Come allevare le farfalle

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza della specie. Quella di allevare farfalle è un'attività che ha preso sempre più piede negli ultimi anni e permette, sia ai privati che alle aziende, di garantire il ripopolamento delle proprie zone. Non è assolutamente una tipologia di allevamento complicato da realizzare e non richiede nemmeno un impegno economico gravoso. Con i passaggi che seguono andremo proprio a vedere come allevare le farfalle.

28

Occorrente

  • Box in plastica dotato di coperchio.
  • Tulle o velo da sposa.
  • Tanta pazienza.
  • Pulizia del box quotidiana.
38

Procurare un box

Innanzitutto dobbiamo dire che lo sviluppo e quindi la nascita di una farfalla in natura è condizionato da un eccessivo tasso di mortalità, sia per quanto riguarda le uova (circa il 50%) che per quanto riguarda i bruchi (circa il 30%). Questa percentuale si abbassa notevolmente in caso di allevamento in casa (o azienda). La prima cosa da fare per intraprendere questa tipologia di allevamento è certamente quella di procurarsi il box all'interno del quale nasceranno e cresceranno le farfalle. Per iniziare va benissimo un semplice box in plastica trasparente dotato di coperchio.

48

Coprire il box

È fondamentale ricoprire la parte superiore del box (quella prima del coperchio) con un velo (tipo quelli delle spose), per poi posizionarci sopra il coperchio. Agendo in questo modo si eviterà che i bruchi (da piccoli) possano scappare infiltrandosi all'interno delle fessure del coperchio. Quando, naturalmente, le loro dimensioni saranno diventate tali da non poter più scappare, il velo dovrà essere tolto e il box andrà ricoperto solamente con il relativo coperchio. Inoltre, la base del box, prima di accogliere le uova, deve essere ricoperta con delle foglie.

Continua la lettura
58

Raccogliere le uova

La ricerca delle uova è un momento importantissimo. Queste si reperiscono, ovviamente, in natura, proprio sulle foglie delle piante che, come abbiamo detto, costituiscono la fonte di nutrimento per le farfalle stesse. Si dovranno quindi verificare con molta attenzione, in quanto si tratta di uova dalle dimensioni molto piccole (un paio di mm al massimo). La soluzione ideale è certamente quella di prelevare le uova quando sono appena state deposte: le si può riconoscere semplicemente perché hanno, in questo caso, una colorazione gialla. Questa, infatti, cambia col passare dei giorni, per diventare (dopo circa 10 giorni) grigio perla nel momento che precede di poco la schiusa). Ad ogni modo è bene sapere che più "anziane", comunque, sono le uova, più si corre il rischio che le nascite non vadano a buon fine. La delicatezza nel prelevarle è d'obbligo, in quanto non devono essere in alcun modo danneggiate. La stessa delicatezza deve essere utilizzata durante la fase successiva, ovvero la "deposizione" all'interno del box.

68

Pulire il box

Dopo una decina di giorni dalle uova fuoriesce il bruco. Per il Macaone si tratta di un bruco molto peloso, di colore nero, e dalle dimensioni davvero molto ridotte. Col passare dei giorni questo insetto compie delle mute, acquisendo dopo circa 2 settimane il suo colore definitivo, ovvero un verdastro rigato di nero e con puntini arancioni. È fondamentale sapere che il box necessita di essere pulito ogni giorno. I bruchi, però, non devono essere toccati con le mani, bensì prelevati direttamente con i rametti sui quali si trovano. Infatti sono soliti difendersi, se toccati, emanando un odore davvero poco piacevole, oltre che compromettere la trasformazione in farfalla. Mettendo in pratica questi consigli riuscirete ad allevare in modo molto semplice delle farfalle.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Spesso ci si chiede come si riconosce il sesso delle farfalle. Non è un'operazione complicata. Nel caso dei Macaoni, ad esempio, si riconosce dall'addome, che si presenta più stretto e appuntito nel maschio mentre è rigonfio e tondo per le femmine.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Tutto sulla farfalla cobra

La Farfalla cobra è una grande falena appartenente alla famiglia delle Saturniidae, composta da più di 1800 specie. Questa farfalla, nota anche con il nome di Attacus atlas, è molto diffusa nelle foreste tropicali e subtropicali del Sud-Est asiatico,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare il ragno crociato

I ragni nella catena alimentare sono molto più importanti di quanto si possa immagginare. Sono sostanzialmente animali predatori con due precise caratteristiche: anno una forte capacità di adattamento, anno una marcata diversità fra specie e famiglia....
Invertebrati e Insetti

Come nasce una farfalla

La farfalla è un insetto che appartiene all'ordine dei Lepidotteri. Il suo corpo è diviso in tre parti: testa, torace e addome. Ha quattro ali, sei zampe e due antenne posizionate proprio sul capo. È inoltre dotata di una piccola proboscide con la...
Invertebrati e Insetti

Come rimuovere i bruchi tessitori dalle piante

Chi possiede un giardino di modeste dimensioni o anche un orto sa che vi è sempre presente una lotta contro i parassiti e gli insetti. Molti di questi tendono ad ammalare o addirittura far morire le piante o gli alberi su cui si appoggiano particolarmente...
Invertebrati e Insetti

Come Allevare Un Bombyx Mori Per Ottenere Il Filo Da Seta

In questi tempi di crisi enorme, la produzione propria delle materie prime è importante per risparmiare molto: avendo le conoscenze giuste, il materiale necessario ed un'ottima pazienza, riuscirete ad ottenere degli incredibili successi. Una cosa che...
Volatili

Come riconoscere la Cavolaia maggiore

La cosa più bella dell'estate, è che si ha la possibilità di effettuare delle meravigliose gite in mezzo alla natura. In particolare, ciò si verifica se la meta che avete scelto è un agriturismo o un più spartano campeggio. A tal proposito, nei...
Volatili

Come allevare i tacchini all'aperto

L'allevamento di animali all'aperto rappresenta un metodo naturale, sano e volto al benessere degli animali stessi. In particolare, allevare tacchini può essere l'ideale per chi abita in campagna e dispone di un ampio terreno. I tacchini sono infatti...
Volatili

Come allevare i colombi

Siamo ben felici di approfondire un argomento molto bello ed importante, che può interessare i lettori che amano allevare degli animali, comodamente in casa o anche in qualche luogo adatto a loro. Nello specifico cercheremo d'imparare per bene come e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.