Come alimentare i lombrichi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Molti allevatori decidono di darsi all'allenamento di lombrichi soprattutto per rivenderli ottenendo guadagno o per utilizzarli come cibo per altri animali da allevamento. Anche nel terreno i lombrichi sono utili per far crescere sane alcune piante. I lombrichi però sono molto delicati e purché apparentemente semplici esistono alcune accortezze da avere per mantenere un allevamento sano. L'alimentazione in primis va controllata e dosata. Ecco come alimentare al meglio i lombrichi.

24

Ridurre in pezzetti il cibo

Come è risaputo, i lombrichi sono da considerare creature molto delicate, essi assumono energie sale sostanze organiche, in particolare di quelle in decomposizione. Un dettaglio che spesso sfugge, per disattenzione o ignoranza, è che i lombrichi non hannol i denti per cui non possono masticare. Per questo motivo potrebbe sembrare difficile sfamare un lombrico ma in realtà è molto semplice, basta rendere l'insieme di sostanze, di cibo, ciò che volete riciclare, a pezzi molto piccoli fino a ridurli quasi in poltiglia, poi dovranno essere pretrattati con una tecniche particolare.

34

Riconoscere quale cibo dare ai lombrichi

Per quanto riguarda il cibo, ci sono alimenti che possono mangiare e altri che invece vanno scartati. Tutti i tipi di frutta e verdura vanno benissimo, purché tagliati a pezzi piccoli, anche i rimasugli del caffè, del tè, e quelli delle uova possono essere dati, anche il pane è un ottimo alimento invece tra le sostanze che noi non ingeriamo e quindi che non possiamo riciclare dalla tavola vi sono carta, cartoni e quotidiani. Se avete un allevamento all'aperto allora il consiglio è quello di dare da mangiare ai lombrichi del letame purché sia maturo. Oltre a questo alimenti consigliati, ce ne sono altri assolutamente da evitare per un allevamento ottimo, questi sono tutti i cibi cotti, i cibi contenenti zolfo, i derivati del latte, i cibi molto grassi, carne e pesce e loro derivati.

Continua la lettura
44

Preparare il pasto ai lombrichi

Un passaggio importante per la preparazione del pasto dei lombrichi, oltre a quello del taglio giusto, è la sua fermentazione. Questa si ottiene semplicemente lasciando il cibo dentro un contenitore e ponendolo all'interno di un ambiente molto umido. Dopo un po di tempo otterrete una poltiglia compatta e omogenea, e potrete inserirla all'interno della compostiera ma senza esagerare, meglio poco composto alla volta per evitare che i lombrichi muoiano intossicati dai gas rilasciati dalle sostanze in fermentazione. Ripetere il processo una volta alla settimana e umidificare spesso l'ambiente. In questo modo e mantenendo la lettiera pulita otterrete un allevamento sano e duraturo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

L'allevamento del lombrico

L'allevamento del lombrico comporta una serie di difficoltà. Conosciuto come “verme della terra” esso appartiene all’ordine degli Anellidi, classe Oligocheti. È un animale vermiforme costituito da metameri, elementi in serie più o meno uguali...
Invertebrati e Insetti

Come allevare il ragno crociato

I ragni nella catena alimentare sono molto più importanti di quanto si possa immagginare. Sono sostanzialmente animali predatori con due precise caratteristiche: anno una forte capacità di adattamento, anno una marcata diversità fra specie e famiglia....
Invertebrati e Insetti

Come allevare le dafnie

Se per i pesci del vostro acquario marino avete bisogno di cibo vivo, allora vi conviene organizzare la coltura delle dafnie. Si tratta di piccolissimi esemplari appartenenti alla famiglia dei crostacei, e per riprodurle basta soltanto un minimo di tempo...
Invertebrati e Insetti

Come sbarazzarsi dei gechi in giardino

I gechi non rappresentano un pericolo per gli esseri umani e neanche per la casa. Molto spesso, però, pur non essendo dei parassiti, non sono degli ospiti ben graditi. Questi piccoli rettili si nutrono in modo particolare di veri parassiti e contribuiscono...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le lumache in giardino

In anni recenti non sono pochi a chiedersi come allevare le lumache in giardino. L'elicicoltura, infatti, è un'idea interessante per mettere a frutto un piccolo appezzamento verde inutilizzato. Le chiocciole fanno parte della gastronomia tradizionale,...
Invertebrati e Insetti

10 consigli per un allevamento di api produttivo

Sono sempre di più le persone che si dedicano alla creazione un proprio allevamento di api. Molto spesso questa attività nasce come un hobby praticato nella propria campagna, per poi diventare, se vi si appassiona a questo genere di produzione, una...
Invertebrati e Insetti

L'allevamento delle lumache giganti

Le Chiocciole giganti africane (impropriamente chiamate lumache) appartengono al genere Achatina ed il loro allevamento è adatto anche a neofiti. Originarie dell'Africa, sono chiocciole di grosse dimensioni. Il corpo è formato da una conchiglia esterna,...
Invertebrati e Insetti

Coccinella: 10 cose da sapere

Le coccinelle appartengono alla famiglia dei Coleotteri e sono presenti in tutto il mondo. Le coccinelle sono piccoli insetti: la grandezza può variare tra 1 e 10 millimetri, ma esistono esemplari che superano il centimetro. Sono a forma di semisfera,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.