Come allevare i platy

Tramite: O2O 08/09/2017
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Prendersi cura della flora e della fauna dei nostri acquari è un impegno tutt'altro che trascurabile. In questo ambiente, infatti, spesso si ritrovano a convivere pesci e piante acquatiche che provengono da ogni parte del mondo e ognuno di essi necessita di cure ed attenzioni adeguate affinché sia riprodotto nel migliore dei modi il loro habitat naturale. Tra i pesci preferiti dagli amanti degli acquari ci sono sicuramente i platy, in quanto hanno dei colori sgargianti ed aggiungono bellezza e prestigio a qualsiasi acquario. Si tratta di una specie faunistica appartenente alla famiglia Poeciliidae, diffusa soprattutto nell'America Centrale, i cui esemplari sono generalmente di piccole dimensioni. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come allevare i platy.

27

Occorrente

  • Acquario
  • sassolini
  • pezzetti di legno
  • filtro
  • piante acquatiche
  • sala parto
37

Scelta dell'acquario

La prima cosa da fare per allevare nel migliore dei modi i platy, è procurarci un acquario non tanto grande: è sufficiente acquistarne uno che contenga almeno cinquanta litri di acqua. All'interno la temperatura deve essere di circa ventiquattro gradi costanti e l'acqua deve avere un Ph 6. I platy sono dei pesciolini molto pacifici che possono coesistere con altre specie ed il loro colore generalmente è sull'arancione con pinne nere. Nell'acquario è opportuno inserire anche alcuni sassolini e pezzetti di legno perché amano i nascondigli.

47

Scelta del filtro

Molto importante è anche avere un filtro ben attivo e una vasta vegetazione con varietà di piante acquatiche. La riproduzione dei platy la si può ottenere anche con l'utilizzo di un'apposita sala parto che va inserita nell'acquario non appena la femmina appare gravida. Al momento della nascita bisogna però separarli subito dalla madre in quanto potrebbe ingerirli. I piccoli inoltre diventano subito autonomi e non hanno bisogno dell'alimentazione diretta della madre per cui saremo noi stessi che per la prima settimana li nutriremo con artemie saline.

Continua la lettura
57

L'alimentazione

Dopo circa due settimane i pesciolini appena nati diventano subito di circa un centimetro, per cui possono uscire dalla sala parto e convivere con i genitori e con altri pesci. L'alimentazione dei platy varia a seconda dell'età: quando sono piccoli possiamo nutrirli con cibi liofilizzati mentre poi possono nutrirsi con le alghe generate dall'abbondanza di piante presenti nell'acquario. Il platy in definitiva è un pesciolino che ci consente una certa libertà in quanto non necessita di particolari cure. Non mi resta che augurarvi buon lavoro.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Molto importante è avere un filtro ben attivo e una vasta vegetazione con varietà di piante acquatiche.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come allevare una coppia di scalari

Con le loro pinne ventrali filamentose e l'alternanza di bande nere sul corpo argenteo, gli scalari sono una delle specie ittiche d'acqua dolcevita più diffuse negli acquari di tutto il mondo. In questa guida vedremo, nello specifico come allevare una...
Pesci

Come allevare le anguille

Se abbiamo la passione per l'itticoltura, possiamo cimentarci nell'allevamento delle anguille creando un habitat su misura per loro affinché possano svilupparsi regolarmente. Nello specifico si tratta di realizzare una vasca, munirla di un ossigenatore...
Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
Pesci

Come allevare gli Aphyosemion

Gli Aphyosemion sono pesci che provengono dall' Africa. Vi sono varie specie che appartengono a questo genere, alcune delle quali possono essere tenute in un acquario. La specie preferita in assoluto è Aphyosemion australe, la specie dei cosiddetti...
Pesci

Come allevare i pesci Discus

Allevare i pesci tropicali soprattutto della specie pregiata come i Discus, è un'attività piuttosto delicata ed impegnativa, in quanto richiede attenzione e competenza. Si tratta infatti, di esemplari molto colorati, belli da vedere e adatti anche per...
Pesci

Come allevare le meduse in un acquario di casa

Le meduse vengono da sempre ritenuti degli animali planctonici tanto misteriosi quanto incantevole, grazie alle loro forme armoniose e curvilinee. Nell'ultimo decennio, il fascino delle meduse hanno introdotto la moda del loro allevamento all'interno...
Pesci

Come allevare un ippocampo

L'ippocampo, comunemente detto "cavalluccio marino", è un piccolo pesce marino così chiamato per la forma del capo e per il suo collo curvo. Il corpo è ricoperto da placche e gli occhi possono eseguire movimenti indipendenti. Predilige i fondi sabbiosi...
Pesci

Come Allevare Granchi Eremiti Di Terra

La creazione di un habitat per granchi eremiti, oppure di un "crabitat," è molto importante per la salute generale dei paguri. Molti potenziali proprietari di granchi, pensano che le piccole gabbie di plastica che vedono nei negozi di animali, siano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.