Come addestrare un topo ballerino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il topo ballerino è una razza di topo che in natura non esiste, ma sono il risultato dell'accoppiamento di topolini con disturbi neurologici, creati in laboratorio e selezionati per poi essere venduti all'uomo. Come tutti i topi è possibile addestrarli, ma ci vuole molto tempo e tanta pazienza. Se avete acquistato un topo ballerino e volete sapere come addestrare questo simpatico topolino, in questa guida troverete alcuni consigli utili per farlo. Date quindi un nome al vostro topo ballerino, armatevi di tanta pazienza e vedrete che non sarà poi così difficile.

26

Occorrente

  • Tempo, pazienza e cibo.
36

Evitate di prenderlo in mano

Per addestrare questi simpatici topolini occorre creare con gli stessi un rapporto di fiducia. Per far questo dovete assolutamente evitare di acchiapparli e tenerli tra le mani, perché così facendo rischiate esclusivamente di farli spaventare e ogni volta che vi vedranno tenderanno a scappare per evitare di essere presi. Inizialmente quindi è di fondamentale importanza non prenderli in mano e aspettare che siano loro ad avvicinarsi a voi. Vedrete che una volta che avrete conquistato la loro fiducia, saranno loro stessi a salire sulla vostra mano e magari si faranno anche una passeggiata sul vostro corpo.

46

Parla con lui

La prima cosa da fare dopo averli sistemati in una bella gabbietta spaziosa i cui possono correre e divertirsi è quello di avvicinarsi alla gabbia e parlargli. Così facendo abituerete i topini alla vostra presenza, permettendo loro di riconoscere la vostra voce. Naturalmente, usate un timbro di voce tranquillo, evitando di parlare a voce troppo alta. Questo è un modo semplice e pratico verso l'addestramento del topo.

Continua la lettura
56

Dagli il cibo dalla mano

Altra azione molto importante da fare per addestrare il topo ballerino è quello di dargli il cibo dalla mano. Ricordate però di farlo solo dopo un po' di tempo, circa due settimane, in modo che l'animale sia già abituato alla vostra presenza e alla vostra voce. Come prima cosa, mantenete tra le dita un semino e offritelo al topolino, magari parlandogli in modo molto amichevole. Se vedete che si avvicina a prenderlo, continuate così per altri 3 - 4 giorni e poi provate a mettere il cibo direttamente all'interno del palmo della mano. Il topolino dovrebbe avvicinarsi e iniziare a mangiare dalla vostra mano e dopo alcune volte che lo avrà fatto, noterete che inizierà a salirvi sulla mano. A questo punto potete cercare di tirarlo fuori dalla gabbia e magari fargli fare un giro in casa, naturalmente in una zona ben delimitata per evitare che possa infilarsi sotto ai mobili e non uscirne più.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • State molto in sua compagnia e parlategli spesso
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Come allevare il topo domestico

Il ratto domestico o più comunemente topo domestico, è un piccolo animaletto della famiglia dei roditori. A differenze del topo di campagna che siete abituati a vedere, il topino domestico è di dimensioni leggermente più piccole ed ha un colore che...
Animali da Compagnia

Come addestrare un criceto

All'interno della presente guida andremo a occuparci di animali, in chiave di addestramento. Infatti, vi spiegheremo alcuni concetti che vi saranno sicuramente utili nel momento in cui avrete la necessità di dover sapere come addestrare un criceto.Oltre...
Animali da Compagnia

Come addestrare una cavia

La cavia, conosciuta anche come Porcellino d'India o Guinea Pig, è un piccolo roditore dalla spiccata intelligenza. Nonostante la sua caratteristica pigrizia, questo grazioso animaletto sa imparare giochini di diverso tipo in modo davvero sorprendente....
Animali da Compagnia

Come addestrare i gerbilli

Il gerbillo è un animale che ama la compagnia o, meglio, necessita di un compagna, altrimenti potrebbe morire di solitudine, anche se stessimo con lui tutto il giorno. Potrebbe anche essere una coppia dello stesso sesso, ma l’importante, in tal caso,...
Animali da Compagnia

Come addestrare un furetto

In questa guida vi esporremo come addestrare un furetto. È un animale che a volte può sviluppare la cattiva abitudine di mordicchiare. Se avete un giovane esemplare, è importante insegnargli a non mordere anche quando gioca ma sopratutto a non mordicchiare...
Animali da Compagnia

Come addestrare un coniglio

Il coniglio è molto intelligente, è un animale socievole, curioso, pieno di sorprese che vive in coppia o in gruppi familiari. È un eccezionale animale da compagnia soprattutto se si riesce ad addestrare al meglio e ad instaurare con lui una buona...
Animali da Compagnia

Come addestrare coniglio nano

Se amate gli animali in generale, il coniglio nano sarà quasi sicuramente uno dei vostri preferiti. È tenero, simpatico e il suo aspetto piace praticamente a tutti. Come qualsiasi altro animale, una volta che si decide di addestrare un coniglio nano,...
Animali da Compagnia

Come addestrare il criceto a dormire di notte

Il criceto, dopo il cane ed il gatto, è sicuramente l'animale da compagnia più amato soprattutto dai bambini. Si tratta di un roditore normalmente mansueto, ma molto spesso tende a dormire di giorno e di conseguenza a restare sveglio durante la notte;...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.