Come allevare una tartaruga di terra in giardino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Allevare le tartarughe di terra è davvero facile con le giuste informazioni e mantenimento corretto. Il giardino è il luogo più adatto per loro, più a contatto con quello che è il loro habitat naturale. Basta avere pochi semplici accorgimenti e riuscirete a godere della compagnia delle tartarughe di terra per davvero moltissimi anni. Ecco la guida per come poter accogliere nel proprio giardino questi animali e prendersene cura.

26

Informazioni sulle tartarughe

Le tartarughe di terra che si trovano spesso da noi sono le Testudo Hermanni (Hermanni o Boettgeri), Testudo Horsfieldi, Testudo Graeca. Prima di scegliere l'informazione è d'obbligo per quanto riguarda il clima e le esigenze delle stesse. Le tartarughe di terra sono per lo più erbivore, a volte mangiano anche chiocciole (con guscio ricco di calcio), lombrichi, feci di piccoli animali e altri alimenti che trovano per strada. Durante il giorno le vedrai spesso fare i bagni di sole, questo perché il loro guscio ha bisogno di tantissimo sole per rimanere in perfetta salute. In inverno per un po' di mesi non le vedrai più perché vanno in letargo. È importante per loro fare dei bagnetti per reidratarsi e fare i propri bisogni. Sono animali che in natura vivono tantissimi anni. Arrivano a maturità sessuale generalmente intorno ai 5 anni. Le tartarughe di terra devono avere il loro documento (CITES) ed essere provviste di microchip.

36

Preparazione del recinto

Dopo che hai deciso di accogliere delle tartarughe di terra nel tuo giardino, devi progettare e preparare il recinto. Prima di portarle a casa, e specialmente nel caso di tartarughe baby. Quella sarà per molto tempo la sua casa. Scegli un posto del giardino illuminato dalla luce del sole per la maggior parte della giornata e molto spazioso, perché camminano tantissimo. Delimita i confini usando preferibilmente materiali come ad esempio delle tavole di legno, creando una recinzione a prova di fuga/arrampicata (attività in cui sono molto abili). Dopo di che, soprattutto per le baby che sono facili vittime di predatori dall'alto e non solo (volatili, roditori, gatti...), chiudi la parte superiore del recinto con della rete metallica così da impedirne l'accesso agli ospiti indesiderati. Quando la recinzione è pronta, è il momento di preparare i rifugi all'interno di essa. Puoi usare dei mattoni e delle tegole, ricreare dei luoghi d'ombra dove si ripareranno nei giorni di pioggia o per stare un po' all'ombra. Sono essenziali anche delle piante come il rosmarino, la menta, che formino dei cespugli, oltre a ripararsi potranno anche cibarsene. Altro accessorio importantissimo è una ciotola appiattita dove puoi mettere l'acqua, ogni giorno nuova, dove le tartarughe potranno reidratarsi e fare i loro bisogni. Se sono baby tartarughe di terra per fare in modo che escano dalla ciotola, sul fondo dovrai adagiare dei sassolini ben puliti.

Continua la lettura
46

Alimentazione delle tartarughe

Le tartarughe di terra sono animali e come tali hanno delle esigenze ben precise, quindi è opportuno cercare di rispettare poche semplici regole per il loro allevamento. L'alimentazione è una parte che merita attenzione. Le tartarughe di terra si cibano specialmente di vegetali come tarassaco, margherite, malva, piantaggine, menta, salvia. Ci sono poi alimenti cui devi prestare più attenzione, e limitarne la quantità come il trifoglio ad esempio. Possono mangiare anche la frutta, ma in maniera moderata, più o meno una volta la settimana, ad esempio l'anguria di cui sono ghiotte. Mangiano anche gli ortaggi, ma quelli più consigliati sono cicoria, indivia, radicchio.... Dovrai lavarli e asciugarli bene, altrimenti potrebbero correre rischi. Una volta a settimana potrai dare dell'osso di seppia. Quando poi arriva il periodo del letargo man mano mangeranno sempre meno. È importante che lo facciano, altrimenti quando saranno in letargo potrebbero avere dei problemi.

56

Malattie e letargo delle tartarughe

Purtroppo anche le tartarughe di terra rischiano di prendere delle malattie, se non allevate correttamente possono correre dei rischi. Ad esempio se le tieni rinchiuse in casa il loro carapace potrebbe diventare mollo poiché per essere in salute ha bisogno della luce del sole. Con un'alimentazione sbagliata il carapace potrebbe subire la piramidalizzazione e quindi assumere una forma anomala. Ci sono anche altre malattie che possono colpire le tartarughe di terra, ma i rischi sono minimi se ben allevate. Di norma è necessaria almeno una visita di controllo all'anno. Un altro momento importante per le tartarughe di terra è il letargo. Staranno per dei mesi sotto terra, per le più piccole c'è il rischio che i roditori le danneggino. Quindi sono utili dei contenitori in rete metallica da imbucare nel terreno dove le tartarughe scaveranno e saranno al protetto.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Assolutamente evitare di fargli mangiare pasta e pane, carni e derivati animali, compresi i latticini.
  • Non condire mai gli alimenti che dai alla tua tartaruga
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Animali da Compagnia

Tartaruga: quando non può andare in letargo

Le tartarughe sono animali meravigliosi e talvolta diventano anche longevi animali da compagnia. Ogni tartaruga trascorre gran parte dell'inverno nel proprio guscio, consumando le riserve di grasso corporeo accumulate nella parte restante dell'anno. Tuttavia,...
Animali da Compagnia

Come allevare il topo domestico

Il ratto domestico o più comunemente topo domestico, è un piccolo animaletto della famiglia dei roditori. A differenze del topo di campagna che siete abituati a vedere, il topino domestico è di dimensioni leggermente più piccole ed ha un colore che...
Animali da Compagnia

Come Allevare I Lemming

I lemming sono dei roditori simili ai criceti che amano stare in compagnia, quindi si possono tranquillamente allevare in casa. Questa condizione inoltre non è affatto difficile, ma richiede soltanto alcune accortezze affinché possano godere di buona...
Animali da Compagnia

Come allevare un coniglio nano

Esistono molteplici razze di conigli, i quali ormai sono divenuti animali da compagnia molto apprezzati. Essi, infatti, possono vivere anche in appartamento e non richiedono cure costanti come avviene per i cani o per i gatti. Tra le razze più ambite...
Animali da Compagnia

Come allevare un coniglio in casa

Il suo aspetto tenero ed a volte buffo e la piccola taglia fanno del coniglio uno degli animali da compagnia più amati. Dopo il cane e il gatto, è l'animale domestico che viene scelto più di frequente. Piace molto ai bambini, perché è vivace ed ama...
Animali da Compagnia

Come allevare un criceto dorato

Se avete sentito parlare del criceto dorato ma non sapete cosa sia o dove poterlo trovare, in questa guida troverete tutte le risposte alle vostre domande. Soprattutto perché questo animaletto è un perfetto animale da compagnia, adatto ai bambini, che...
Animali da Compagnia

Come allevare un cincillà

I cincillà sono degli esseri graziosissimi e molto morbidi; una volta visti, ci si innamora facilmente di loro. Essi sono molto delicati e possono ammalarsi facilmente se non sono curati amorevolmente. La persona che li compra deve provvedere anche ad...
Animali da Compagnia

10 consigli per allevare uno scoiattolo

Fra i roditori che popolano gli ambienti boschivi lo scoiattolo è sicuramente quello più noto e simpatico. In natura trascorre la maggior parte del suo tempo sugli alberi, essendo in grado di arrampicarsi e saltare abilmente. È tuttavia possibile prendersi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.