Come allestire un terrario per grilli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Siete appassionati di insetti e ne conoscete tutte le specie e tutte le peculiarità, tanto da essere disposti a tenerli in casa propria? Bene, allora sicuramente vi interesserà questo articolo dedicato al mondo degli insetti, ed in particolare ad una specie molto simpatica, i grilli. Questi saltellanti animali, appartengono alla famiglia degli ortotteri, che si contraddistinguono per il loro colore verdastro, nero o bruno, e per il fatto che alcuni tipi sono capaci di produrre un canto molto simile a quello delle cicale. I grilli diventano spesso cibo per altri insetti come sauri, ragni, roditori ed anfibi. Se perciò volete tenerli in casa al sicuro, dovrete costruirgli un riparo. In questo articolo pertanto, vedremo come allestire un terrario per grilli.

25

Occorrente

  • Scatola di plastica (faunabox)
  • rotolini della carta igienica o cartoni delle uova
  • scatoletta di plastica
  • terra
35

Per prima cosa dobbiamo procurarci un contenitore dove far alloggiare i grilli, che potrà essere un faunabox, ovvero una scatola di plastica comunemente venduta nei negozi di animali come acquario per pesci rossi; oppure si può utilizzare una scatola di plastica trasparente come quelle che si trovano da ikea o nei negozi di hobbistica.

45

Una volta acquistato il contenitore, dobbiamo allestirlo in modo da ricreare l'ambiente ideale per la vita dei nostri insetti. Come prima cosa posizioniamo i rotolini della carta igienica o i cartoni delle uova su un lato della scatola. Poi posizioniamo una scatoletta di plastica contenente la terra in un qualunque punto della scatola, che servirà ai grilli femmina per deporre le uova, perciò metterla in maniera che sia raggiungibile da queste ultime. Infine mettiamo il cibo che sarà costituito da mangime per pesci, croccantini per cani o gatti, mela, arancia, fiocchi d'avena e pane.

Continua la lettura
55

Per quanto riguarda l'allevamento di questi particolari animali, dobbiamo sapere alcune importanti informazioni. I grilli dovranno stare ad una temperatura ideale di venticinque gradi, ma li potremo tenere a temperatura di casa. I grilli per bere, oltre alla fetta di mela o di arancia di cui si nutriranno, avranno bisogno anche di acqua che assumeranno tramite un batuffolo di cotone imbevuto. Per la riproduzione fanno tutto da soli, ma per il mantenimento delle uova dovremo cercare di tenerle ad una temperatura di circa 30 gradi perché in questo modo si accelereranno i tempi di schiusa. Infine, una volta al giorno tramite uno spruzzino dovremo bagnare la terra dove sono contenute le uova. Seguendo questi semplici consigli in breve tempo i grilli diventeranno sempre più numerosi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare la raaganella litoria ceerulea

Tra le varie specie di raganelle, la Litoria Cerulea è sicuramente la più interessante. Non solo per le elevate dimensioni (tra le più grandi della sua specie), ma anche perché è divertente e facile da allevare. Questo tipo di raganella “vive”...
Rettili e Anfibi

Come prendersi cura di una rana

La scelta tra gli animali domestici che decidiamo di avere in casa, può essere diversa al solito gatto, cane, pesciolino colorato o uccelli esotici; se infatti siamo alla ricerca di una compagnia un po' più particolare potremo optare per un anfibio....
Invertebrati e Insetti

Come allevare i grilli da pasto

Ci sono molti modi per procurarsi del cibo in modo autonomo. C'è chi utilizza il tuo pezzo di terra attorno alla propria casa per poter coltivare delle verdure od ortaggi o chi preferisce aprirsi un piccolo allevamento di bestiame come galline e mucche,...
Invertebrati e Insetti

Come eliminare i grilli

Il mondo animale è ricco di esemplari di vario genere: grandi, medi, piccoli, ognuno con habitat differenti e luoghi diversi, possono essere domestici, feroci, innocui, insomma qui in questa breve guida cercheremo di capire come eliminare i grilli, animali...
Rettili e Anfibi

Come allevare il geco leopardino

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale...
Rettili e Anfibi

Come alimentare il camaleonte

Il camaleonte è un rettile che fa parte della famiglia dei sauri. Sono molto conosciuti e "famosi" per la loro capacità di cambiare il colore della pelle per adattarsi e mimetizzarsi con l'ambiente dove vivono. Proprio per questo "fattore raro" molte...
Rettili e Anfibi

Come allevare il drago barbuto australiano

Negli ultimi anni, sempre più persone decidono di acquistare, come animali domestici, rettili ed anfibi. Tra i più desiderati, c'è sicuramente il drago barbuto australiano, un rettile a sangue freddo a cui bisogna prestare particolare attenzione, soprattutto...
Invertebrati e Insetti

Come tenere i ragni come animali da compagnia

Nonostante molte persone abbiano paura dei ragni, altre li amano e arrivano al punto di adottarne uno da tenere come animale da compagnia. Ovviamente, nonostante siano animali da compagnia inusuali e poco comuni, anche questi hanno bisogno di particolari...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.