Come allevare lo zigolo

Tramite: O2O 12/03/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Lo zigolo è un uccellino originario dei Paesi Europei, diffuso anche in Italia, soprattutto al nord e al centro. Si riconosce facilmente dal colore giallo vivo della testa e dal marroncino chiaro del dorso. La colorazione del piumaggio permette di distinguere i maschi dalle femmine e dai più giovani, i quali hanno una livrea dai colori più tenui. Mediamente raggiunge la lunghezza di circa quindici centimetri e può pesare circa trenta grammi. Altri elementi distintivi di questa specie sono gli occhi luminosi, il becco robusto e la coda appuntita. Conduce una vita sedentaria e ama stare da solo. Normalmente vive sulle zone montuose o altipiani e preferisce posarsi su alberi e cespugli ma pratica molto anche i campi coltivati. Questa specie si può tranquillamente allevare e tenere in casa come animale da compagnia, per il suo canto melodioso. Tuttavia è una scelta poco diffusa. Vediamo dunque alcuni consigli su come allevarlo!

26

Occorrente

  • Gabbia completa 60 x 40 cm.
  • Semi e germogli
36

. Questo uccellino si può allevare tranquillamente in ambiente domestico. La gabbia deve essere sufficiente ampia per permettere libertà di volo e di movimento. Naturalmente questa regola dovrebbe valere per qualsiasi specie di uccello. Per prima cosa bisogna creare un habitat naturale. L'abbeveratoio è opportuno posizionarlo in una vaschetta sul fondo della gabbia anche perché ama molto bagnarsi in continuazione. Inoltre è importante cospargergli il fondo della gabbia con piccoli ramoscelli e foglie secche che gli serviranno soprattutto per costruire il nido. Una ciotola di ceramica nascosta dalle foglie può diventare un ottimo abbeveratoio-laghetto per lo zigolo. La gabbia deve essere facile da pulire, in quanto l'accumulo della sporcizia favorisce la formazione di batteri.

46

Per far riprodurre lo zigolo, la gabbia deve avere uno spazio apposito per la costruzione di un nido. Bisogna innanzi tutto che il maschio e la femmina stiano da soli in un luogo sicuro e riservato. Nel periodo di maggio-giugno la femmina preparerà il nido con rami e foglie in una parte bassa della gabbia.. Questo processo di preparazione durerà a lungo e comunque fino al momento della cova. La femmina depone dalle quattro alle sei uova che appariranno bianche con macchie nere e venature rossastre. Normalmente la cova dura dieci giorni dopo di che le uova si schiuderanno ed i piccoli resteranno nel nido circa dieci giorni.

Continua la lettura
56

Trascorso il delicato periodo dello svezzamento, la madre non provvederà più ad alimentarli in quanto saranno autonomi. L'alimentazione, anche in questo caso, è un po' diversa dagli altri uccelli domestici. Gli zigoli sono animali granivori e prediligono oltre ai semi anche germogli e grano. Non disprezzano gli insetti, che ricordiamo comunque costituiscono parte fondamentale dell'alimentazione durante lo svezzamento dei piccoli. Pulire spesso la gabbia per garantire l'igiene e l'ordine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come allevare uno fenicottero

Animali straordinari per aspetto, movenze e colorazione, i fenicotteri amano stare liberi in natura, godendo degli ambienti e del cibo che questa gli offre. Pur tuttavia, se si desidera allevare uno di questi animali, è bene seguire scrupolosamente alcune...
Volatili

Come allevare un gufo

Adottare un animale è un atto di immensa gioia. La maggior parte di noi infatti ospita in casa un piccolo amico. I cani e i gatti sono sicuramente quelli più comuni. Ma tantissime persone si occupano quotidianamente anche di animali meno convenzionali,...
Volatili

Come allevare i pavoni

Se avete intenzione di allestire nel vostro giardino un sorta di pollaio, potete approfittarne per allevare i pavoni. Si tratta infatti di animali che hanno bisogno di uno spazio minimo per poter crescere sani, e soprattutto sviluppare un piumaggio bello...
Volatili

Come allevare i canarini da canto

Svegliarsi il mattino al canto degli uccelli mette decisamente di buon umore. Chi ama prendersi cura di questi piccoli animali è sempre più convinto d'intraprendere l'ambizioso cammino di allevare dei canarini. Apparentemente tutti i canarini emettono...
Volatili

Come allevare un fagiano

Il fagiano appartiene alla famiglia delle Phasianidae. Molto diffuso sul territorio nazionale è in realtà originario dell'Asia. Esistono tante specie, ciascuna con caratteristiche diverse. In generale, però, il fagiano si presenta con un corpo slanciato,...
Volatili

Come allevare i colombi

Allevare i colombi è stato per moltissimo tempo un hobby molto diffuso. Sono animali meravigliosi che in passato popolavano le voliere nelle nostre campagne e giravano liberi in città. Per tanti motivi, come l'inquinamento e l'ascesa dei piccioni e...
Volatili

Come allevare i cardellini

La casa rappresenta un luogo dove sentirsi a proprio agio. Quindi ogni soggetto decide di intraprendere i propri hobby. Come ad esempio per coloro che possiedono un giardino, possono dedicarsi al giardinaggio, e creare così delle aiuole con dentro vari...
Volatili

Come allevare un gufo africano

Ultimamente le persone sono alla ricerca di un animale da compagnia che sia, oltre che amichevole, anche bello. Uno di questi è sicuramente il gufo. Maestooso nei suoi movimenti e di rara bellezza. Purtroppo però, non è cosi facile trovarne uno ammaestrato,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.