Come allevare le anguille

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se abbiamo la passione per l'itticoltura, possiamo cimentarci nell'allevamento delle anguille creando un habitat su misura per loro affinché possano svilupparsi regolarmente. Nello specifico si tratta di realizzare una vasca, munirla di un ossigenatore e alimentare le anguille con delle esche vive possibilmente larve di lombrichi o artemie saline. A tale proposito, ecco una guida con alcuni consigli e accortezze su come allevare le anguille in cattività.

25

Occorrente

  • Vasca di vetro
  • Filtro biologico
  • Pietra porosa
  • Pompa ad immersione elettrica
  • Artemie saline
35

Reperire le anguille giovani

Prima di iniziare con la descrizione che riguarda la costruzione della vasca specifica per allevare le anguille, è fondamentale reperire queste ultime piuttosto giovani. Il periodo natalizio in genere è quello migliore, poiché nei mercati e nelle pescherie se ne trovano svariate tonnellate. Per distinguere le anguille più giovani, basta notare la loro lunghezza e lo spessore decisamente inferiore rispetto a quelle adulte.

45

Costruire la vasca

Una volta scelte le anguille da allevare bisogna accoglierle nel luogo giusto, per cui dopo l'acquisto alcuni giorni prima è necessario allestire una vasca (meglio se autocostruita) che risulti piuttosto alta e di forma rettangolare. L'altezza è infatti importante, poiché si tratta di esemplari che riescono come i serpenti a strisciare fino a fuoriuscire dal contenitore. Per questo motivo la vasca va comunque riempita soltanto a 3/4. Premesso ciò, se abbiamo deciso di costruire la vasca in proprio, ci rechiamo presso un vetraio per farci tagliare su misura dei cristalli di almeno 0,8 mm. Di spessore, che successivamente assembliamo tra loro fissandoli con del silicone. Una volta pronta la vasca non ci resta che aggiungere l'ossigenatore, ossia una pietra porosa da collegare ad un filtro biologico del tipo in uso negli acquari marini e tropicali.

Continua la lettura
55

Alimentare le anguille

Anche il filtro si può costruire in proprio assemblando tra loro dei vetri, ed una volta pronto va riempito con torba, tubetti di plastica, lana vetro e carbone attivo. Sul laterale occorre invece praticare un foro in cui va inserito un motorino di piccole dimensioni, che attraverso una cannula trasmette aria all'acqua generando delle bollicine grazie ad una specifica pietra porosa di forma cilindrica anch'essa in uso negli acquari. Completata la struttura, le anguille si possono inserire in acqua opportunamente salata, e poi non ci resta che cambiare il liquido almeno una volta al giorno (parzialmente) ed alimentarle con lombrichi, oppure con le artemie saline che si possono riprodurre in casa grazie a un semplice e funzionale apparecchio dal costo irrisorio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

Come allevare una coppia di scalari

Con le loro pinne ventrali filamentose e l'alternanza di bande nere sul corpo argenteo, gli scalari sono una delle specie ittiche d'acqua dolcevita più diffuse negli acquari di tutto il mondo. In questa guida vedremo, nello specifico come allevare una...
Pesci

Come allevare i platy

Prendersi cura della flora e della fauna dei nostri acquari è un impegno tutt'altro che trascurabile. In questo ambiente, infatti, spesso si ritrovano a convivere pesci e piante acquatiche che provengono da ogni parte del mondo e ognuno di essi necessita...
Pesci

Come allevare i pesciolini neon

Con questa guida vedremo come allevare i pesciolini neon. Il suo nome scientifico è Paracheirodon innesi ed è un pesce adatto ad un acquario tropicale. È molto piccolo, circa 4 cm di lunghezza ed il suo colore predominante è il verde. Il suo corpo...
Pesci

Come allevare gli Aphyosemion

Gli Aphyosemion sono pesci che provengono dall' Africa. Vi sono varie specie che appartengono a questo genere, alcune delle quali possono essere tenute in un acquario. La specie preferita in assoluto è Aphyosemion australe, la specie dei cosiddetti...
Pesci

Come allevare le meduse in un acquario di casa

Le meduse vengono da sempre ritenuti degli animali planctonici tanto misteriosi quanto incantevole, grazie alle loro forme armoniose e curvilinee. Nell'ultimo decennio, il fascino delle meduse hanno introdotto la moda del loro allevamento all'interno...
Pesci

Come allevare i pesci Discus

Allevare i pesci tropicali soprattutto della specie pregiata come i Discus, è un'attività piuttosto delicata ed impegnativa, in quanto richiede attenzione e competenza. Si tratta infatti, di esemplari molto colorati, belli da vedere e adatti anche per...
Pesci

Come allevare un ippocampo

L'ippocampo, comunemente detto "cavalluccio marino", è un piccolo pesce marino così chiamato per la forma del capo e per il suo collo curvo. Il corpo è ricoperto da placche e gli occhi possono eseguire movimenti indipendenti. Predilige i fondi sabbiosi...
Pesci

Come Allevare Granchi Eremiti Di Terra

La creazione di un habitat per granchi eremiti, oppure di un "crabitat," è molto importante per la salute generale dei paguri. Molti potenziali proprietari di granchi, pensano che le piccole gabbie di plastica che vedono nei negozi di animali, siano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.