15

Come alimentare un cavallo in modo corretto

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

I cavalli sono degli animali molto robusti e presentano un notevole stile, infatti vengono spesso impiegati in gare, dove si scommettono cifre di denaro abbastanza elevate; la loro muscolatura richiede un accurato mantenimento, sia nell'attività fisica, che nell'alimentazione. I cavalli in genere si sottopongono a manifestazioni, in cui devono camminare a lungo oppure portano pesi notevoli, è dunque giusto far seguire loro un corretto allenamento e una giusta alimentazione. È molto importante che un cavallo non sia in sovrappeso e né tanto meno in sottopeso, poiché in entrambi i casi non ce la farebbe a reggersi in piedi, sia per la pesantezza che per la debolezza. Ecco dunque come alimentare un cavallo in modo corretto.

25

Qualità del cibo

Il cibo deve variare, sia in quantità che in qualità, in rapporto al peso, alla razza, al sesso, all'età e soprattutto a seconda del clima e della stagione. Bisogna anche considerare che il cavallo sottoposto a lavori faticosi, deve ricevere una razione in più rispetto ad un cavallo sedentario. Generalmente i maschi richiedono una razione più abbondante rispetto alle femmine e ai puledri, mentre i cavalli vecchi necessitano di una razione molto ridotta.

35

Carico di lavoro

Per calcolare il carico di lavoro invece, potete applicare una comune scala con i seguenti valori prefissati: quantità di carico e lavoro pressoché inesistenti = nutrizione base; attività medio-intensa da 1 a 3 volte la settimana per circa un'ora = apporto nutrizionale medio; intensa attività svolta più di tre volte alla settimana o per più di 60 minuti al giorno = necessità più elevata di apporto calorico. Tenete poi presente che i cavalli nel pieno sviluppo, in gravidanza, durante l'allattamento avranno esigenze nutrizionali più elevate.

Continua la lettura
45

Quantità del cibo

Se il cavallo viene montato due o più volte alla settimana, avrà bisogno di una discreta quantità di grano in aggiunta al fieno. Seguendo le indicazioni della tabella vista precedentemente, è possibile valutare con precisione le diverse esigenze alimentari. I cavalli sedentari o utilizzati solo occasionalmente, dovranno mangiare ogni giorno dall'1,5% al 2% del loro peso corporeo. Un esemplare di medie dimensioni cavalcato due giorni a settimana necessiterà dai 15 ai 20 chili di cibo giornalieri.

55

Alimentazione

I cavalli che svolgono una moderata attività fisica, dovranno essere nutriti con una quantità di cibo pari al 2,5% del loro peso corporeo, suddivisa in tre parti di fieno e una di grano. Un cavallo che viene montato quotidianamente o utilizzato per la riproduzione, potrebbe richiedere fino a 30 chili di cibo al giorno, tra cui 5-8 chili di grano. Ricordate una regola fondamentale: non somministrare mai tutto il cibo in un unico pasto, ma suddividetelo in tre o quattro razioni.

15

Alimentazione del cavallo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Fermo restando che l'alimentazione naturale e di base è l'erba, che rappresenta la maggior parte dell'alimentazione del cavallo, è molto importante che la stessa alimentazione venga dosata e curata in base alle esigenze dell'animale, a prescindere se si tratta di un cavallo da pascolo oppure da equitazione. In questa guida viene fornita una semplice panoramica di quelli che dovrebbero essere i cibi di base per una vita sana ed equilibrata. Ecco quindi, per voi, un vademecum sulla alimentazione del cavallo. Dalla sua tenera età al suo completo sviluppo.

25

Abituare gradualmente i puledri a rispettare i ritmi giusti di alimentazione

Il cavallo allevato in una stalla dovrà avere una dieta particolare, che gli fornisca la giusta energia per mantenersi sano e per svolgere il lavoro a lui assegnato. In modo diverso devono essere nutriti i cavalli che svolgono attività agonistiche. I puledri, dopo lo svezzamento, vanno abituati gradualmente a rispettare i ritmi giusti di alimentazione. Nel caso di cavalli purosangue da gara, l'alimentazione è identica per quasi tutti variando solo per alcuni esemplari. I cavalli da scuderia per esempio, sono nutriti con fieno, avena e naturalmente acqua. Si integra con una regolare dose di vitamine e sali minerali, contenuti per esempio in alimenti come la frutta e, in particolare, nelle mele, oppure in verdure come carciofi e tuberi come le carote.

35

Somministrare gli integratori

Un puledro, così come un cavallo a riposo, mangia molto meno rispetto ad uno che lavora e si muove molto o svolge attività agonistica. Inoltre, gli integratori vanno somministrati non solo per gli sforzi fisici, ma anche in inverno. Ai nostri tempi non è molto facile trovare le materie prime e spesso si devono affrontare costi elevati. Per superare tutto ciò, si ricorre ai mangimi, che in alcuni casi sono integrati da vitamine e sali minerali, in altri invece hanno una composizione quasi del tutto naturale.

Continua la lettura
45

Attenzione a dare un'alimentazione che corrisponda alle loro caratteristiche psicofisiche

In genere i cavalli, oltre ad essere dotati di una buona intelligenza, hanno anche un ottimo carattere e bisogna stare attenti a dare loro un'alimentazione che corrisponda alle loro caratteristiche psicofisiche. L'acqua invece è da somministrare ad esemplari adulti e piccoli secondo la necessità. Le proteine poi vanno date soprattutto ai puledri in fase di accrescimento, dopo che sono stati svezzati.

55

La dieta deve essere più energetica nella maturità

Quindi è chiaro che ad ogni fase di sviluppo il cavallo dovrebbe avere una alimentazione equilibrata adatta alla crescita in tutti i suoi aspetti: la dieta deve essere più energetica nella maturità, più particolata e consona a superare le carenze durante il periodo della riproduzione, formulata per il recupero in caso di animali anziani o debilitati.

15

I mangimi nell’alimentazione del cavallo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Se siamo degli amanti dei cavalli ed in particolare stiamo pensando di allevarne qualcuno, per prima cosa dovremo ricercare delle informazioni sulle varie esigenze di questo animale, in questo modo potremo farlo crescere sempre in maniera perfetta. Su internet potremo trovare tantissime guide che ci aiuteranno a comprendere e soddisfare i bisogni del nostro cavallo come ad esempio l'alimentazione corretta, le giuste dimensioni della stalla e molto altro ancora. In questo modo pur essendo alle prime armi con la cura dei cavalli, potremo piano piano riuscire ad imparare tutte le sue esigenze. Nei passi successivi, in particolare, vedremo quali sono i migliori mangimi nell'alimentazione del cavallo.

25

Occorrente

  • mangime
  • cavallo
35

Mangimi semplici

I mangimi semplici conservano grandi quantità di energia e principi nutritivi. Sono dei semi con poca fibra grezza ma un abbondante concentrazione di proteine, sali minerali e vitamine. Sono di facile conservazione ed occupano anche una piccola quantità di spazio. Esempi di mangimi semplici sono: l'avena che è ottimo per le proprietà del tono muscolare dell'animale, le fave che sostituiscono in parte l'avena e rendono il pelo lucido, il frumento che porta un elevato senso di sazietà nel cavallo, l'orzo che favorisce lo stato di nutrizione ed è considerato un ottimo alimento, il lievito di birra che stimola l'appetito ed ha molte proteine.

45

Mangimi composti

Sono invece definiti mangimi composti, quelle miscele create con prodotti naturali di origine vegetale ed animale. Per i puledri invece è consigliabile un alimento che comprende un mangime ricco di erbe officinali, grassi polinsaturi, fibre intatte che migliorano la masticazione, sostanze vegetali secondarie, vitamina E naturale, proteine ed infine cereali. Per un cavallo in genere va bene un mangime fioccato, caratterizzato da mais, orzo, avena ed altri cereali.

Continua la lettura
55

Scelta del mangime

Per scegliere il mangime migliore per il nostro cavallo bisogna tenere conto infatti dell'età, della statura, della corporatura, del lavoro e della condizione fisica del nostro mammifero. Per alcuni animali il mangime crea problemi di sovralimentazione, quindi è opportuno dosare le quantità in maniera esatta, magari facendosi aiutare da un professionista. Un consiglio è quello di somministrare il mangime almeno due ore prima del fieno, in questo modo verrà digerito decisamente meglio (questo può causare sazietà). A questo punto potremo finalmente conoscere tutti i tipi di mangimi esistenti per l'alimentazione del nostro cavallo, semplicemente seguendo tutti i passaggi riportati in precedenza.

16

Alimenti da non dare al cavallo

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

L'equitazione è un'attività che sta prendendo sempre più piede nel nostro paese. Moltissimi giovani e anche giovanissimi si stanno appassionando a questo sport affascinante, che può regalare grandissime soddisfazioni sia a livello agonistico che amatoriale. Uno degli aspetti più affascinanti dell'equitazione è il rapporto che si stringe con il cavallo. Una fiducia che si conquista a piccoli passi, giorno dopo giorno. Se vogliamo che il nostro cavallo si inizi a fidare di noi, un momento molto importante è quello dei pasti o dei piccoli premi che possiamo dargli per gratificarlo. Dobbiamo però fare sempre attenzione a ciò che gli diamo. Ecco una lista di 5 alimenti da non dare assolutamente al nostro cavallo. Buona lettura.

26

Alimenti concentrati

Il primo alimento che non dobbiamo dare al cavallo sono gli alimenti concentrati o compressi. Anche se in commercio esistono moltissimi preparati a base di miscele concentrate e compresse per cavalli, questi alimenti sono sconsigliati perché non voluminosi. Il cavallo ha bisogno di alimenti di consistenza e fibre grezze, che riempiano il suo stomaco facendolo sentire sazio. Inoltre l'intestino del cavallo è molto delicato: è un animale soggetto a coliche frequenti.

36

Erbe infestanti

Quando somministriamo del fieno al cavallo, dobbiamo fare molta attenzione che esso sia privo di erbe infestanti. Alcune erbe potrebbero essere letali per il nostro animale e dobbiamo sempre seguire alla lettera i consigli del veterinario di fiducia. Il fieno è un cibo preponderante nell'alimentazione del cavallo ma dev'essere un fieno di qualità, come quello di erba medica o graminacee.

Continua la lettura
46

Orzo

Il terzo alimento da non dare al cavallo è l'orzo. Questo alimento non è assolutamente vietato, anzi potrebbe anche essere somministrato ma dobbiamo accertarci preventivamente che il nostro cavallo non ne sia allergico. L'orzo è infatti uno degli alimenti a cui i cavalli sono più allergici in assoluto e potrebbe causargli reazioni come eruzioni cutanee.

56

Cioccolato

Il quarto alimento che non dobbiamo mai dare al nostro cavallo è il cioccolato, sotto qualsiasi forma. Anche se possiamo pensare che un quadratino di cioccolato fondente lo possa gratificare, dobbiamo ricrederci perché il cavallo non è come l'uomo! La cioccolata per il cavallo è un eccitante molto potente e potrebbe causargli tremori, agitazione e altri problemi intestinali.

66

Aglio e Cipolla

Anche se per l'uomo questi alimenti sono del tutto innocui e anzi rendono saporiti e gustosi i nostri piatti, per il cavallo, così come per moltissimi altri animali, aglio e cipolla sono deleteri. Il sapore così forte di questi bulbi provocherebbe problemi intestinali al nostro animale, quindi molto meglio tenerli alla larga da lui.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.