Come allevare il drago barbuto australiano

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Negli ultimi anni, sempre più persone decidono di acquistare, come animali domestici, rettili ed anfibi. Tra i più desiderati, c'è sicuramente il drago barbuto australiano, un rettile a sangue freddo a cui bisogna prestare particolare attenzione, soprattutto riguardo la sua alimentazione ed il terrario in cui dovrà abitare. Nella seguente guida, cercherò di spiegarvi, in pochi passi, come allevare questo rettile, fornendo informazioni utili non solo sull'allestimento del suo terrario o su quali siano gli alimenti ideali per il drago barbuto australiano, ma anche sul suo comportamento.

24

Dove allevare il drago barbuto australiano

Il drago barbuto australiano deve abitare in un terrario posizionato vicino a finestre che gli forniscano luce naturale, ed evitare quelle al led posizionate nella gabbia. Il terrario dovrà avere una temperatura costante intorno ai 26 gradi, poiché questo animale soffre particolarmente il freddo, e una temperatura troppo rigida potrebbe deperirlo. La teca dovrebbe essere abbastanza grande, per poter garantire al nostro rettile sufficiente spazio per potersi muovere. Può essere acquistato un terrario di legno ma che abbia le pareti di vetro, in modo da poter controllare il drago barbuto. Sul fondo può essere messa della ghiaia, fogliame e magari anche qualche piccolo tronco per abbellire il tutto.

34

Come nutrire il drago barbuto australiano

Il drago barbuto australiano è onnivoro, quindi si nutre sia di vegetali che animali di piccola taglia. Se il vostro rettile è di piccole dimensioni, dovete nutrirlo con piccoli pezzi di verdura e, ogni tanto, di frutta. Insalata, coste, foglie di sedano, radicchio rosso e spicchi di mela. Quando invece il vostro drago sarà cresciuto potrete iniziare a nutrirlo con grilli, cavallette, blatte e locuste; l'alimentazione deve avere un alto contenuto di calcio, mentre il fosforo deve scarseggiare.

Continua la lettura
44

Come capire il drago barbuto australiano

Il drago barbuto è un rettile molto socievole, soprattutto con altri draghi barbuti. Innanzitutto, dovete sapere che se nel terrario porrete due draghi, entrambi combatteranno per ottenere il punto più alto posto nella teca, e generalmente con questo atto vogliono dimostrare di essere il maschio dominante. Sono socievoli anche con l'uomo visto che spesso si lasciano prendere tra le mani ed accarezzare, anche se bisogna prestare molta attenzione quando lo si maneggia. Inoltre, i draghi leccano, spesso, gli oggetti, perché vogliono identificare gli oggetti, animali e cibi che li circondano. Prima di far affrontare ad un drago barbuto un lungo viaggio, chiedete al veterinario come dovete comportarvi per far si che il rettile non soffra.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Rettili e Anfibi

Come Allevare Le Lucertole

Possedere un'animale domestico è cosa piuttosto comune. Alcune volte però si scelgono animali piuttosto inusuali da tenere come compagnia. Serpenti, Iguana, e perfino lucertole, sono i rettili più scelti come animai domestici. Ma per poterli tenere...
Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Consigli per allevare una iguana

Il mondo animale è molto ricco di esemplari. Tra questi è impossibile non annoverare l'iguana, rettile molto simile ad una lucertola ma dalle dimensioni nettamente maggiori. Il suo habitat si estende dal Messico meridionale fino al Brasile centrale,...
Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
Rettili e Anfibi

Come allevare il geco leopardino

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.