Come addestrare un Rottweiler a non mordere

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Come addestrare un rottweiler a non mordere. Il rottweiler è un cane che capisce bene i comandi, ed è facile addestrarlo se lo si fa nel modo corretto! Oggi andremo a vedere alcuni semplici passaggi per addestrare un rottweiler a non mordere. È più semplice se l'animale in questione è un cucciolo di poche settimane, da cuccioli i cani ascoltano di più ed è più semplice poterli addestrare.

25

1) Addestrare il proprio rottweiler a non mordere.

nella sessione di addestramento bisogna attirare l'attenzione del cucciolo con un giocattolo, oppure semplicemente con dei dolcetti per cani, dopo di che, per addestrarlo a non mordere, bisogna iniziare a giocarci, quando il cucciolo e preso a giocare incomincerà ad eccitarsi molto di più, e c'è probabilità che per sbaglio scappi un morso, a quel punto, appena morde, bisogna accasciarsi a terra e guaire, lamentarsi, cosi che il cane capisca che ha causato dolore alla persona con la quale ci stava giocando, e capisce che per colpa del dolore che ha procurato il gioco è finito.

35

2) Non aggredire il cane.

Quando si da un ordine al cane, le parole devono essere solamente due, (NON MORDERE) è assolutamente vietato aggredire il cane, potrebbe agitarlo, e cosi facendo morderebbe senza pensarci. Ci sono 8 regole importanti per un addestramento che funzioni
1 Non colpire in nessun modo il cane.2 Non gridare addosso al cane.3 Giocaci e ti ascolterà più volentieri.4 Non fare alcun gesto che potrebbe irritarlo inutilmente.5 Assolutamente sono vietate le frustate6 È necessario che fin da cucciolo veda spesso il padrone 7 non trascurarlo non giovirà al vostro rapporto, e sopratutto non ascolterà più.8 premia il cane con un biscottino per cani quando fa il bravo o ti ascolta.
Queste sono le otto semplici regole per un addestramento che funzioni perfettamente, è essenziale un buon rapporto tra il padrone ed il cane.

Continua la lettura
45

Premialo sempre quando si comporta bene.

Oltre ad esserci sempre per lui, la cosa più importante è premiarlo ogni volta che ubbidisce ad un comando. Bisogna premiarlo con qualche snack canino solo quando obbedisce ad un ordine, solo in quel caso. L'addestramento deve essere di piccole sessioni, eseguite 5 volte alla settimana, cosi che il cane si abitua che ad ogni comando eseguito gli arriva uno snack, le sessioni devono essere di quindici minuti l'una, cinque giorni su sette, oppure, la cosa migliore, tre volte su sette alla settimana, in nessun modo bisogna stressare il cane, altrimenti incomincerà a non ascoltare più, e a quel punto sarebbe più complicato riprendere il controllo sul cane, sopratutto se è stato trattato male.
Spero di essere stata abbastanza esaustiva e oltretutto spero vivamente che questo testo vi sia stato d'aiuto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come addestrare un Rottweiler

In questa guida speciale sui Rottweiler, andremo a scoprire questa affascinante razza canina e capiremo come addestrarla, o meglio educarla, nel modo opportuno, per non incappare in problemi dovuti alla loro convivenza con l'uomo. Molti ipotetici o futuri...
Cani

Come insegnare al tuo cucciolo a smettere di mordere

I cuccioli trascorrono gran parte del loro tempo a giocare masticando oggetti, facendo diventare i loro denti sempre più aguzzi. Pertanto, quando giocano con gli esseri umani, spesso tendono a mordere le mani e i vestiti. Questo tipo di comportamento...
Cani

Come insegnare al cane a non mordere

I cani per istinto, ma soprattutto se si sentono in pericolo, tendono a mordere. È però importante sapere che c'è la possibilità per noi padroni di insegnargli a non farlo. Tutto ciò richiede un addestramento specifico che va fatto quando il cane...
Cani

Come insegnare al Labrador a non mordere

Un buon padrone deve sempre essere in grado di educare nel modo corretto il proprio cane. Il buon comportamento di questo animale dipende infatti da ciò che il padrone è in grado di insegnargli, soprattutto durante i primi anni di vita. Tra le razze...
Cani

Come insegnare a un cane a non mordere

Chi possiede un animale domestico sa bene che quest'ultimo ha bisogna di numerose cure ed attenzioni per poter vivere felice ed in salute. Inoltre gli animali devono anche essere educati in un certo modo affinché possano convivere serenamente con il...
Cani

I 10 cani più facili da addestrare

È difficile poter scrivere una lista di quali sono i cani più facili da addestrare. Sotto certi aspetti questo potrebbe voler dire che ci sono cani più intelligenti di altri. In realtà ogni cane può tranquillamente essere addestrato ma per ogni razza...
Cani

I 10 cani più difficili da addestrare

I cani sono, senza dubbio, i migliori amici dell'uomo. I cani si rivelano gli amici a quattro zampe più fedeli, affezionati e docili tra tutti gli animali da compagnia. Alcuni cani, però, sono molto difficili da addestrare e tendono spesso a non obbedire...
Cani

Come addestrare un Pitt bull

Il Pitbull è una razza piuttosto controversa: se addestrata male, con cattivi intenti, può diventare poco socievole e molto aggressiva, ma se addestrata bene, con cura e amore, il cane non potrà che diventare affettuoso, rispettoso e calmo, ben diverso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.