Come aiutare un gatto obeso

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il tuo gatto vive praticamente sempre in casa, l'hai viziato con troppi croccantini e non passa più dalla gattaiola, non rincorre più i topolini, le lucertole, insomma, è diventato obeso, fermati un attimo e rifletti sui problemi che la sua nuova condizione fisica potrebbe generargli.
Purtroppo le statistiche parlano chiaramente: un gatto su quattro è oggi obeso, sovrappeso, con gravi rischi sulla sua salute, accorciandogli la vita anche di diversi anni.
Per quanto sia fotograficamente interessante (la gente ama i gatti 'cicciolosi'), il tuo obbiettivo primario dovrà essere sempre focalizzato sulla qualità della vita del tuo amico felino, quindi, chiedendo consiglio al tuo veterinario di fiducia e seguendo anche le nostre indicazioni, re-imposta la vita del tuo micio.
Una piccola guida che ti consiglierà come aiutare un gatto obeso, viziato, pigro, al fine di ridargli l'energia e la forma necessaria per tornare a giocare, smaltire le calorie, poter avere una vita ideale, quindi più lunga.

27

Occorrente

  • Alimenti ipocalorici
  • Palline
  • Matasse di lana
37

Alimentazione

L'obesità felina, inutile negarlo, quasi sempre deriva dalle cattive abitudini alimentari che sono lui imposte.
Viziarlo con spuntini frequenti, croccantini non adeguati alla sua tipologia di vita (va sempre considerata una dieta specifica per gatti domestici e gatti che possono usufruire di un regime di semi-libertà), cibi in scatola ricchi di grassi e di conservanti, determinano conseguenze anche gravi sullo stato di salute del gatto.
Se il vostro micio è quindi definibile obeso, cioè il suo peso supera di almeno il 30% il peso standard della sua razza, ciò vale, con considerazioni adeguate, anche per i meticci, è giunto il momento di riconsiderare la sua dieta alimentare.
In commercio potrete trovare croccantini e scatolette a basso contenuto calorico, alimenti ipo-proteici ideali per un regime povero di grassi.
Tra le scatolette (il prezzo non è affatto elevato), il tonno in scatola conservato in acqua, non in olio ovviamente, è anch'esso un alimento perfetto per un regime ipo-calorico, così le carni fresche lessate e tritate con il coltello, come il petto del pollo.
Assieme al vostro veterinario determinate quindi una dieta nuova, segnatevi nel tempo i progressi dovuti al calo del peso, evitate spuntini frequenti, imparate voi stessi che l'alimentazione di un felino è diversa da quella di un essere umano. In natura i felini consumano un pasto a volte anche dopo una settimana di digiuno, non sempre le prede sono cacciabili con facilità, ma la natura li ha dotati di un metabolismo adatto a superare le fasi di digiuno forzato, non a caso anche i gatti domestici sono dei gran dormiglioni, abbassano il loro metabolismo istintivamente.
Un pasto al giorno sarà quindi sufficiente a riequilibrare la sue dieta e ridare forma al vostro micio.

47

Gioco

Il gioco è fondamentale per tutti gli animali, selvatici e domestici.L'obesità felina dei gatti domestici spesso è dovuta alla conseguenza di un'indole di natura pigra la quale, se non spronata da voi stessi, porterà il gatto ad adagiarsi su uno stile di vita fatto di lunghe dormite e pasti frequenti.Non lasciate quindi la ciotola dei croccantini sempre a portata, spingete il gatto a giocare, inseguire la palla, concedergli di rincorrere matasse di lana, topolini finti, concedendogli anche di uscire, la situazione ideale.Il processo mentale del sonno/cibo va interrotto introducendo anche la fase dell'attività motoria, del gioco, la sua beauty farm domestica nella quale ritroverà energie, tornando attivo, tonico, definito nelle muscolature.

Continua la lettura
57

Ipotiroidismo

Così come avviene per tutti i mammiferi, anche l'ipotiroidismo può essere causa di obesità per il gatto.Per questo motivo, prima di iniziare una dieta ferrea, è consigliabile rivolgersi al proprio veterinario per eseguire una serie di analisi tramite esami di feci e sangue e capire se a livello organico, l'animale è in salute o se presenta problemi di carattere ormonale.Ricordate che la sterilizzazione riduce la quantità ormonale, aumentando il metabolismo a volte anche in percentuali significative.Una selezione di esami specifici, ricercando eventuali scompensi di tipo ghiandolare, è la prima delle operazioni da compiere e, solamente quando le risposte potranno concedere una diagnosi medica che escluda complicazioni tiroidee o di altra origine linfatica, potrete iniziare il nuovo stile di vita del vostro gatto, il quale, in poco tempo, vi consegnerà un animale nuovo, attivo, vivace, pronto a vivere con voi più a lungo.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se il vostro gatto è completamente domestico, cioè vive solo in casa, considerate di concedere lui alternative e libertà di poter uscire, giocare, arrampicarsi, correre. Ciò soddisferà il suo istinto e lo porterà ad un consumo calorico maggiore
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come aiutare un gatto a perdere peso

Per milioni di italiani la compagnia di un animale domestico è una necessità irrinunciabile. La loro presenza ha degli effetti più che positivi nella vita di ogni giorno. Contribuiscono a migliorare la nostra salute mentale, allontanandoci dallo spettro...
Gatti

Come aiutare il gatto a vomitare

I gatti, si sa, sono curiosi per natura. Questa loro indole li può mettere, però, in situazioni di pericolo; già, perché passeggiando in giro per il quartiere possono entrare in contatto con i più comuni insetticidi, piante velenose o altro. L'avvelenamento,...
Gatti

5 consigli per aiutare il gatto quando fa caldo

Con la stagione estiva, le temperature possono raggiungere picchi molto elevati. Il gatto, come altri animali, ha una folta pelliccia, che durante i mesi più caldi può diventare un problema. Esistono alcuni sistemi ed accorgimenti, per mantenere adeguata...
Gatti

Come aiutare un gatto a partorire

Il momento del parto per le gatte arriva dopo circa 64 giorni di gestazione. Man mano che il parto si avvicina noterete che la gatta assumerà un atteggiamento irrequieto, cercherà un posto dove nascondersi e farà fusa più sonore e più insistentemente....
Gatti

Come tenere sotto controllo il peso del gatto

I gatti sono tra gli animali più difficili da accudire, ma anche tra quelli che ci danno più soddisfazioni. Proprio per questa difficoltà nell'accudirli, tra i gatti l'obesità è un problema comune che può comportare diversi danni alla salute del...
Gatti

Come aiutare un gattino pauroso

Fin da cuccioli, i gatti mostrano un'innata curiosità, voglia di esplorazione dell'ambiente che hanno attorno. Tuttavia, può capitare di dover gestire un gatto che abbia timore di un nuovo ambiente dove non riesce a integrarsi nel migliore dei modi....
Gatti

Come valutare se un gatto è da mostra

La mostra felina è una manifestazione a cadenza annuale generalmente della durata di due o tre giorni, dove i proprietari dei gatti iscrivono i loro amici a quattro zampe per sottoporli al giudizio di un'apposita giuria. In poche parole è un concorso...
Gatti

5 consigli pratici sull'igiene del gatto

Il gatto, come tutti i felini, è un animale particolarmente pulito e che tiene molto alla propria igiene personale. Per rendere sempre lucido il suo mantello, il gatto può impiegare anche ore per pulirsi grazie all'uso della sua ruvida lingua. Oltre...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.