Come aiutare il gatto a perdere peso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Negli ultimi anni i nostri amici gatti, soffrono di una patologia che sta gradualmente aumentando in numeri e casi: l'obesità. Ad oggi, secondo le ultime statistiche un gatto su tre è obeso.
Le motivazioni che portano a questa patologia possono essere molto, ad esempio una cattiva alimentazione, oppure troppo poca mobilità.
Spesso non si prendono le giuste misure e le conseguenze sono davvero gravi per l'animale. Possono sfociare ad esempio fino al diabete oppure a problemi cardiocircolatori o respiratori.
L'importante è metterci tanto impegno e soprattutto cercare di essere pazienti, vediamo come aiutare i nostri gatti a perdere peso, senza compromettere la sua salute.

26

Occorrente

  • costanza, corretta alimentazione, impegno
36

L'alimentazione

Il primo fattore chiave è l'alimentazione. È fondamentale che il gatto mangi in base al suo peso, per cui sono da evitare spuntini frequenti e soprattutto, errore che molte famiglie commettono, gli avanzi di cibo, poiché apporterebbero soltanto dei danni.
In questa ottica è importante non lasciare del cibo continuo a disposizione del gatto, ma abituarlo a mangiare regolarmente e con frequenze cadenzate a determinati orari.
In aggiunta è essenziale lasciargli sempre la ciotola dell'acqua fresca e ben pulita.

46

Qualità del cibo

Un altro aspetto da considerare riguarda anche la qualità di cibo che non deve essere affatto sottovalutata. È fondamentale dare al vostro gatto degli alimenti sani e di qualità. Scegliere bene sul mercato le migliori marche, senza cercare di risparmiare a discapito della salute del gatto.
Inoltre potete preparare anche voi dei cibi freschi come pesce, agnello o pollo, sicuramente saranno abbastanza graditi dai vostri amati pelosetti. Mi raccomando niente sale però!

Continua la lettura
56

Attività fisica

L'attività fisica gioca un ruolo determinante. A tale proposito è importante che il vostro felino stia in movimento in modo che bruci calorie. Fatelo spesso uscire di casa se avete la possibilità, sempre monitorando che scappi! Potete liberamente svegliarlo inoltre, se decidete che stia dormendo da troppo tempo.
Per cui è fondamentale adottare le giuste strategie senza stressarlo, ad esempio potete portarlo a passeggio, oppure potete cercare di farlo giocare per casa per almeno 20 minuti al giorno.
Infatti in commercio esistono diversi giochi per gatti in grado di stimolarli nell’esercizio fisico.
Nel caso, corpo anche questi consigli, non vedete dei miglioramenti, allora è il caso di contattare il vostro veterinario di fiducia e concordare assieme a lui eventuali correttivi paramedici.
Infatti sarà proprio il vostro veterinario che vi darà il programma idoneo al fine di gestire al meglio questa patologia.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Preparate voi del cibo sano, se volete risparmiare qualcosa!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come aiutare il gatto a vomitare

I gatti, si sa, sono curiosi per natura. Questa loro indole li può mettere, però, in situazioni di pericolo; già, perché passeggiando in giro per il quartiere possono entrare in contatto con i più comuni insetticidi, piante velenose o altro. L'avvelenamento,...
Gatti

Come aiutare un gatto timido

Il gatto a differenza di altri animali ha una sua natura riservata; scruta il territorio dall'alto o da lontano per controllare i pericoli o le prede da afferrare. Tuttavia può capitare che un gattino sia più timido del solito a causa di qualche trauma...
Gatti

5 consigli per aiutare il gatto quando fa caldo

Con la stagione estiva, le temperature possono raggiungere picchi molto elevati. Il gatto, come altri animali, ha una folta pelliccia, che durante i mesi più caldi può diventare un problema. Esistono alcuni sistemi ed accorgimenti, per mantenere adeguata...
Gatti

Come aiutare un gatto a partorire

Il momento del parto per le gatte arriva dopo circa 64 giorni di gestazione. Man mano che il parto si avvicina noterete che la gatta assumerà un atteggiamento irrequieto, cercherà un posto dove nascondersi e farà fusa più sonore e più insistentemente....
Gatti

Come far espellere al mio gatto le palle di pelo

Il gatto è un animale dall'indole particolare, molto attento alla propria igiene. È noto come il gatto sia restio a bere dell'acqua non abbastanza limpida. La pulizia, per i felini, è molto importante. Passano una buona parte del tempo a pulire il...
Gatti

Come aiutare un gattino pauroso

Fin da cuccioli, i gatti mostrano un'innata curiosità, voglia di esplorazione dell'ambiente che hanno attorno. Tuttavia, può capitare di dover gestire un gatto che abbia timore di un nuovo ambiente dove non riesce a integrarsi nel migliore dei modi....
Gatti

Consigli per il calcolo della giusta quantità di cibo al gatto

Per un gatto, la corretta alimentazione è un aspetto fondamentale. La giusta quantità di cibo dipende da diversi fattori. Dovete considerare l’età del gatto ed il suo peso. Inoltre, le dosi cambiano a seconda che il cibo sia umido o secco. Un’alimentazione...
Gatti

Le 5 caratteristiche del gatto persiano

Le razze feline sono infinite, ma solo alcune sono effettivamente riconosciute dalle federazioni internazionali. Nella loro infinita maestà, ve ne sono alcune che spiccano più di altre. Una di queste è la razza persiana. Il gatto persiano viene spesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.