Come affrontare la perdita del proprio gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Chi possiede un animale domestico generalmente tende a trattare quest'ultimo come un membro fondamentale della propria famiglia. Pertanto quando l'animale per qualsiasi motivo viene a mancare è sempre un grande dolore. Nella seguente guida dunque verrà spiegato, in pochi e semplici passaggi, come fare per poter affrontare al meglio la perdita del proprio gatto.

25

Prendere un nuovo gatto

Innanzitutto occorre dire che il dolore che si prova alla morte di un gatto, è nettamente diverso rispetto al dolore associato alla perdita di un parente stretto oppure di un amico. In molti casi, chi perde un gatto per un motivo o per un altro, tende ad andare in depressione per un periodo di tempo indeterminato. Nella maggior parte dei casi, si prova a cercare un altro gatto per alleviare il dolore, anche se molto spesso non è la soluzione più idonea in quanto inevitabilmente il nuovo ospite sarà spesso oggetto di paragoni con il gatto che si aveva prima ed alla mente si affacceranno i relativi ricordi.

35

Prendersi cura del nuovo gatto

Se si sceglie di prendere in casa un altro gatto per sopperire alla scomparsa del precedente, è necessario prendersene cura nel modo migliore possibile e dare all'animale tutto l'affetto e le attenzioni di cui egli ha bisogno. Col passare del tempo infatti il ricordo del gatto precedente potrà essere offuscato dal nuovo gatto e l'animo riuscirà a rasserenarsi.

Continua la lettura
45

Guardare le vecchie foto

A prescindere dalle circostanze che hanno determinato la perdita del gatto, solo con il tempo si potrà superare progressivamente il dolore legato alla perdita. Nel caso in cui sia morto di recente, sarà utile guardare di continuo le sue foto scattate con la macchina fotografica (magari messe in un'apposita cartella sul computer) e raccontare a qualche amico tutti i dettagli della sua vita. Questo è sicuramente un ottimo modo per sentirsi sollevati e riuscire a superare la crisi in men che non si dica. Così facendo, dopo che il dolore si sarà del tutto attenuato, ci si potrà mettere alla ricerca di un nuovo gatto con entusiasmo, essendo consapevoli che potrà garantire lo stesso affetto del precedente.

55

Prepararsi psicologicamente

Se il proprio gatto è avanti con gli anni oppure ha una malattia molto grave, per affrontare la sua triste scomparsa, è necessario sicuramente prepararsi psicologicamente. Bisogna infatti tenere in considerazione che presto o tardi l'animale ci lascerà e che non potremo fare nulla per poterlo aiutare. Nel caso in cui il gatto sia malato è possibile comunque rivolgersi ad un veterinario per trovare una buona soluzione alla malattia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come superare la perdita di un gatto

I felini sono animali molto particolari e chi possiede un gatto lo sa bene. Pur essendo ormai addomesticati, prevale la loro indole selvatica. Spesso sono asociali, scontrosi, pigri e territoriali, nonostante questo sono molto giocherelloni e curiosi...
Gatti

Come affrontare l'avvelenamento del gatto

Potrebbe capitare che il nostro amico gatto, curioso com'è, si metta nei guai giocando con tutto ciò che gli capita a tiro oppure che ingerisca sostanze potenzialmente pericolose. In questi casi spetta a noi accorgerci tempestivamente dell'accaduto...
Gatti

Come affrontare il primo giorno del gatto in casa

Il gatto è un animale domestico meraviglioso e, crescendo in casa con l'uomo, diventa estremamente affettuoso e capace di regalare molto amore. Il gatto ha, però, una forte natura selvatica nella quale, del resto, risiede parte del suo grande fascino....
Gatti

Consigli per affrontare al meglio la sterilizzazione del vostro gatto

Malgrado la sterilizzazione possa sembrare una vera e propria crudeltà da affliggere al nostro gatto, in realtà si tratta di un intervento chirurgico consigliato dai migliori veterinari. Tale operazione, infatti consente di ridurre in modo significativo...
Gatti

Come spazzolare un gatto

I gatti sono degli splendidi animali, capaci di dare tanto amore, soprattutto se vivono in casa. Per quanto siano animali discreti, la presenza di un gatto in casa, però, è visibile per la grande quantità di peli che perde ogni giorno. In questa guida...
Gatti

Come spazzolare il gatto norvegese

Avere un gatto maschio originario delle foreste norvegesi è senza dubbio bellissimo, se non altro per il pelo soffice e voluminoso che questa specie di felino per natura si ritrova. Un problema riguarda però il pelo, che esige un metodo ed una tecnica...
Gatti

Gatto depresso: come riconoscere i sintomi e cosa fare

All'interno di questa guida, discuteremo un argomento molto particolare: i sintomi e i segnali che ci indicano e ci aiutano a capire se il nostro gatto è depresso. Anche gli animali possono passare dei periodi bui e questo viene spesso notato se, con...
Gatti

10 ragioni per vivere con un gatto

Chi scegli di vivere con un gatto lo fa per amore verso questo animale. Il legame che si instaura tra con il proprio micio è qualcosa di speciale, spesso paragonabile a quello che si instaura con il proprio partner. Uno dei motivi che ci spingono a prendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.