Come aiutare una mucca a partorire

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La nascita è sempre un motivo di gioia, sia che si tratti di un bambino, sia quella di un cucciolo. Se siamo i fortunati possessori di una fattoria, e all'interno di questa vi sono mucche gravide in procinto di dare alla luce il loro vitellino, è possibile che al momento del parto abbiano la necessità di ricevere un aiuto dall'esterno. Vediamo allora come aiutare una mucca a partorire.

25

Occorrente

  • isolare la mucca
  • tenere monitorato il tempo dall'eliminazione del sacco con il liquido amniotico.
  • interpellare il veterinario di fiducia
35

La mucca porta avanti la sua gestazione per un periodo che varia tra i 280 e i 290 giorni. Proprio come avviene per gli esseri umani, anche gli animali hanno lo stesso iter: travaglio, parto. Per capire quando l'evento si sta avvicinando e ha inizio il processo della nascita, è sufficiente osservare attentamente l'animale. La mucca inizia a dare segni di insofferenza, sia nei confronti delle altre mucche sia nei riguardi delle persone presenti, tende a distaccarsi dal resto del gruppo. Quando questo avviene, può essere opportuno isolare la bestia e posizionarla in un luogo tranquillo dove poter dare alla luce il vitellino senza essere infastidita. Già questo accorgimento, fa sentire la mucca più tranquilla e rilassata.

45

Ci sono dei segnali da tenere ben presenti che ci comunicano se la mucca ha necessità di aiuto oppure è in grado di cavarsela da sola. Uno di questi può essere che, se dopo tre ore dall'espulsione delle acque, il vitello ancora non è nato, o quanto meno nessuna delle sue parti è in evidenza. La cosa migliore da fare e sicuramente quella di monitorare il tempo non appena il sacchetto delle acque fuoriesce. A questo punto possiamo interpellare il veterinario di fiducia e comunicargli gli eventuali sviluppi. Può verificarsi anche la possibilità che il vitello sia girato dalla parte opposta, ovvero la prima a presentarsi è la testa anziché le zampe, in questo caso può essere necessario effettuare il taglio cesario naturalmente ad opera di un professionista.

Continua la lettura
55

Infine ricordate che il travaglio può durare anche diverse ore, per questo motivo è opportuno che sia sempre presente qualcuno che osservi l'andamento e quindi possa intervenire in caso di necessità. L'osservazione può essere fatta da una postazione nascosta in maniera da non disturbare troppo la mucca. Il segnale che il vitello sta veramente per nascere è quando il "sacchetto" contenente il liquido amniotico, viene espulso dall'utero della mucca. A questo punto il parto è ormai prossimo e nel giro di poche ore il vitello vede finalmente la luce. Questa fase può richiedere da 30 minuti fino a 3 ore. Questa differenza può essere data dal fatto se la mucca è al suo primo parto oppure ha già dato alla luce altri vitelli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come allevare i bovini

I bovini che vengono allevati nella Penisola Italiana fanno parte di razze differenti: talune sono adeguate come animali da carne, mentre le altre sono ideali quando si desidera puntare sulla produzione del latte. A prescindere dalla razza che decidete...
Cura dell'Animale

Indicazioni per una corretta mungitura

Se avete intenzione di trasferirvi in campagna e non avete idee di tutti i lavori che dovrete svolgere per portare avanti la vostra fattoria, siete nel posto giusto. In questa guida parleremo di come mungere una mucca. La mungitura è un lavoro non poco...
Cura dell'Animale

Come far partorire una cavalla

Il parto è un evento naturale ed anche per i cavalli nella maggior parte de casi, non occorre troppo bisogno di interventi in tal momento così delicato, se non se ci sono delle complicazioni improvvise. La nascita tuttavia del puledro, andrà sia preparata...
Gatti

Come aiutare un gatto a partorire

Il momento del parto per le gatte arriva dopo circa 64 giorni di gestazione. Man mano che il parto si avvicina noterete che la gatta assumerà un atteggiamento irrequieto, cercherà un posto dove nascondersi e farà fusa più sonore e più insistentemente....
Altri Mammiferi

Come calcolare l'età di un vitello

Da sempre allevato con successo dall'uomo, prima allo stato primitivo e poi attualmente nelle fattorie o nei grandi allevamenti industriali, il bovino, o bue domestico, viene classificato in diverse categorie, a seconda della destinazione per la quale...
Gatti

Come comportarsi quando la vostra gatta deve partorire

Tutti gli animali come gli esseri umani si accoppiano ma, è doveroso fare una premessa. Ci sono taluni animali che sono più delicati di altri e fra questi ci sono i gatti. Dovete sapere che la gatta durante il periodo della gravidanza (che va dai 58...
Altri Mammiferi

Come mungere una vacca

La mungitura, anche se può sembrare molto semplice da fare, ha bisogno di essere praticata con estrema attenzione e sensibilità per non danneggiare il alcun modo l'animale ed evitare che viva il tutto con estrema agitazione. Infatti, per mungere una...
Gatti

10 consigli per prepararsi al parto della nostra gatta

I gatti sono animali indipendenti, il loro istinto di predatori li spinge a provvedere ad ogni aspetto della loro vita: dalla ricerca del cibo a quella del luogo adatto per passare la notte, non c'è cosa a cui i nostri amici felini non riescano a provvedere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.