Come allevare gli insetti stecco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L’ambiente naturale ospita tanti esseri viventi, quali umani, animali e vegetali. Si nutrono degli stessi elementi dove nascono e crescono, tanto da dovergli creare, se volessimo curarli fuori dal loro habitat, una gabbia le cui caratteristiche più importanti sono date dalla giusta ventilazione e dimensione, come andrà a spiegare questa guida che indirizza come allevare gli insetti stecco.

24

Le piante nutrici

Tra questi esistono degli esserini che vivono sempre sugli alberi o sugli arbusti, infatti, poche volte sono presenti nel suolo. La loro nuova casa, cercata dall’uomo, si deve sviluppare soprattutto in altezza. La larghezza si considera in base alle misure e al numero degli animaletti che si vogliono fare ubicare. Se è troppo minuta potrebbe danneggiare la loro salute. Solitamente, sono portati a masticarsi le zampette tra loro e pretendono di stare in uno spazio tale da poter compiere questa loro azione abituale, dunque senza essere limitati, com’è pure fondamentale per l’allevatore nel momento in cui dovrà pulire, fare manutenzione e ricambiare le piante nutrici.

34

Ventilazione ed umidità

E’ bene sapere che quando sono piccole necessitano di luoghi di simile grandezza, perché diversamente, non troverebbero il cibo per sfamarsi. Un buon consiglio è mettere su questi spazi chiusi una zanzariera o un qualcosa che riesca a dare l'esatta ventilazione ed umidità. Il formato vitale della gabbia dev’essere circa tre volte più grande dell’estensione dell’insetto in questione, per rendere fattibile il momento della sua muta, mentre l’aria e l’umidità si deve rapportare con quella della specie. Essendo di natura tropicale si consiglia lasciare ben ventilata la parte superiore, dunque, ben forata per realizzare un'adeguata soluzione. Si trovano in commercio, per quest’impiego, contenitori di plastica, che spesso non hanno le dimensioni ottimali, tanto da richiedere accorgimenti da parte di colui che alleva non potendo però avanzare uno stabile operato, perché si dovranno cambiare nel tempo, seguendo la crescita di queste bestiole.

Continua la lettura
44

I fasmidi

I fasmidi, la cui specie è solita delle regioni orientali e tropicali, mentre in Italia vivono specie del genere Bacillus, fanno parte di quest'ordine chiamato così, per la loro forma fisica allungata e sottile, come se volessero simulare i rami e le foglie dove si sviluppano. Allevarli è molto semplice. Basta adottare delle regole intuitive di facile compimento. Si è molto liberi nello scegliere ciò che servirà per custodirli, seguendo la propria abilità.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Le caratteristiche degli insetti

Gli insetti sono tra le specie animali più evolute. Infatti, grazie alle loro peculiarità, gli insetti sono a meno rischio di estinzione rispetto ai mammiferi, ai pesci o ai volatili. Basti pensare che nonostante ci siano moltissime varietà di insetti,...
Invertebrati e Insetti

Come riconoscere gli insetti

Ogni giorno attorno a noi ruota un piccolo micro mondo costituito da piccole creature che si muovono e volano. Solitamente li definiamo tutti insetti senza tuttavia saperli distinguere tra loro.Se leggerai questa guida ti spiegherò in maniera semplice...
Invertebrati e Insetti

I 5 insetti più pericolosi in Europa

Il mondo della natura, popolato da molteplici specie animali, è stupendo e affascinante ma alcuni suoi abitanti possono essere molto pericolosi per l' uomo. Tra le specie animali che possono rivelarsi dannose per gli esseri umani ci sono alcuni insetti,...
Invertebrati e Insetti

Come attirare le coccinelle e gli insetti utili nell'orto

Avete un giardino in casa? Vi piacerebbe coltivare un orto domestico, per poter mangiare con totale sicurezza alimenti sani e genuini, senza però usare insetticidi o pesticidi? Per fare ciò esistono diverse alternative, come ad esempio arricchire il...
Invertebrati e Insetti

I principali insetti con 4 ali

L'ordine degli imenotteri comprende molte specie di insetti e tra questi la maggior parte presenta quattro ali sul dorso. La parola imenottero deriva infatti da Hymen, ossia membrana, quella che forma le ali stesse di questi insetti. I benefici di questa...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle in giardino e in serra

Allevare delle farfalle è piuttosto semplice, ed è una pratica in forte espansione anche in Italia. In riferimento a ciò nei passi successivi troverete una guida dettagliata su come allevare le farfalle in un giardino o in serra, e nel contempo anche...
Invertebrati e Insetti

Gli insetti più pericolosi del mondo

Generalmente alcuni insetti come lo scorpione incutono terrore solo a vederli in foto. Da sempre gli insetti sono protagonisti di film avventurosi e horror per due motivi. Il primo è che solitamente strisciano e sono silenziosi per cui sono temuti dall'essere...
Invertebrati e Insetti

Come realizzare un rifugio per insetti

Al mondo si contano circa 32 differenti tipologie di insetto.C'è chi è velenoso, chi innocuo e chi procura solo fastidio col suo ronzio.Non tutti però sanno che anche esseri così piccoli sono molto utili per la nostra Terra.In molti non badano al...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.