Come allevare un gufo africano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ultimamente le persone sono alla ricerca di un animale da compagnia che sia, oltre che amichevole, anche bello. Uno di questi è sicuramente il gufo. Maestooso nei suoi movimenti e di rara bellezza. Purtroppo però, non è cosi facile trovarne uno ammaestrato, o in caso volestre provare da soli, non è comunque molto facile addomesticare una bestia alata simile, che può pesare intorno ai dieci chilogrammi con un'apertura alare di un metro e mezzo circa. Quindi non dilunghiamoci troppo e vediamo insieme come allevare un gufo africano.

26

Occorrente

  • Voliera
36

Sapere le differenze tra i vari gufi

Innanzitutto è necessario sapere dove è possibile trovare questo animale. Il gufo africano lo si può trovare nella zona del sahara lontano dalle giungle. Trascorre la maggior parte delle ore in luoghi non frequentati dall'uomo. È molto importante conoscere le differenze tra il gufo africano ed un gufo europeo. Il primo si differenzia dal secondo soprattutto sia per la dimensione ed il peso, in quanto sono notevolmente inferiori, ma anche per le piume caratterizzare dai colori più contrastati ed anche per gli occhi gialli. Inoltre il gufo africano, si adatta meglio ad un clima piuttosto caldo, soffrendo, al contrario, i climi freddi.

46

Conoscere le modalità di crescita

Dopo aver capito dove e possibile trovare un gufo africano e le sue differenze rispetto agli altri gufi è arrivato il momento di capire dove allevare un gufo e come allevarlo. Nonostante il gufo sia un animale piuttosto sedentario, vi servità assolutamente una voliera, ovvero una gabbia per gli uccelli, abbastanza grande così che il vostro animale potrà muoversi in libertà. Invece, per quanto riguarda il cibo, essi si nutrono, in natura, principalmente di piccoli mammiferi. Per allevarli invece si possono conservare le carni, ad esempio nel congelatore, che successivamente verranno scongelate nel momento in cui bisogna somministrarle alla vostra bestia alata.

Continua la lettura
56

Conoscere le modalità di riproduzione

È importante per conoscere al meglio come allevare questo animale, sapere qualcosa anche circa la riproduzione. Il gufo africano raggiunge la sua maturità ai due anni di vita e solo in questo momento è capaci di riprodursi. Solitamente la riproduzione avviene in primavera ed i nidi vengono costruiti al suolo. L'incubazione dura intorno ai 30 giorni e vengono deposte dalle 2 alle 4 uova. La mamma dei piccoli, inoltre, lascia il suo nido solo nel momento in cui devi mangiare il cibo che è stato procurato dal padre. I gufi appena nati iniziano a volare dopo le sette settimane di vita e lasciano definitivamente il loro nido solo dopo i cinque mesi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Rivolgersi sempre ad un esperto per sapere cosa mangiano i gufi.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come distinguere un gufo da una civetta

I gufi e le civette, rappresentanti dell'ordine degli Strigiformi, sono essenzialmente uccelli crepuscolari e notturni; durante le ore di buio devono quindi cacciare le loro prede, difendere il territorio da eventuali intrusi, corteggiare il partner e...
Volatili

Come Riconoscere Il Gufo Reale

Molti appassionati di bird-watching amano particolarmente i rapaci. Si tratta infatti di uccelli belli e maestosi. Animali decisamente particolari. Per chi ha appena iniziato può essere difficile distinguerli tra loro. Specialmente se si ha l'opportunità...
Volatili

Come allevare i colombi

Siamo ben felici di approfondire un argomento molto bello ed importante, che può interessare i lettori che amano allevare degli animali, comodamente in casa o anche in qualche luogo adatto a loro. Nello specifico cercheremo d'imparare per bene come e...
Volatili

Come allevare i tacchini all'aperto

L'allevamento di animali all'aperto rappresenta un metodo naturale, sano e volto al benessere degli animali stessi. In particolare, allevare tacchini può essere l'ideale per chi abita in campagna e dispone di un ampio terreno. I tacchini sono infatti...
Volatili

Come allevare uno fenicottero

Animali straordinari per aspetto, movenze e colorazione, i fenicotteri amano stare liberi in natura, godendo degli ambienti e del cibo che questa gli offre. Pur tuttavia, se si desidera allevare uno di questi animali, è bene seguire scrupolosamente alcune...
Volatili

Come allevare i pavoni

Se avete intenzione di allestire nel vostro giardino un sorta di pollaio, potete approfittarne per allevare i pavoni. Si tratta infatti di animali che hanno bisogno di uno spazio minimo per poter crescere sani, e soprattutto sviluppare un piumaggio bello...
Volatili

Come allevare un fagiano

Il fagiano appartiene alla famiglia delle Phasianidae. Molto diffuso sul territorio nazionale è in realtà originario dell'Asia. Esistono tante specie, ciascuna con caratteristiche diverse. In generale, però, il fagiano si presenta con un corpo slanciato,...
Volatili

Come allevare i canarini da canto

Svegliarsi il mattino al canto degli uccelli mette decisamente di buon umore. Chi ama prendersi cura di questi piccoli animali è sempre più convinto d'intraprendere l'ambizioso cammino di allevare dei canarini. Apparentemente tutti i canarini emettono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.