Come allevare il geco leopardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale fino all'Iraq, senza disdegnare India, Afghanistan e Pakistan. Insomma, un animaletto non esattamente delle nostre terre e non proprio così diffuso come domestico o "da compagnia". Se però siete qui, evidentemente siete degli amanti degli animali esotici ed un po' insoliti e cercate qualche dritta su come accudirli e prendervene cura nel migliore dei modi.

28

Occorrente

  • terrario capiente
  • serpentine o tappetini riscaldanti
  • lampada a LED
  • termometro ed igrometro
  • prede vive
  • integratori di vitamine
  • acqua fresca
38

Attrezzatura di base

Innanzitutto, occorrerà sapere che il nome completo e tecnico del geco leopardino è Eublepharis macularius, che significa dotato di palpebre e dalla livrea maculata. È ovviamente un rettile, e la sua durata di vita, in cattività, varia dai 10 ai 15 anni, quindi avrete tutto il tempo per affezionarvici.
Per allevarlo avrete bisogno di un terrario abbastanza capiente che dovrete allestire riproducendo il suo habitat naturale, quindi con uno sfondo roccioso dove potrà ricavarsi dei nascondigli, garantendogli inoltre la giusta umidità di cui avrà bisogno specialmente nella fase della muta. Non dimenticate, inoltre, di fornirgli sempre acqua fresca in abbondanza.

48

Temperatura ed umidità

La temperatura che dovrete mantenere nel terrario è di fontamentale importanza per la sua sopravvivenza e salute. Evitate assolutamente temperature troppo alte cercando di non far mai superare i 35° che potrebbero rendere il geco ipoattivo e stressato e persino ucciderlo in caso la temperatura superasse i 38°. La giusta temperatura dovrebbe aggirarsi intorno 30°, scendendo anche a 20° durante la notte. Per mantenere la temperatura corretta potrete utilizzare delle serpentine o dei tappetini riscaldanti da inserire nel terrario. Attenzione anche al giusto tasso di umidità che dovrà essere intorno ai 40°-60°, e per questo potranno tornarvi utili un termometro ed un igrometro per controllare e mantenere sempre costanti questi valori.

Continua la lettura
58

Illuminazione e fotoperiodo

Per quanto riguarda l'illuminazione del terrario, vi basterà una semplice lampadina a LED, garantendovi la giusta luce e anche un notevole risparmio energetico. Non avrete bisogno di UVB, a meno che non si tratti di casi particolari come in presenza di particolari malattie del geco o di un esemplare allevato in maniera non adeguata da un eventuale proprietario precedente. Sarà bene rispettare il normale ciclo di luce-buio (detto fotoperiodo), garantendo, quindi, un'illuminazione di 12 ore a cui seguiranno 12 ore di oscurità.

68

Alimentazione ed integratori

Per quanto riguarda l'alimentazione, dovete sapere che il geco leopardino si nutre prevalentemente di grilli, locuste, tarme della farina, blatte e solo saltuariamente di camole del miele (utili soprattutto per il nutrimento di esemplari particolarmente deboli o magri). Potrete procurarvi tutto ciò nei negozi di animali specializzati. Ricordate che le prede dovranno essere vive, perché raramente il geco mangerà animali morti, dunque procuratevi giorno per giorno il cibo che vi occorre, vivo e fresco. In alternativa, potreste decidere di allevare personalmente delle larve delle sue "prede preferite". Riportiamo, a tal proposito, un utile link riguardante proprio la tecnica di allevamento di "insetti da pasto" per rettili e simili. Potrete, inoltre, integrare l'alimentazione appena descritta attraverso calcio puro carbonato da somministrare anche tutti i giorni lasciandolo a disposizione dell'animale in una ciotolina del terrario oppure "spolverandolo" sulle sue "prede". Infine, potrete fornirgli anche del calcio con vitamina D3 per 2 volte a settimana.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione alla temperatura ed all'umidità del terrario: una temperatura troppo alta potrebbe persino ucciderlo!
  • Il cibo che fornisci al geco deve essere sotto forma di "prede vive". Quindi acquistale in negozi specializzati oppure alleva delle larve
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come curare un geco

Il geco è un rettile di piccole o medie dimensioni molto diffuso all'interno delle zone a clima temperato (in Italia è presente soprattutto lungo le zone costiere) che si caratterizza per la grandezza della testa rispetto al resto del corpo; quest'ultimo...
Rettili e Anfibi

Caratteristiche e curiosità del geco

Il geco è un rettile di dimensioni piuttosto piccole che ama vivere in climi temperati, e dal punto di vista morfologico appartiene alla famiglia delle lucertole. Contrariamente a queste ultime, il colore però varia di tonalità anche se tendenzialmente...
Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Rettili e Anfibi

Come Allevare Le Lucertole

Possedere un'animale domestico è cosa piuttosto comune. Alcune volte però si scelgono animali piuttosto inusuali da tenere come compagnia. Serpenti, Iguana, e perfino lucertole, sono i rettili più scelti come animai domestici. Ma per poterli tenere...
Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come allevare rettili

I rettili sono un'insolita passione. La prima domanda da porsi è il tipo di investimento economico che possiamo permetterci a riguardo. Dopodiché l'esperienza insegna che è bene cominciare da un esserino più semplice nella gestione, che non sia soggetto...
Rettili e Anfibi

Consigli per allevare una iguana

Il mondo animale è molto ricco di esemplari. Tra questi è impossibile non annoverare l'iguana, rettile molto simile ad una lucertola ma dalle dimensioni nettamente maggiori. Il suo habitat si estende dal Messico meridionale fino al Brasile centrale,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.