Come Allevare Un tritone Pachytriton Labiatus

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

I Pachytriton Labiatus sono dei bellissimi tritoni (appartenenti alla numerosa famiglia delle Salamandridae) provenienti dalla Cina, con caratteristica pancia a macchie rosse ed una coda lunga a forma di spatola. Il loro allevamento non presenta particolari difficoltà, ma è importante tenere conto di alcuni aspetti fondamentali per garantire loro un buon ambientamento ed evitare spiacevoli imprevisti. I Pachytriton sono infatti anfibi estremamente territoriali, e non di rado questa loro caratteristica si esprime con una grande aggressività, di cui tenere conto nel caso si voglia allevarne più di uno. Vediamo allora insieme come allevare con successo un tritone Pachytriton Labiatus.

26

Occorrente

  • acquaterrario
  • cibo specifico
36

Allestimento dell'habitat. Spesso i negozianti affermano che possono essere tenuti costantemente in acqua ma ciò è errato in quanto questa specie ha l'esigenza di fuoriuscire dall'acqua per due motivi: per cattive condizioni dell'acqua o per motivi di salute; perciò è necessario allestire un acqua terrario caratterizzato da zone emerse, molti nascondigli in quanto amano nascondersi (anfore, gusci di cocco, rocce) e con un livello d' acqua non superiore ai 5 o 6 cm. La temperatura dell'acqua ottimale si aggira intorno ai 18-20 gradi. Infine per il fondo del nostro acquaterrario è consigliabile una ghiaia di grosse dimensioni evitando così che possano ingoiarla creando pericolosi blocchi intestinali.

46

Alimentazione. È preferibile nutrire questi tritoni con cibi vivi, ma in assenza di questi ultimi è possibile alimentarli con cibi congelati. Uno dei cibi più facili da trovare in commercio di cui vanno ghiotti sono i chironomus (larve di zanzara) ma possono cibarsi anche di vermi, camole, tarme della farina ed artemie. I Pachytriton Labiatus mangiano volentieri anche piccoli insetti come le mosche. L'importante è variare il tipo di cibo e non eccedere con le quantità (solitamente si consigliano due o tre pasti settimanali).

Continua la lettura
56

Accortezze aggiuntive. Attenzione, per il cambio dell'acqua non va mai utilizzata acqua distillata ma acqua di rubinetto lasciata a decantare per almeno 24-48 ore, dopo di che si effettuano dei cambi parziali di acqua ogni settimana (10-20%). Evitiamo la convivenza con altri animali come pesci, rane o altre specie di urodeli. In natura sono animali schivi e solitari. Cerchiamo anche di evitare di toccarli in quanto possiamo attaccare loro funghi o batteri, se è proprio necessario maneggiarli è consigliabile utilizzare dei guanti in lattice.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se si tratta della nostra prima esperienza è consigliabile informarsi accuratamente prima dell'acquisto

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come allevare gli scarabei

Negli ultimi anni sono sempre piú numerose le persone che si appassionano ai coleotteri, in Giappone per esempio, allevare scarabei è una cosa più che normale. Tuttavia gli scarabei sono una famiglia di insetti molto ampia e variegata, all’interno...
Rettili e Anfibi

Come Allevare Le Lucertole

Possedere un'animale domestico è cosa piuttosto comune. Alcune volte però si scelgono animali piuttosto inusuali da tenere come compagnia. Serpenti, Iguana, e perfino lucertole, sono i rettili più scelti come animai domestici. Ma per poterli tenere...
Rettili e Anfibi

Come allevare i girini

Il termine "girino" identifica comunemente lo stadio larvale degli Anfibi e, tra questi, rientra il piccolo della rana. La struttura del girino è caratterizzata da un corpo globulare, che contiene gli organi vitali, e da una coda appiattita e lanceolata...
Rettili e Anfibi

Come allevare una tartaruga

Anfibi e rettili stanno sostituendo nelle case di molti italiani cani e gatti. La motivazione è piuttosto semplice: questi animali sono più semplici da gestire, non richiedono passeggiatine al parco, non sporcano, non perdono pelo e per alcuni sono...
Rettili e Anfibi

Come allevare rettili

I rettili sono un'insolita passione. La prima domanda da porsi è il tipo di investimento economico che possiamo permetterci a riguardo. Dopodiché l'esperienza insegna che è bene cominciare da un esserino più semplice nella gestione, che non sia soggetto...
Rettili e Anfibi

Consigli per allevare una iguana

Il mondo animale è molto ricco di esemplari. Tra questi è impossibile non annoverare l'iguana, rettile molto simile ad una lucertola ma dalle dimensioni nettamente maggiori. Il suo habitat si estende dal Messico meridionale fino al Brasile centrale,...
Rettili e Anfibi

Come allevare un serpente

Da qualche anno è possibile anche in Italia possedere ed allevare un serpente, ma le informazioni su come fare ad allevarlo e nutrirlo correttamente sono davvero poche. Con la presente guida vogliamo darvi delle indicazioni in merito, spiegandovi come...
Rettili e Anfibi

Come allevare rane e rospi

Gli anfibi appartengono ad una specie animale molto legata all'acqua ed è in questo luogo che avviene la loro riproduzione: l'etimologia della parola, "anfi" che significa doppio e "bio" vita, testimonia che il ciclo vitale degli anfibi prevede una fase...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.