Come allevare i vermi da pesca

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Tutti gli appassionati di pesca, sapranno che quando si parla di esche vive, si parla di vermi. Ne esistono di diversi tipi, quelli rossi ad esempio servono per pescare i pesci più piccoli. L'acquisto dei lombrichi può diventare una spesa onerosa per chi va a pesca molto spesso, ma in questo caso, è possibile allevare vermi in casa, risparmiando denaro e migliorando la qualità della terra del proprio giardino. Vediamo quindi come procedere.

27

Occorrente

  • 4 o 5 scatole di vermi
  • legno, polistirolo o blocchi di cemento
  • terriccio da giardino
  • torba di sfagno
  • coperchio bucherellato
  • avanzi di frutta e verdura
37

Come prima cosa, è necessario costruire un'aiuola: si può realizzare con diversi materiali come legno, polistirolo o blocchi di cemento. Anche le misure possono essere variabili, a seconda delle esigenze e delle preferenze. Una volta creata, deve essere pulita molto bene e riempita con il terriccio da giardino, misto a torba di sfagno (questo aiuterà ad evitare la formazione di muffe e batteri). È preferibile sciacquarli entrambi molto bene, in modo da eliminare eventuali concimi chimici. Per iniziare l'allevamento, acquistare 4 o 5 scatole di lombrichi. L'aiuola andrà coperta con un coperchio bucherellato, per permettere una giusta ossigenazione.

47

Tale coperchio, è utile nei periodi freddi per mantenere una temperatura mite all'interno, mentre durante i periodi caldi, va tolto durante il giorno, per evitare di far surriscaldare troppo la zona di allevamento. L'ossigenazione dipende anche dalla temperatura: più il terreno è caldo, meno riuscirà a trattenere l'ossigeno. Oltre a ciò, l'aiuola non dovrebbe essere posta in una zona eccessivamente illuminata. Ricordarsi di cambiare terriccio e torba ogni sei mesi, rimuovendo la terra in cui non sono presenti i vermi (potrà essere utilizzata come fertilizzante per il giardino) e aggiungendo quella nuova.

Continua la lettura
57

Il terriccio non dovrebbe mai emanare odori sgradevoli e se per caso dovesse capitare tale evenienza, è bene sostituirlo subito. L'alimentazione dei vermi è prettamente vegetariana ed è possibile poggiare sulla superficie del terreno diversi avanzi di frutta e verdura, senza mai eccedere nelle quantità, altrimenti si formerebbero subito delle muffe attorno agli alimenti non mangiati nell'immediato. Se l'allevamento è condotto nella giusta modalità, in circa quattro settimane, si vedranno i piccoli lombrichi bianchi, figli di quelli iniziali, che nel giro di pochi giorni diverranno rosa e poi rossi, proprio come i genitori. Quando raggiungeranno tale colorazione, saranno pronti per essere utilizzati come esche.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Metodi per allevare i vermi della farina

A volte i nostri animaletti domestici possono sembrare strani per molti, ma sono i nostri cuccioli e per loro vogliamo solo il meglio. Se abbiamo pesci o rettili sappiamo perfettamente che il mangime può essere molto costoso, ma che alla fin fine si...
Invertebrati e Insetti

Come allevare lumache da compagnia

Tantissime persone nutrono un hobby davvero particolare, ovvero allevare lumache da compagnia. Ebbene sì, grazie a semplici ed utili consigli è possibile prendersi cura di questi animaletti favorendo la loro riproduzione. In questo modo, inoltre, non...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle in giardino e in serra

Allevare delle farfalle è piuttosto semplice, ed è una pratica in forte espansione anche in Italia. In riferimento a ciò nei passi successivi troverete una guida dettagliata su come allevare le farfalle in un giardino o in serra, e nel contempo anche...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le coccinelle

Il termine coccinella deriva dal greco "Kòkkinos" o latino "Coccinus", che significa "rosso scarlatto". È proprio da tale caratteristica che deriva il nome di tali insetti. Fin dall'antichità sono considerate simbolo di buon auspicio, reputazione dovuta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le lumache in giardino

In anni recenti non sono pochi a chiedersi come allevare le lumache in giardino. L'elicicoltura, infatti, è un'idea interessante per mettere a frutto un piccolo appezzamento verde inutilizzato. Le chiocciole fanno parte della gastronomia tradizionale,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i granchi di mare

Il mondo marino è sicuramente molto affascinante per via dei suoi scenari ed anche della sua fauna. L'acqua non è il vostro elemento naturale ma almeno una volta nella vita ne sarete rimasti affascinati ed avrete osservato non solo come si presenta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare farfalle e falene

Sia le farfalle che le falene appartengono alla famiglia dei lepidotteri e ne esistono più di 150 mila specie, ma solo una piccola parte sono farfalle diurne, mentre tutte le altre vivono di notte (le falene). Entrambe le specie hanno una vasta gamma...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.