Come allevare un cavallo

Tramite: O2O 09/07/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il cavallo è un animale eccellente, molto diverso da tutti gli altri: allevare un cavallo richiede molto impegno e accortezze; bisogna tener conto dello spazio in cui farlo vivere e muovere, che segua un'alimentazione adeguata, che abbia una corretta pulizia, altri cavalli con cui interagire, che sia protetto dalle intemperie, e che goda della giusta quantità d'aria e di luce. Vediamo passo passo come prendersene cura.

26

Occorrente

  • movimento
  • acqua
  • foraggio
  • copertura
  • ricambio d'aria
36

Il riposo

Giornalmente un cavallo ha bisogno di bere dai 20 ai 60 litri d'acqua. Non è sufficiente lasciargli a disposizione l'acqua, bisogna anche controllare che gli abbeveratoi e altri contenitori, siano ben puliti e che l'acqua sia potabile. Per almeno 16 ore al giorno deve avere sempre a disposizione del foraggio grezzo (paglia pulita, erba, fieno), oppure può essergli dato per un minimo di tre volte durante il giorno. Per garantire al cavallo un buon riposo, è necessario che lo spazio sia sufficiente, per permettergli anche di sdraiarsi completamente e allungare le zampe. Nel caso in cui il cavallo venga lasciato continuamente al pascolo, deve poter disporre di una copertura che possa proteggerlo dal freddo e dalle intemperie. Non ha bisogno di stalle climatizzate, ma di un buon ricambio d'aria, di soffitti alti e di finestre e porte che possano far entrare la luce necessaria alla stimolazione del suo metabolismo.

46

Le articolazioni

Il cavallo ha bisogno di muoversi per conservare sane le articolazioni, per una buona digestione, per mantenere una respirazione regolare e per stimolare l'organismo. La limitazione del movimento può procurargli gravi conseguenze. È necessario che possa muoversi frequentemente all'aperto, soprattutto se non viene cavalcato. Sarebbe necessario che questo avvenga almeno 13 giorni al mese, in settori di uscita con recinzioni ben visibili. È assolutamente sconsigliato tenere il cavallo attaccato a lungo, ma solo per brevi periodi; è inoltre indispensabile per il suo benessere che sia a contatto con i suoi simili: tenerlo completamente da solo è possibile per poco tempo.

Continua la lettura
56

In conclusione

Come tutti gli altri animali, anche il cavallo si prende cura da solo del proprio manto e della propria pelle, rotolandosi nell'erba, strofinandosi sulle piante, o grattandosi con gli altri suoi simili. Quando
però non è nelle condizioni di farlo, è necessario che sia l'uomo a pulirlo e stringarlo; è importantissima la cura degli zoccoli, per garantire una posizione e un movimento corretti. I peli tattili (vibrisse) intorno al naso, agli occhi e alla bocca, non vanno mai tolti, perché sono quelli che gli permettono di percepire gli oggetti al buio o fuori dal suo campo visivo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come fasciare la zampa al cavallo

Chi possiede un cavallo è tenuto a garantire al proprio animale ogni cura necessaria per mantenerlo sempre sano e felice. Un'operazione importantisima che fa parte di queste cure è la fasciatura delle zampe del cavallo con degli appositi scampoli composti...
Cura dell'Animale

5 errori da evitare nella pulizia del cavallo

Una delle operazioni più importanti da compiere, se si possiede un cavallo, o se ne cavalca uno, è la sua corretta pulizia. La cura del cavallo, detta, con termine anglosassone, grooming, serve non solo a rimuovere la sporcizia che potrebbe essersi...
Cura dell'Animale

Come addestrare un cavallo a non mordere

Il rapporto uomo-cavallo è molto complesso. Non sempre gratificante e razionale. Le azioni e le reazioni dell'individuo non sono sempre comuni a quelle istintive equine. Pertanto, sorgono difficoltà comportamentali quasi insormontabili. Il cavallo comunica...
Cura dell'Animale

Come realizzare una stalla per il cavallo

Cavalcare è una nobile e divertente attività oltre che uno sport sempre più diffuso. Moltissime persone, che hanno a disposizione spazio sufficiente, scelgono di acquistare un cavallo per poterlo cavalcare liberamente, facendo delle lunghe e salutari...
Cura dell'Animale

Come lavare il cavallo

Il cavallo è un animale piuttosto vanitoso ed amante dell’igiene per cui se ne abbiamo uno e lo alleviamo per diversi motivi che possono essere quelli di farlo partecipare a gare o manifestazioni equine, o per lavori di trasporto di materiali o di...
Cura dell'Animale

Come fare a pettinare e lucidare la criniera del cavallo

Pettinare e lucidare la criniera del cavallo richiede molta attenzione. Non sono solo azioni volte all'igiene dell'animale. Ma anche dei gesti che devono trasmettere tutto l'affetto verso questo nobile quadrupede. La criniera del cavallo è molto delicata....
Cura dell'Animale

Come addestrare il vostro cavallo

Il cavallo è un animale bellissimo e molto sensibile, e se ne possedete uno ed intendete addestrarlo, comunque sappiate che non è affatto una passeggiata. Infatti, bisogna sapere che se non si è esperti, è meglio farsi aiutare da qualcuno, magari...
Cura dell'Animale

Come allevare un'oca

Tra i tanti animali da cortile che potreste scegliere, l'oca è sicuramente uno dei più facili da allevare. Allevare un'oca infatti non richiede particolari conoscenze o attrezzature specifiche. A differenza di animali da cortile come polli o galline,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.