Come addestrare un Bullmastiff

Tramite: O2O 07/10/2017
Difficoltà: media
14

Introduzione

Se avete appena deciso di allevare un cucciolo di Bullmastiff, è importante sapere che ci sono tempi e modi ben precisi da rispettare affinché questo esemplare di cane possa essere addestrato correttamente. Si tratta infatti di un animale che essendo molto robusto vanta anche una sostanziosa muscolatura, quindi ideale come cane da guardia. A tale proposito, ecco una guida con alcuni suggerimenti utili per addestrare un Bullmastiff.

24

Scegliere un cucciolo di Bullmastiff

Il Bullmastiff è un cane che appartiene alla razza dei Molossidi, e si presenta in genere con un manto rossastro e con delle sfumature in chiaroscuro e a volte tigrate. Si tratta inoltre di un esemplare di origine inglese che va allevato quando è ancora cucciolo, poiché se adulto diventa difficile addestrarlo. La scelta di un Bullmastiff di poche settimane è quindi l'opzione migliore.

34

Imporre dei comandi ben precisi

Per addestrare nel migliore dei modi un Bullmastiff ci sono alcune importanti precauzioni da prendere affinché le lezioni vadano a buon fine, e consegnino un cane obbediente e poco aggressivo nei confronti del padrone e dei relativi membri familiari. Il primo atteggiamento da tenere verso un cucciolo di Bullmastiff è di fargli capire subito chi è il suo capobranco, ovvero la persona a cui deve obbedire e rispondere a determinati comandi. Per ottenere ciò, è tuttavia fondamentale che il cucciolo abbia un'età compresa tra le 10 e le 15 settimane, altrimenti i risultati potrebbero rivelarsi infruttuosi. Inoltre va precisato che un esemplare maschio ha delle dimensioni che oscillano tra i 64 e i 68 centimetri e con un peso da 50 a 60 chilogrammi, mentre nel caso della femmina i valori si attestano rispettivamente tra 60 e 65 centimetri e con un peso che oscilla tra i 40 ed i 50 chilogrammi. Detto ciò, dopo il suddetto primo approccio con il cucciolo quindi facendogli capire chi è il suo padrone, un secondo metodo per addestrarlo è di imporgli dei comandi ben precisi del tipo "Fermo" o a "Cuccia" ma con voce decisa e senza usare un tono troppo alto.

Continua la lettura
44

Abituare il Bullmastiff al guinzaglio

Il Bullmastiff per la sua stazza e agilità è un esemplare di cane che deve necessariamente essere portato a passeggio ogni giorno, e a riguardo dell'addestramento comportamentale bisogna dedicargli almeno dai 15 ai 30 minuti quotidianamente. Per ottimizzare il risultato è fondamentale fargli capire che deve indossare il guinzaglio e la museruola, per cui essendo un animale piuttosto ribelle, sin da piccolo è necessario insistere con questi due attrezzi di sicurezza per evitare che da adulto possa rifiutarli categoricamente. Infine va sottolineato che il Bullmastiff ama mangiare abbastanza, e oltre alle crocchette periodicamente bisogna somministrargli anche della carne ricca di proteine importante per impostare al meglio la sua muscolatura in previsione di farlo agire come cane da guardia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come addestrare il gatto all'uso della lettiera

Quando si accoglie un cucciolo di gatto nella propria casa è fondamentale che abbia la sua lettiera a disposizione, poiché il gatto è un animale che per natura ama fare i bisogni nella lettiera in maniera del tutto istintiva. Infatti, nella maggior...
Gatti

Come addestrare un bengalese

Il gatto bengalese è una razza ibrida nata dall'incrocio tra un gatto domestico e un gattopardo. Nel 1973 il dottor Centerwall ebbe in mente di sperimentare un incrocio tra un gatto domestico e un esemplare di leopardo asiatico, in modo da rendere immuni...
Gatti

Come evitare che il gatto corra pericoli fuori casa

Un gatto abituato a vivere in un ambiente domestico conduce una vita decisamente più agiata rispetto a quella di un randagio; d'altra parte, il nostro gatto ha bisogno di seguire anche gli stimoli che la natura gli fornisce. È difatti importante essere...
Gatti

Come educare un gatto domestico

Educare un gatto è assolutamente possibile, diversamente da ciò che si pensa. Infatti, quando si parla di "addestrare" o di educare un animale, si pensa sempre ad un cane, ma in realtà, se si ha una certa pazienza, è possibilissimo anche addestrare...
Gatti

Come fare se il gatto vi sveglia all'alba

Il gatto è un animale crepuscolare; l'alba ed il tramonto sono i momenti della giornata in cui egli deve svolgere le attività. Questi periodi di tempo sono ideali per il gioco, la caccia oppure per una sana e rilassante passeggiata. L'orologio biologico...
Gatti

Come impedire al gatto di graffiare il divano

Il gatto è uno degli amici più fidati anche per il suo particolare e misterioso carattere. Questi felini sono animali estremamente intelligenti e acuti, ma molte volte il loro istinto prende il sopravvento. Non è infatti sempre facile insegnarli le...
Gatti

Come insegnare al gatto a fare il morto

Sono sempre di più le persone che hanno in casa un animale domestico. Questi piccoli amici ci danno affetto incondizionato e ci rallegrano la vita. Può essere molto divertente poi addestrare un gatto a fare cose che stupiranno i nostri amici. Molti...
Gatti

Le 10 razze di gatto più belle al mondo

Chi accoglie un gatto nella propria casa sa, quanto questi animali si integrino all'interno della vita della famiglia, divenendone un membro a tutti gli effetti. Nel cuore di ogni proprietario, infatti, il proprio felino ha un posto speciale, che lo fa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.