Come addestrare un pappagallo cocorito

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Anche i volatili, al pari di cani, gatti e conigli, sono ormai considerati degli eccellenti animali da compagnia, specialmente i pappagalli. La maggior parte di questi, infatti, è facile da allevare e da addestrare. Una delle specie più amate è il pappagallo cocorito: si tratta di un piccolo pappagallino che appartiene alla famiglie dei psittacidi; la sua abituale lunghezza è di 18 cm e il suo piumaggio è composto da vari colori quali verde, giallo, azzurro ecc.. L’età è riconoscibile, in genere, dal un anello bianco intorno agli occhi: fino alle 12-15 settimane gli occhi sono neri e l’iride marrone, mentre una volta trascorso questo tempo sviluppano un anello bianco intorno agli occhi e da quel momento in poi sono da considerate adulti. Questi animali sono facili da addestrare, ma occorre non avere fretta e rispettare le esigenze dell'animale.. A tale proposito, attraverso i passi seguenti vi spiegheremo come è possibile addestrarli con calma e nel modo corretto. Dopo questa breve introduzione, si può partire con il primo passo di questa guida su come addestrare un pappagallo cocorito che è tra l'altro una delle razze più amate.

27

Occorrente

  • Foglie di lattuga
37

Avere molta pazienza durante l'addestramento

Per addestrare il pappagallo cocorito, come accade per qualsiasi altro animale, occorre armarsi di molta pazienza. Questi volatili, infatti, non appena ci si avvicina alla loro gabbietta, iniziano a svolazzare ovunque e questo significa che non si fidano di noi e quello che dobbiamo fare è cercare di aiutarli a capire che non vogliamo fare loro del male: dovrete stare spesso davanti alla gabbietta e cercare di parlare con loro usando una voce calma e rassicurante, senza fare movimenti bruschi. Un esercizio del genere li aiuterà ad avere fiducia in voi e a non avere timore della vostra presenza e dei vostri movimenti. Per avvicinarvi ancora a loro, dovete fare in modo che capiscano che la vostra mano è uguale al cibo: mentre mangiano, avvicinate la mano alla mangiatoia e portate pazienza, perché all'inizio avranno l’istinto di scappare, ma piano piano si abitueranno alla vostra presenza e saranno loro stessi ad avvicinarsi a voi in modo del tutto spontaneo. Dopo aver prestato molta attenzione a questo primo passo, potrete procedere con la lettura approfondita del secondo passo che è uno dei più importanti dell'intera guida su come addestrare un pappagallo cocorito.

47

Infilare una foglia di insalata nella gabbia

Una volta che si saranno abituati alla vostra presenza, prendete una foglia di insalata e infilatela tra le sbarre della gabbietta, aspettando pazientemente che si avvicinino per mangiarla; la riuscita di quest’operazione potrebbe richiedere del tempo, ma si tratta di un passaggio fondamentale per riuscire a far avvicinare la nostra mano all'animale senza farlo spaventare. Se non riuscite a far avvicinare il pappagallo anche dopo diversi tentativi, improvvisate la vostra mano come una ciotola, quindi togliete qualche ora prima la vaschetta con i semini e tenete per un po' di tempo la vostra mano colma di cibo dentro la gabbia. A quel punto, quando avrà fame, il pappagallo dovrà avvicinarsi: anche in questo caso procedete con calma e se vedere che l'uccellino è eccessivamente intimorito togliete la mano. Mentre mangia, dopo che si sarà abituato e rassicurato, provate con un dito ad accarezzare l’animale: inizialmente, con molta probabilità, si sposterà, quindi ripetete questa procedura diverse volte senza spazientirvi e cercando sempre di rispettare l'animale, procedendo con calma. Eseguire al meglio questo secondo passo signora stare al novanta per cento dell'intero addestramento, infatti questa fase è molto importante, perché è qui che il pappagallo inizia a conoscere gli odori del padrone.

Continua la lettura
57

Inserire la mano nella gabbia

Dopo aver eseguito l’operazione appena descritta più e più volte, ovvero fino a quando il pappagallo si sarà abituato alla vostra mano senza mostrare segni di paura, potrete provare a inserire la mano senza avere del cibo con voi. Naturalmente, come abbiamo già detto, questo passaggio richiede del tempo e tanta pazienza e dovrete attendere che l’animale si abitui a voi e ai vostri movimenti. Iniziate accarezzandolo con molta calma e con lentezza, perché questo ci aiuterà durante il passaggio finale, ovvero quello di far salire il pappagallo sul vostro dito. Affinché questo possa accadere, l’animale deve essere completamente abituato alla vostra mano, quindi continuate ad accarezzarlo e, quando lo vedrete completamente tranquillo e rilassato, avvicinate il dito alle zampette e cercate, piano piano, di spingere il pappagallino sempre con il dito: questo muoverà le zampette e si posizionerà sul vostro dito senza neanche accorgersene, se avrete seguito attentamente le istruzioni. Se ripeterete questo procedimento diverse volte, potrete anche far uscire, sempre sul vostro dito, l’uccellino dalla gabbia. All'inizio, probabilmente opporrà resistenza, quindi perseverate, ma senza forzarlo in alcun modo, altrimenti potrebbe perdere la fiducia che, con tanta fatica, ha riposto in voi. Una volta che si sarà abituato alla vostra presenza e si fiderà completamente di voi, infatti, sarà lui stesso a cercare la vostra compagnia. L'addestramento come descritto richiede molta pazienza ma nient'altro.

67

Guarda il video

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come addomesticare un pappagallo

Tra gli animali domestici più popolari, generalmente ricordiamo i cani ed i gatti. Ma anche gli uccelli occupano un posto rilevante tra quelli più amati dalle famiglie che decidono di prendersene cura. I pappagalli, in maggior misura rappresentano dei...
Volatili

Pappagallo Amazzone: caratteristiche e cura

Se in un centro di ornitologia acquistiamo un Pappagallo Amazzone, è importante conoscere a fondo le sue caratteristiche, e soprattutto la cura necessaria affinché possa vivere tranquillamente nell'ambiente domestico. A tale proposito nei passi successivi...
Volatili

5 alimenti da non dare al pappagallo

I pappagalli appartengono all'ordine dei Psittaciformi. Tutte le varietà hanno in comune il becco robusto ed adunco. Mediante la sua particolare conformazione possono manipolare qualsiasi oggetto con la massima precisione e delicatezza. Gli occhi del...
Volatili

Come addestrare una calopsite

Per chi non la conoscesse, la calopsitta (Nymphicus hollandicus), comunemente chiamata calospite, anche se il termine non è del tutto corretto, vi presentiamo questo parrocchetto australiano appartenente alla famiglia dei cacatuidi.È un pappagallo di...
Volatili

Come curare la congiuntivite al pappagallo

Le nostre case accolgono diversi tipi di animali domestici, che sono entrati, ormai da anni, a far parte della famiglia, considerati a pieno titolo amici e componenti del nucleo. C' è chi sceglie un cane, ritenendolo il più fedele tra gli amici a quattro...
Volatili

Come Riconoscere il sesso del pappagallo cenerino

Le specie di uccelli sono molte, e forse anche voi avete in casa qualche uccellino, e vi sarete certamente chiesti di che sesso sia o come si può riconoscere. Purtroppo in molti, come per il pappagallo cenerino, non è possibile riconoscerlo. Il pappagallo...
Volatili

Come insegnare a parlare ad un pappagallo

I pappagalli certamente sanno comunicare, ma non hanno quella capacità di linguaggio tipico degli esseri umani. Gli animali, e in questo casi i pappagalli, sono in grado di trasmettere informazioni utilizzando canali uditivi, olfattivi, tattili e anche...
Volatili

Come insegnare al pappagallo a parlare

I pappagalli sono stupendi e intelligenti uccelli che hanno un folto piumaggio colorato ed il becco ricurvo. Si muovono in modo molto aggraziato, quasi come a pavoneggiarsi per mostrare le loro bellissime piume variopinte. Alcune specie di pappagalli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.