Come allevare i grilli da pasto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ci sono molti modi per procurarsi del cibo in modo autonomo. C'è chi utilizza il tuo pezzo di terra attorno alla propria casa per poter coltivare delle verdure od ortaggi o chi preferisce aprirsi un piccolo allevamento di bestiame come galline e mucche, giusto per avere qualche uova o del latte fresco appena munto. Ma non tutto si riduce a queste piccole cose, c'è anche la possibilità di aprire un allevamento diverso dal normale. Quale? Seguite questa guida e i suoi tre passi per scoprirlo. Quindi non perdiamo altro tempo e vediamo insieme come allevare i grilli da pasto.

26

Occorrente

  • Teca di vetro
  • Ciotola
36

Scegliere quali grilli avere per l'allevamento

Per prima cosa è importante sapere di quali grilli stiamo parlando. Questo per evitare che una persona prenda la razza di grillo sbagliata e che abbia dei problemi futuri. Stiamo parlando del grillo normale di campo, quello verde che potete vedere tutti i giorni nei prati. Di media grandezza esso non contiene tanta carne, ma ha un elevato numero di proteine. Pensate che solamente un pasto di cinque grilli alla griglia o lessi può darvi il fabbisogno giornaliero di proteine. È sempre consigliato non esagerare nel mangiarli, poiché potreste avere un sovraccarico di proteine quotidiano.

46

Sapere quali oggetti utilizzare

Dopo aver saputo di quali grilli stessimo parlando è ora arrivato il momento di prepararsi per l'allevamento vero e proprio. Vi serviranno assolutamente una teca di vetro di media grandezza, una piccola ciotola di acqua normale, delle pietre o sassi ed un po' di erba del prato. Una volta che avrete preso tutto sistemate la teca di vetro in un mobile od una scrivania in un posto non troppo freddo ed umido. Sarebbe meglio se gli arrivasse qualche raggio di sole ogni giorno, così da non impigrire troppo i grilli che devono pascolare e saltellare sempre. Sistemate un piccolo manto di erba e posizionate la ciotola all'interno della teca.

Continua la lettura
56

Conoscere le modalità di crescita

Una volta preparato l'occorrente vi basterà andare ad un negozio di animali e richiedere una piccola quantità di grilli, circa una decina. A questo punto posizionateli all'interno del loro recinto e assicuratevi che ogni giorno abbiano acqua e del cibo. Generalmente i grilli mangiano le foglie degli alberi o dei fiori, ma potrebbero anche accontentarsi di bucce della vostra frutta. Se volete che i vostri grilli crescano velocemente potrete pure comprare qualche mosca o zanzara morta e darglieli come pasti non più di una volta a settimana. Adesso non vi resta che aspettare che i grilli si riproducano e avrete finalmente il vostro allevamento completato.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Chiedere sempre ad un esperto per sapere cosa mangiano i grilli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle in giardino e in serra

Allevare delle farfalle è piuttosto semplice, ed è una pratica in forte espansione anche in Italia. In riferimento a ciò nei passi successivi troverete una guida dettagliata su come allevare le farfalle in un giardino o in serra, e nel contempo anche...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i vermi coreani

Molti sono i pescatori che, trovando difficoltà nel reperire esce fresche prediligono allevare in modo proprio i vermi per poter pescare il pesce senza alcuna difficoltà. Esistono svariate tecniche per allevare i vermi coreani e, tramite questa guida,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le coccinelle

Il termine coccinella deriva dal greco "Kòkkinos" o latino "Coccinus", che significa "rosso scarlatto". È proprio da tale caratteristica che deriva il nome di tali insetti. Fin dall'antichità sono considerate simbolo di buon auspicio, reputazione dovuta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le lumache in giardino

In anni recenti non sono pochi a chiedersi come allevare le lumache in giardino. L'elicicoltura, infatti, è un'idea interessante per mettere a frutto un piccolo appezzamento verde inutilizzato. Le chiocciole fanno parte della gastronomia tradizionale,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i granchi di mare

Il mondo marino è sicuramente molto affascinante per via dei suoi scenari ed anche della sua fauna. L'acqua non è il vostro elemento naturale ma almeno una volta nella vita ne sarete rimasti affascinati ed avrete osservato non solo come si presenta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare lumache

Al giorno d'oggi esistono numerose attività che sono in costante crescita e che possono diventare a lungo andare piuttosto redditizie per chi le pratica. Una di questa è sicuramente l'elicicoltura, ossia l'allevamento delle lumache per fini gastronomici....
Invertebrati e Insetti

Come allevare farfalle e falene

Sia le farfalle che le falene appartengono alla famiglia dei lepidotteri e ne esistono più di 150 mila specie, ma solo una piccola parte sono farfalle diurne, mentre tutte le altre vivono di notte (le falene). Entrambe le specie hanno una vasta gamma...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.