17

Come allevare e addestrare un pastore tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: media

Introduzione

Il pastore tedesco è una delle razze canine più famose del mondo: originariamente utilizzato, per l'appunto, come cane da pastore, nel tempo ha assunto sempre più una connotazione da compagnia e da guardia, divenendo una delle razze più apprezzate in assoluto.
La scelta del pastore tedesco come compagno di vita comporta un impegno non da poco: si tratta infatti di un cane che necessita di molte attenzioni, uscite costanti ed ampio spazio esterno. Inoltre, avendo un'indole predominante, andrà addestrato in maniera ferma per abituarlo all'obbedienza verso il padrone.
Questa guida traccerà le linee essenziali su come allevare un pastore tedesco.

27

Occorrente

  • pazienza, tempo, dialogo
37

Il comando guinzaglio

Il primo passo è quello di condurre al guinzaglio il cane, avviandolo ad imparare la giusta andatura, mantenendo il giusto contatto visivo per farlo fermare all'occorrenza. Il percorso prevede di premiarlo ogni qualvolta si comporti in modo corretto, sia verbalmente sia utilizzando un croccantino o un biscotto.
Si seguirà il medesimo percorso anche per quanto riguarda l'addestramento al "seduto", che verrà inizialmente impartito ed eseguito tramite il premio.

47

Il comando terra

Il comando "terra" è l'intimazione al cane di sdraiarsi a terra: in questo caso occorrerà che il padrone inizialmente posizioni il cane in maniera corretta, facendolo sedere e tirandogli le zampe in avanti, fino a che non assuma una posizione sdraiata. Questo esercizio dovrà essere ripetuto più e più volte fino al momento in cui il cane non sarà in grado di replicarlo autonomamente all'intimazione del comando.
Anche la posizione "resta", vale a dire l'intimazione di fermarsi all'istante, dovrà essere lavorata partendo da una ripetizione di comandi in cui il padrone ogni volta procederà ad allontanarsi sempre di più, mantenendo il contatto visivo con il cane e prolungando la distanza man mano che quest'ultimo prende consapevolezza del comando impartito.

Continua la lettura
57

Il comando guardia

Dal momento in cui il pastore tedesco avrà imparato ad obbedire ai comandi basilari sopra elencati, si potrà procedere alla fase più delicata, quella della guardia. Partendo dal presupposto che questa razza è per indole attaccata al territorio dove abita, occorrerà iniziare imparandogli a non ricevere cibo da mani estranee e ricompensandolo se abbaia agli estranei con qualche croccantino o biscotto. È possibile provare qualche avvicinamento alla proprietà con qualche amico compiacente che si presterà per valutare la reazione del cane; ad ogni modo è preferibile affidarsi ad un addestratore per lo svolgimento di questo delicato compito.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • per esercizi più importanti, rivolgetevi ad un campo di addestramento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
16

Tutto sul Pastore Tedesco

tramite: O2O
Difficoltà: facile

Introduzione

Se sei un amante degli animali e adori i cani di taglia grande questo manuale fa al caso tuo, il pastore tedesco è un cane stupendo che richiede molta cura e molto amore. Viene spesso utilizzato per mansioni utili nell'ambito sociale, specialmente dalla Polizia che addestra queste razze per catturare i criminali sfruttando l'olfatto del cane o l'agilità, entrambe doti imparagonabili a quelle umane.

26

Il Pastore Tedesco è un cane spesso utilizzato come guardiano, ma che negli ultimi anni inizia ad essere utilizzato anche come cane da compagnia. La razza è molto fiera e robusta, intelligente e facile da addestrare, dolce e sicura di sé. Il pastore tedesco è un cane coraggioso e molto protettivo nei confronti della famiglia, che viene considerata come un branco, anche per questo stringe difficilmente rapporti di amicizia con gli estranei.

36

Se è stato preso un cucciolo di pastore tedesco occorre ricordarsi che è molto delicato anche dal punto di vista riguardante l'alimentazione, infatti il pastore tedesco deve, sin da subito, essere abituato a nutrirsi del cibo consigliato dal veterinario o dei semplicissimi croccantini. Far uscire il proprio cane e farlo giocare con altri cani è fondamentale, in quanto questo rende il cane socievole ed estroverso. Se si vogliono ottenere risultati buoni è necessario portare il cane da un addestratore professionista che provvederà ad addestrare il cane al meglio.

Continua la lettura
46

Il cucciolo di pastore tedesco è un cucciolo che necessita di molte coccole, ma nello stesso tempo deve capire, sin da subito, quale è il suo posto all'interno della famiglia che lo ha adottato: la gerarchia è infatti molto importante per il pastore. È, inoltre, importante anche essere chiari su ciò che si può e ciò che non si deve fare: sgridate il cane ogni volta che fa qualcosa di sbagliato. Crescendo il cane può anche cambiare alimentazione e si può aggiungere alla sua dieta: un uovo sodo a settimana e della pasta bianca con un goccio di olio d'oliva (sempre una volta a settimana).

56

Per quanto riguarda i lavaggi si ricorda che il cucciolo non potrà essere lavato prima dei quattro mesi, una volta terminato questo periodo sarà possibile farli la toelettatura, visto che lavarlo da se risulta molto difficile nella maggior parte dei casi. Inoltre, si ricorda, che il pelo del pastore tedesco va spazzolato almeno una volta al giorno, è anche necessario evitare pulci e zecche visto che possono trasmettere malattie molto pericolose.

66

Il pastore tedesco può soffrire, entro i primi anni di vita, di una fastidiosa patologia all'anca che lo porterebbe alla morte. La displasia dell'anca è una patologia frequente nei pastori tedeschi, di difficile soluzione e molto dolorosa, purtroppo sono pochi i veterinari in Italia che riescono a curarla o a gestire il problema. Già nel primo anno di vita si potrà capire se il cane ne soffre, se presa in tempo e in forma non grave, potrà essere curata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.