Come Allevare Un Bombyx Mori Per Ottenere Il Filo Da Seta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questi tempi di crisi enorme, la produzione propria delle materie prime è importante per risparmiare molto: avendo le conoscenze giuste, il materiale necessario ed un'ottima pazienza, riuscirete ad ottenere degli incredibili successi. Una cosa che pare impossibile avere da soli è il filo da seta. Esso è una cosa molto utile per chi cuce, oppure per chi vuol ricavarne qualcosa. In tale guida ti andremo a spiegare come allevare un Bombyx Mori per ottenere il filo da seta. Da tale procedimento se ne ricava un chilometro circa. Per raggiungere l'obiettivo vi dovrete procurare un baco da seta esemplare, e dovrete aspettare sei settimane circa che il bruco esca dal bozzolo. Il filo che si ottiene potrà essere usato direttamente per cucire. Buona lettura e buon lavoro!

25

Occorrente

  • Una scatola di cartone
  • Un baco da seta
  • Foglie di gelso
35

Vi dovrete procurare prima di tutto un esemplare di tipo femmina di baco da seta. Lo troverete in commercio negli allevamenti specializzati, spendendo poco. Magari informatevi mediante il web in modo da essere a conoscenza dei rivenditori autorizzati maggiormente vicini a voi, ed inoltre vi potranno assicurare che siano chiaramente autorizzati, in modo che non vi diano un esemplare diverso. Adesso dovrete prendere una scatola di cartone, sarà perfetta anche una da scarpe. Procedete imbottendola all'interno sul fondo, con uno spessore formato da uno strato di foglie di gelso. Prima di procedere ad inserire l'insetto dentro la scatola, dovrete fare qualche forellino alla vostra scatola di cartone appunto, facendo in modo da poter realizzare un ricambio d'aria. Fate però attenzione a non farli di dimensioni troppo enormi, in quanto, gli insetti potrebbero uscire poi dai buchi.

45

A questo punto dovrete prendere il vostro insetto, poi lo dovrete riporlo dentro la vostra scatola. Chiudete quindi il contenitore con il coperchio e mettetelo comodamente in un luogo asciutto e fresco. Almeno per una volta a settimana dovrete controllare il vostro insetto come va, può succedere che che le riserve di cibo finiscano prima del previsto a volte, e perciò dovrete metterne di nuove. L'insetto mangerà foglie per sei settimane circa prima di diventare una farfalla.

Continua la lettura
55

Quando saranno passate le sei settimane, il vostro insetto non mangerà più ed inizierà a mettere fuori una bava con cui filerà il bozzolo. Giunti a tal punto, dovrete togliere il coperchio alla scatola, poi dovrete aspettare che l'insetto, che è diventato farfalla, prenda il volo. Quando vi sarete accertati che il bozzolo è vuoto, lo potrete mettere dentro al forno e lo dovrete riscaldare a 100 gradi circa per un tempo di mezz'ora. Una volta che l'operazione è terminata, potrete dipanare il filo di seta dal bozzolo. Avrete a tal punto ottenuto un chilometro di filo di seta circa. Adesso che la guida è finita, vi potrete mettere al lavoro nuovamente, ottenendo un prezioso filo da seta pronto per essere cucito su degli abiti meravigliosi, oppure anche da vendere a specifici centri che comprerebbero il filo anche a decine di euro al metro. La cosa tanto importante che dovrete sapere, è che dopo aver fatto un lavoro coi fiocchi, lo potrete vendere.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Invertebrati e Insetti

Come allevare bachi da seta

L'Italia fu il maggior produttore di seta dal 1200 fino alle grandi guerre mondiali, che portarono a una drastica diminuzione della lavorazione del baco. Molto importanti furono le corporazioni che praticavano l'arte della seta a Firenze. Il settore...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle in giardino e in serra

Allevare delle farfalle è piuttosto semplice, ed è una pratica in forte espansione anche in Italia. In riferimento a ciò nei passi successivi troverete una guida dettagliata su come allevare le farfalle in un giardino o in serra, e nel contempo anche...
Invertebrati e Insetti

Come allevare lumache da compagnia

Tantissime persone nutrono un hobby davvero particolare, ovvero allevare lumache da compagnia. Ebbene sì, grazie a semplici ed utili consigli è possibile prendersi cura di questi animaletti favorendo la loro riproduzione. In questo modo, inoltre, non...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i vermi coreani

Molti sono i pescatori che, trovando difficoltà nel reperire esce fresche prediligono allevare in modo proprio i vermi per poter pescare il pesce senza alcuna difficoltà. Esistono svariate tecniche per allevare i vermi coreani e, tramite questa guida,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le farfalle

La farfalla è senza ombra di dubbio uno degli esseri viventi più affascinanti che popolano la Terra. La sempre maggiore urbanizzazione, però, rischia di distruggere il loro habitat naturale e, di conseguenza, di mettere a rischio la stessa sopravvivenza...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le coccinelle

Il termine coccinella deriva dal greco "Kòkkinos" o latino "Coccinus", che significa "rosso scarlatto". È proprio da tale caratteristica che deriva il nome di tali insetti. Fin dall'antichità sono considerate simbolo di buon auspicio, reputazione dovuta...
Invertebrati e Insetti

Come allevare le lumache in giardino

In anni recenti non sono pochi a chiedersi come allevare le lumache in giardino. L'elicicoltura, infatti, è un'idea interessante per mettere a frutto un piccolo appezzamento verde inutilizzato. Le chiocciole fanno parte della gastronomia tradizionale,...
Invertebrati e Insetti

Come allevare i granchi di mare

Il mondo marino è sicuramente molto affascinante per via dei suoi scenari ed anche della sua fauna. L'acqua non è il vostro elemento naturale ma almeno una volta nella vita ne sarete rimasti affascinati ed avrete osservato non solo come si presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.