abituali alla caccia. Inseguire e cacciare le prede è sicuramente naturale per i rapaci in generale o per i barbagianni nati e cresciuti all'aria aperta. Per i rapaci nati dai vari allevamenti, la cosa diventa più difficoltosa, ed è per questo che bisogna ricorrere ad un tipo di addestramento mirato. Bisogna in sostanza lasciargli conoscere le prede, utilizzando conigli morti, carne di coniglio cruda, lepri, ecc.. Questo addestramento è molto utile per stimolare l'istinto del rapace e per abituarlo a cacciare. Dovrete trasportare il barbagianni sul pugno della vostra mano mettendoci sempre un pochino di cibo e avvicinarlo a degli alberi, abituandolo a stare accanto a voi ma anche all'aria aperta.

Continua la lettura
57

Insegnare al volatile a tornare da voi

Una volta che il barbagianni si sarà abituato a stare accanto a voi, sul vostro pugno, dovrete insegnargli con molta pazienza a tornare indietro ogni volta che volerà via a cacciare le prede. Per visionare un rapace notturno al buio, dovrete attaccare alle zampetta del volatile delle starlight o lightstick da pesca, per darvi la possibilità di visualizzarli al buio o delle campanelle per sentirli volare. In un mese al massimo, con molta pazienza, il rapace sarà perfettamente in grado di volare e tornare da voi in un batter d'occhio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Abituate il rapace dalle prime settimane di vita a cacciare.
  • Non stressate troppo il barbagianni perché potrebbe morire.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come addestrare il merlo indiano

Il merlo indiano è un uccello socievole, proveniente dall'Asia. È caratterizzato da un becco giallo e un piumaggio lucente. Ha un carattere vivace e curioso. Infatti è facile da addestrare se si alleva fin da piccolo. Vediamo come fare se abbiamo deciso...
Volatili

Come addestrare una calopsite allevata a mano

La calopsite è una specie di pappagallo originario dell'Australia che per le sue ridotte dimensioni è tra i più piccoli al mondo. Si tratta di un esemplare con una forma corporea allungata, una lunga coda e il classico ciuffetto sulla fronte. Vediamo...
Volatili

Come addestrare un pappagallo cocorito

Anche i volatili, al pari di cani, gatti e conigli, sono ormai considerati degli eccellenti animali da compagnia, specialmente i pappagalli. La maggior parte di questi, infatti, è facile da allevare e da addestrare. Una delle specie più amate è il...
Volatili

Come addestrare una cocorita a posarsi sulla spalla

Entrare in alchimia con gli animali domestici è l'esperienza più bella che tutti gli amanti degli animali possano provare: che sia un cane, un gatto, una cocorita è dovuto solo all'amore che noi umani riusciamo a donare loro. Tutti gli animali domestici...
Volatili

Come addestrare un falco pellegrino

Da 4000 anni l'uomo e i rapaci sono fedeli compagni di caccia. Il Falco Pellegrino è un rapace che possiede delle penne scure sul capo le quali ricordano un cappuccio indossato proprio dai pellegrini. È conosciuto soprattutto per essere l'animale più...
Volatili

Uccelli: guida alle specie protette

Ci sono oltre 250 specie di uccelli selvatici che sono a rischio estinzione, e per questo motivo sono considerate specie protette. Pertanto, è un reato intenzionalmente o incautamente: uccidere, ferire o catturare un uccello selvatico; danneggiare, distruggere...
Volatili

Merlo indiano: alimentazione e cura

Molte persone, oltre a comprare i classici animali domestici quali cani e gatti, preferiscono avere in casa anche dei veri e propri volatili: quello sicuramente più amato è il merlo indiano. Questo straordinario uccello ha bisogno però di molte cure...
Volatili

Come Riconoscere Gli Strigiformi

Gli strigiformi, il nome corretto degli uccelli rapaci notturni, sono tra gli abitanti della notte, famosi protagonisti delle storie di paura, poco conosciuti però nelle loro abitudini di vita. Alcuni strigiformi si muovono solo a notte fonda, altri...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.