Come addestrare un setter inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il cane è sicuramente uno dei migliori amici dell'uomo, ma se decidiamo di adottarne uno per farlo vivere con noi, dovremo sempre ricordarci che è un animale e che ha bisogno di un adeguato addestramento per poter vivere senza alcun problema a contatto con le persone ed in ambienti chiusi, specie se non è abituato a questo tipo di situazioni. L'addestramento è dunque molto importante sia per poter vivere noi stessi con il nostro amato animale in tutta tranquillità, ma anche per permettere al cane di non subire degli eccessivi stress. L'addestramento potrà essere eseguito da degli esperti in questo particolare settore, che utilizzando particolari tecniche, riusciranno ad insegnare al nostro amico come comportarsi in maniera corretta. In alternativa potremo provare noi stessi ad addestrare il nostro cane, seguendo alcune indicazioni riportate all'interno di numerose guide presenti sul web. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad addestrare correttamente un setter inglese.

25

Occorrente

  • Seguire i consigli riportati nella guida.
35

Informazioni generali

Bisogna innanzitutto sottolineare che l'addestramento del setter inglese va eseguito fin da quando è cucciolo, in modo tale che da adulto diventi un ubbidiente e bravo cercatore. L'obiettivo dell'addestramento è dunque quello di portare il cucciolo a rispondere ai comandi in modo scattante, per far si che da adulto la caccia abbia particolare successo. Spesso si tende ad addestrare il setter inglese ad un anno di età; non si tratta di un'impresa impossibile ma è consigliato iniziare l'addestramento a due o tre mesi. È questa, senza dubbio, la scelta migliore.

45

Consigli per un buon addestramento

Fondamentale è non utilizzare mai la costrizione in modo che il Setter inglese non senta il lavoro come un obbligo, ma come un'attività divertente e bella. Un buon addestramento è fatto di premi e gratificazioni nel caso in cui il cane esegua in maniera corretta l'esercizio assegnatogli. Bisogna tuttavia ripetere un esercizio più e più volte, così che il cane assocerà l'esercizio al comando in maniera del tutto automatica. L'educazione deve avere inizio in un luogo privo di distrazioni, per poi proseguire in campagna.

Continua la lettura
55

I comandi base

È bene insegnare al setter i comandi base e cioè il seduto, il stai e il riporto. Per quanto riguarda il riporto, bisognerà acquistare un riportello per cani e farlo notare al vostro setter. Quando si dimostrerà interessato, dovrete lanciarglielo ad un breve distanza. Il cane, d'istinto, andrà a cercarlo. Ovviamente all'inizio il cane non ve lo riporterà, l'allenamento sarà finalizzato proprio a ciò. Non avvicinatevi al cane in quanto tenderà a scappare ma cercate di chiamarlo con voce gioiosa. Quando il cane vi riporterà il fagotto, fateglielo lasciare e premiatelo, ad esempio con un prelibato bocconcino.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come allevare un setter irlandese

In questo ultimo periodo le persone cercano spesso un animale da compagnia che, oltre ad essere bello, deve essere anche molto affettuoso. Tra i tanti, sicuramente, quello preferito dalla stragrande maggioranza è il cane. Tuttavia risulta difficile anche...
Cani

Tutto sul setter inglese

Le origini del setter inglese risalgono al 1500, ma è intorno al 1800 che questa razza, con accoppiamenti selezionati, si è perfezionata. Questi stupendi quadrupedi divennero famosi nel mondo intorno alla fine del 1800; il primo allevamento in Italia...
Cani

Tutto sull'English Setter

Se anche voi siete amanti degli animali saprete sicuramente che questi vanno sempre trattati bene e che hanno bisogno di cure e coccole. Adottare un cane significa prendersene cura 365 giorni all'anno e quindi prima di fare un passo del genere bisogna...
Cani

Come scegliere il cane adatto a tutta la famiglia

Il cane è uno degli animali preferiti dai bambini; soprattutto se cucciolo il suo musetto dolce, i suoi occhi desiderosi di amore, la sua vivacità e la voglia di correre lo rendono, agli occhi dei più piccoli, il perfetto compagno di giochi. I cani...
Cani

Come tosare un setter inglese

La cura dei cani deve essere una delle nostre priorità. I nostri amici a quattro zampe si getterebbero nel fuoco per noi, e quindi accudirli e coccolarli è francamente il minimo. Tra le razze canine più pregiate vi è sicuramente il setter inglese,...
Cani

Le migliori razze canine per la ricerca dei tartufi

I tartufi sono tra le prelibatezze più costose del mondo e simili ai funghi, con la differenza che crescono nel sottosuolo in prossimità delle radici di diverse specie di alberi. Trovarli non è facile, per cui c'è bisogno dell'aiuto di cani che nello...
Cani

Come Allevare L'Epagneul Breton

L'Epagneul Breton è una razza di cani di origine francese, riconosciuta dalla FCI (Standard N. 95, Gruppo 7, Sezione 1). Nel 1387 il conte Gastone Phoebus, nel suo famoso "Livre de la chasse", ritiene questo cane originario della Spagna, da cui il nome...
Cani

Come scegliere il cane per la caccia grossa

Se siete appassionati di caccia grossa, sport in voga in particolare nel Regno Unito, o se intendete avvicinarvi a tale pratica, ma siete in difficoltà nella scelta di un un fedele compagno che sappia esservi di grande aiuto nelle vostre battute, non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.