Come Allevare L'hymenochirus

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'hymenochirus è una piccola rana proveniente dall'Africa centrale, dove vive sempre in acqua e, si allonta da essa solamente se si sente minacciata da qualcosa. L'animale si può allevare facilmente anche in casa, ma risulta essere necessario avere un acquario che possa contenere più di venti litri poiché ha bisogno di spazio per muoversi. Nei vari negozi di animali, potrete trovare degli acquari già pronti per essere esposti all'interno del vostro appartamento, ma in questo modo spenderete sicuramente una cifra maggiore. Infatti, se provvederete voi stessi alla creazione del vostro acquario, otterrete un notevole risparmio economico, dettaglio che al giorno d'oggi non dovrebbe essere sottovalutato. Dunque, continuate a leggere gli interessanti passi di questa guida per apprendere in modo utile e veloce come Allevare L'hymenochirus.

25

Occorrente

  • Acquario con una capacità di 30 litri
  • Piantine acquatiche, sabbia, grotte e rami artificiali
35

L'hymenochirus è necessario allevarlo in gruppo, infatti all'interno del vostro acquario dovrete inserirne almeno 5. Il primo passo che dovrete compiere, risulta essere esattamente quello di versare in un acquario abbastanza grande almeno trenta litri di acqua e versare sul fondo circa tre centimetri di sabbia fine e che non sia tagliente, posizionando anche diverse piante acquatiche di forma circolare. Al suo interno mettete anche delle grotte artificiali, legni e sassolini, poiché per questo anfibio risulta essere indispensabile avere un ambiente in cui ripararsi e "nascondersi". La vasca di ranocchie va posta in una stanza molto soleggiata, dato che essa non comporta l'uso di luci artificiali.

45

Questi piccoli anfibi si nutrono principalmente di piccoli pezzi di carne, artemie saline e gamberetti; le rane vanno nutrite due o massimo tre volte a settimana, non di più dato che sono animali molto piccoli e rischierebbero dunque di morire. L'accoppiamento avviene generalmente in primavera e la femmina depone le uova solamente di notte per un totale che può arrivare anche a venti uova; la schiusa avviene precisamente dopo una cova di circa quattro giorni e successivamente nasceranno i girini, i quali saranno già in grado di galleggiare, nuotare e nutrirsi perfettamente da soli.

Continua la lettura
55

Dopo la nascita i girini saranno nutriti con le artemie saline tutti i giorni finché non diventeranno adulti e poi potranno essere alimentati come il resto del gruppo. Vista la grande quantità di hymenochirus, conviene portare i girini in un'altra vasca per dargli maggiore opportunità di movimento. Si consiglia infine di non sostituire mai la sabbia in quanto queste rane secernano un liquido particolare che la fa diventare fangosa e quindi molto simile al loro habitat naturale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come Allevare Le Lucertole

Possedere un'animale domestico è cosa piuttosto comune. Alcune volte però si scelgono animali piuttosto inusuali da tenere come compagnia. Serpenti, Iguana, e perfino lucertole, sono i rettili più scelti come animai domestici. Ma per poterli tenere...
Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come allevare rettili

I rettili sono un'insolita passione. La prima domanda da porsi è il tipo di investimento economico che possiamo permetterci a riguardo. Dopodiché l'esperienza insegna che è bene cominciare da un esserino più semplice nella gestione, che non sia soggetto...
Rettili e Anfibi

Consigli per allevare una iguana

Il mondo animale è molto ricco di esemplari. Tra questi è impossibile non annoverare l'iguana, rettile molto simile ad una lucertola ma dalle dimensioni nettamente maggiori. Il suo habitat si estende dal Messico meridionale fino al Brasile centrale,...
Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
Rettili e Anfibi

Come allevare il geco leopardino

Lo scopo di questa breve guida è di darvi qualche consiglio su come allevare il geco leopardino. Si tratta, infatti, di un piccolo geco il cui habitat naturale è situato nelle zone rocciose e semidesertiche, in particolar modo nell'Asia centrale e meridionale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.