Come addestrare un lagotto da tartufo

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Una delle razze più frequentemente indirizzate all'addestramento per la ricerca del tartufo è il lagotto romagnolo. Quest'ultimo, è uno speciale cane di taglia media e dal pelo molto morbido e folto. All'apparenza, il lagotto può essere facilmente confuso con un barboncino, per via del suo pelo riccio, ma si tratta di due razze ben distinte e separate. All'interno di questa guida, fornirò alcune utili indicazioni su come addestrare un lagotto da tartufo nel modo più corretto ed efficace possibile. Iniziamo!

27

Occorrente

  • Tartufo
  • Palla di stracci
  • Pezzetti di cibo
  • Carezze
37

Come prima cosa, il lagotto è il cane più apprezzato per questo tipo di lavoro ed è l'unico animale utilizzato a livello specialistico e professionale per via del suo olfatto sviluppatissimo che gli consente, già dai primi giorni di vita, di riconoscere immediatamente la mamma ed i fratelli. L'olfatto del cane lagotto è il più sviluppato rispetto a tutte le altre razze canine. Un'altra caratteristica che rende il lagotto perfetto per questa tipologia di addestramento, è il suo senso dell'orientamento praticamente infallibile che, unito alla sua grande obbedienza ed al suo scarso interesse per la cattura di prede, lo rende un animale che riesce ad essere molto concentrato sul suo lavoro.

47

Proprio per la sua mitezza, il lagotto può essere indirizzato all'addestramento per la ricerca del tartufo già dopo i primi due mesi di vita. L'approccio all'animale dovrà essere rigorosamente legato alla pratica del gioco: infatti, è buona norma iniziare il suo addestramento nascondendo un pezzetto di tartufo in una palla di stracci e lanciandogliela ripetutamente, incitandolo a riportarla indietro ludicamente. Ogni qualvolta l'animale risponderà con precisione al comando, andrà premiato con una carezza ed un piccolo pezzetto di cibo, magari accompagnato da parole gentili e rassicuranti.

Continua la lettura
57

Successivamente, una che il lagotto avrà fatto un po' di pratica con la tecnica della palla, bisognerà perfezionare la sua capacità di ricerca nascondendo la pallina, prima in luoghi ostici da raggiungere, come ad esempio l'erba alta, ed infine sotterrandola. Naturalmente, ogni step andrà effettuato solo quando il precedente sarà stato ben compreso ed assimilato. Il tempo ideale per completare l'addestramento alla ricerca di tartufo per un lagotto è di circa un anno, ma talvolta possono bastare anche dieci mesi, durante il quale sarà necessario insegnare al lagotto non solo a trovare tartufi, ma anche a non mangiarli. Buon lavoro!

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Le migliori razze canine per la ricerca dei tartufi

I tartufi appartengono alla famiglia delle tuberaceae, sono simili ai funghi e trovano ampio utilizzo nella gastronomia più raffinata, tanto da essere catalogati tra le prelibatezze più costose al mondo. Però, a differenza dei funghi e a seconda della...
Cani

I 10 cani più difficili da addestrare

I cani sono, senza dubbio, i migliori amici dell'uomo. I cani si rivelano gli amici a quattro zampe più fedeli, affezionati e docili tra tutti gli animali da compagnia. Alcuni cani, però, sono molto difficili da addestrare e tendono spesso a non obbedire...
Cani

I 10 cani più facili da addestrare

È difficile poter scrivere una lista di quali sono i cani più facili da addestrare. Sotto certi aspetti questo potrebbe voler dire che ci sono cani più intelligenti di altri. In realtà ogni cane può tranquillamente essere addestrato ma per ogni razza...
Cani

Come addestrare un cane guida per non vedenti

Il cane è stato il primo animale ad essere addomesticato dall’uomo, è stato addirittura nel periodo Neolitico, infatti, che i cani hanno iniziato a vivere e collaborare con gli uomini. Non ci sorprende quindi che essi siano diventati i nostri migliori...
Cani

Come addestrare il cane al richiamo

Addestrare il proprio cane ad obbedire ai comandi è una pratica fondamentale. Non è opportuno rivolgersi a un educatore cinofilo se esso viene allevato da cucciolo. Nei primi mesi di vita gli insegnamenti importanti, quali "Seduto", "Vieni" vanno proposti...
Cani

Come addestrare un cucciolo di cane

Il cane, in genere animale docile e fedele, regala tanta compagnia, affetto incondizionato ed allegria in casa. Simpatico, gioviale e pure pasticcione, richiede tempo per il gioco ed attenzioni per il benessere fisico e psichico. Nonostante in molte occasioni...
Cani

Come addestrare un bull terrier

Il Bull Terrier è un cane intelligente, socievole, esuberante e giocoso. È piuttosto potente, prestante ma molto testardo. Pertanto, addestrare un Bull Terrier non è cosa semplice. Devi mostrarti dominante, chiaro e diretto, per una completa gestione...
Cani

Come addestrare un Rottweiler a non mordere

Come addestrare un rottweiler a non mordere. Il rottweiler è un cane che capisce bene i comandi, ed è facile addestrarlo se lo si fa nel modo corretto! Oggi andremo a vedere alcuni semplici passaggi per addestrare un rottweiler a non mordere. È più...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.