Come aiutare i gatti randagi

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nonostante il gatto venga ritenuto un animale che ha come peculiarità la libertà e l'indipendenza, tante volte succede d'incontrare per strada delle colonie di felini che vagano alla ricerca di qualcosa da mangiare.
In passato, riuscire a trovare qualche piccolo animale con il quale nutrirsi era abbastanza facile ma, per colpa dell'aumentare dell'urbanizzazione e della presenza sempre minore di campagne o aree verdi, la sopravvivenza dei gatti randagi è divenuto sempre più complesso.
Ecco dunque come aiutare i gatti randagi.

25

Occorrente

  • Cibo
  • Acqua
  • Luogo adeguato (capannone, vecchio magazzino, ecc.)
  • Vecchi maglioni
  • Vecchie coperte
  • Cuccia usata
  • Veterinario
35

Il cibo

Innanzitutto, è necessario considerare che i gatti randagi hanno delle necessità diverse rispetto ai felini di casa, perché in numerosi casi essi non hanno avuto durante i primi giorni di vita l'imprinting nei confronti dell'essere umano e, quindi, difficilmente vedono in quest'ultimo un amico di cui fidarsi.
Tenendo in mente tale aspetto, molte persone avranno l'opportunità di evitare degli errori e di compiere delle azioni che non verrebbero minimamente apprezzate dall'animale e potrebbero anche non aiutarlo affatto.
La prima necessità che bisogna soddisfare in un gatto randagio è certamente la fame e la sete: precisamente, dovrete cercare di posizionare il cibo e l'acqua in un luogo non eccessivamente vicino ad una strada trafficata e lontano dall'abitazione, in modo da avere la possibilità di tornare tutti i giorni a versare ulteriori alimenti.

45

La cuccia

Un altro consiglio è quello di rendere il posto destinato ai gatti randagi maggiormente confortevole, specialmente qualora abbiate la possibilità d'ospitarli all'interno di un capannone o vecchio magazzino: potrete stendere per terra dei maglioni non più impiegati, delle vecchie coperte oppure una cuccia già utilizzata, per fare in modo che i gatti randagi possano proteggersi dal freddo.

Continua la lettura
55

Le cure

In diverse situazioni, potrebbe succedere che uno dei gatti randagi presenti qualche ferita (anche piuttosto grave), determinata dalle lotte che si verificano tra loro o con ulteriori animali: inoltre, spesso può accadere che, all'interno di una colonia di questi animali siano presenti alcuni esemplari femmina.
Nel primo caso, considerando la paura dell'essere umano da parte dei gatti randagi, dovrete avvisare un veterinario, affinché provveda a somministrare un sedativo, prima di tentare di catturare il gatto per portare le cure occorrenti.
Nella seconda situazione, sarebbe necessario portare il felino randagio dal veterinario dell'Azienda Sanitaria Locale (ASL), in modo che possa provvedere gratuitamente alla propria sterilizzazione: ciò eviterà che la colonia felina possa crescere ulteriormente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Gatto randagio: come comportarsi

Nonostante moltissime associazioni animaliste, comunali o volontarie, facciano del loro meglio per impedire gli abbandoni questi ancora avvengono. Non tutti i randagi sono però abbandonati moltissimi animali sono infatti ancora selvatici. In questa guida...
Cani

Come spulciare un cane randagio

Il cane è notoriamente considerato il migliore amico dell'uomo, ed è in grado di dare amore e affetto al suo padrone, con il quale ha stabilito un rapporto di alta fedeltà fin dai primi giorni. È noto anche che, purtroppo, molto spesso, ci si imbatte...
Cani

Motivi per cui sterilizzare il cane

Molti pensano che sterilizzare il proprio cane sia un atto eticamente scorretto. In realtà le ragioni a favore della sterilizzazione del cane superano quelle contrarie. A sostegno di queste motivazioni ci sono delle ragioni sanitarie e non solo. Vediamo...
Cani

Come comportarsi di fronte a un cane randagio

Gli animali sono creature che dialogano in modo diverso dall'uomo, sia tra loro che con l'uomo stesso. A volte basta uno sguardo, un piccolo lamento o un segnale per far trapelare amore, nervosismo, dolcezza, felicità. Il rapporto con gli animali i basa...
Gatti

Come adottare una colonia di gatti

Le colonie feline, ovvero gatti randagi in libertà, sono molto diffuse in Italia. Si osservano in ogni piccola o grande città, nei quartieri e nelle strade di campagna. Questi agglomerati felini godono di una speciale tutela, sancita dalla legge 281...
Animali da Compagnia

Le più comuni patologie del gatto

I felini sono dei meravigliosi animali dotati di grande agilità, eleganza, furbizia, ecc. Un gatto giovane e sano è molto curioso, sempre in movimento soprattutto di notte, con un buon appettito e ritmi regolari in generale. Tuttavia anche gli animali...
Gatti

Come avvicinare un gatto randagio

Capita spesso di incontrare cani o gatti randagi per strada. Se siete degli amanti degli animali vorrete a tutti i costi avvicinarli, accarezzarli e giocarci un po'. Se per i cani questa operazione è semplice, diventa quasi impossibile per i gatti. I...
Animali da Compagnia

10 consigli per proteggere gli animali dal maltempo

Se avete in casa cani e gatti, saprete quanto essi temano il maltempo. Certo, non reagiscono tutti allo stesso modo, ma pioggia, freddo e temporali sembrano proprio non andare molto d'accordo con gli amici a quattro zampe. I cani possono diventare irrequieti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.