Come allevare un piccolo rondone caduto dal nido

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando le temperature iniziano a salire, ecco che nel cielo è possibile osservare la danza che numerosi volatili fanno come benvenuto alla calda stagione estiva, inaugurando un lungo periodo di belle giornate. Proprio il periodo estivo infatti, per la maggior parte dei volatili, tra i quali ricordiamo i rondoni, è il periodo della riproduzione, della caccia e della "progettazione" del nido dove alloggiare durante il periodo invernale. Quando le femmine di rondone, depositate le uova, assistono alla nascita dei loro piccoli, si mettono subito in volo alla ricerca di cibo, ma, durante la loro assenza, può succedere che uno dei piccoli, sporgendosi dal nido, cade per terra senza essere in grado di ritornare autonomamente dalla propria mamma. Quando ci si accorge della sua presenza, non si può non notarlo e lasciarlo li in preda a numerosi pericoli, ed ecco qui una guida su Come allevare un piccolo rondone caduto dal nido.

24

Un aspetto molto curioso da precisare sul comportamento delle femmine di rondone è che in caso di smarrimento di un piccolo della loro stessa specie, esse non si impegnano al fine di ritrovarlo e portarlo nuovamente a casa, in quanto potrebbe non essere figlio proprio e quindi preferiscono tenerlo lontano dal proprio nido. Quando si ritrova un piccolo rondone, come prima cosa è opportuno osservare le sue condizioni fisiche per rilevare l'eventuale presenza di traumi o lesioni importanti che mettono a repentaglio la vita dello stesso. I primi parametri da rilevare sono la temperatura e la dimensione dello sterno: se la temperatura del piccolo volatile, al tatto, risulta essere inferiore ai 38°, è bene coprirlo con un asciugamano o adagiarlo vicino ad una lampadina, così da ridurre il rischio di ipotermia acuta che potrebbe essere causa di morte. Per quanto riguarda la dimensione dello sterno, se esso ha una forma appuntita, significa che l'animale è denutrito, disidratato ed è particolarmente debole. In tal caso occorre somministrare al volatile delle gocce d'acqua, facendo attenzione a far scivolare le gocce sui lati del becco, oppure, attraverso l'ausilio di un'unghia, è possibile aprire leggermente il becco del rondone e somministrare l'acqua.

34

Una volta aver provveduto al miglioramento delle condizioni fisiche del piccolo ritrovato, occorre realizzare "il nido" del volatile, rendendolo il più familiare possibile. La soluzione migliore vede l'utilizzo di una semplice scatola di scarpe, non particolarmente grande, rivestita all'interno da uno straccio non più utilizzato ricoperto da carta assorbente. Una volta aver adagiato il piccolo volatile al suo interno, è bene chiudere in buona parte la scatola con un panno non solo per proteggere il rondone alla forte luce, ma poiché si tratta di volatili arrampicatori, è un buon modo per evitare che esso esca dalla scatola e vada in giro per tutta la casa.

Continua la lettura
44

Una volta che le condizioni del rondone si saranno stabilizzate, occorre provvedere alla sua nutrizione, la quale non deve essere avventata, altrimenti si potrebbero causare al piccolo dei danni irreversibili. L'alimentazione tipica dei rondoni non prevede lombrichi, cibi per cani e gatti che non sono a base di carne, ma vede l'assunzione di grilli, camole del miele o della farina (reperibili nelle pescherie), insetti vari e fuchi delle api. Un consiglio per invitare il piccolo a mangiare è quello di toccare con un dito, lavato e disinfettato, il lato sinistro del becco; a tale stimolo il rondone girerà velocemente la testa cercando di mangiare il dito e, mentre tiene afferrato con il becco il dito che lo ha accarezzato, con una pinzetta occorre inserire l'insetto e il cibo che si desidera somministrargli direttamente il gola.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come alimentare un passerotto caduto dal nido

Siamo finalmente in primavera, la stagione in cui sentiamo finalmente i primi tepori dell'anno. Non c'è niente di meglio che sfruttare una bella giornata per una passeggiata. Durante il cammino, però, potremmo imbatterci in una piccola creatura bisognosa...
Volatili

Come aiutare un Uccellino caduto dal Nido

È possibile che vi sia capitato di trovare un uccellino impaurito caduto dal nido, impietrito e incapace di volare. E vi sarà anche capitato di domandarvi come poterlo aiutare per evitare che la piccola bestiola incorra in eventuali pericoli. Ma per...
Volatili

Come riconoscere il rondone

Il rondone fa parte della famiglia degli Apodiformi (ordine di classe degli uccelli) e si trova comunemente nella Penisola Italiana da Marzo-Aprile fino a Ottobre-Novembre. Le specie individuate precisamente in Italia sono il rondone comune, pallido e...
Volatili

Come nutrire gli uccellini caduti dal nido

Quando incontriamo un uccellino che pensiamo sia caduto dal nido, la prima cosa che facciamo è prenderlo, convinti che il piccolo, dopo la caduta, sia stato abbandonato. Questo è un errore che fanno tantissime persone. Infatti non tutti i volatili non...
Volatili

Come rimuovere un nido di uccelli

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di ritrovarci un nido di uccelli in un piccolo spazio esterno della nostra abitazione come un giardino, un sottotetto, un balcone o una finestrella poco utilizzata. È importante rimuovere questo nido in...
Volatili

Come preparare un nido per galline

Le galline sono definite “animali da cortile”, perché non hanno bisogno di un particolare habitat per sopravvivere. Ma possono essere allevate, appunto, anche in uno spazio antistante alla propria abitazione. Molti allevano le galline per molteplici...
Volatili

Come costruire un nido per rondini

Costruire un nido per rondini è un atto di puro amore verso questi uccelli, che ogni anno al ritorno dalle zone calde, non hanno la possibilità di trovare un nido, specie nelle città. Quest'attività di costruzione di nidi artificiali, ha un nome specifico...
Volatili

Come preparare un nido per oche

Quando le oche depongono le loro uova, diventa necessario realizzare un nido che possa ospitare questi animali in uno dei momenti di certo più importanti e delicati della loro vita. Dedicate a questi simpatici animali tutto il vostro supporto. Occorrerà...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.