Come allontanare le arvicole

Tramite: O2O 15/10/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Al giorno di oggi sta tornando la cultura dell'Orto, proprio come il secolo scorso: ognuno coltivava il proprio cibo.
Infatti, in molti stanno tornando a ricordare che possedere un proprio orto è la soluzione migliore per poter essere sicuri di avere sempre a disposizione prodotti freschi e di qualità da mangiare e cucinare: sapere con certezza cosa esattamente mangiamo e come vengono coltivati i prodotti che mettiamo sulle nostre tavole è davvero importante.
Inoltre, si sta diffondendo l'uso dell'Orto come una vera e propria terapia: infatti, la soddisfazione di seminare dei piccoli semi, vedere una pianta crescere, accudirla ed avere tra le mani i suoi frutti, giova al nostro umore, sempre così ballerino per via dello stress.
Se anche voi avete scelto di costruire il vostro orto, sicuramente vi ritrovate dinanzi ad alcuni problemi.
Ogni mattina il terreno è in subbuglio, e sembra che ci sia stata una tempesta durante la notte?
Oppure i semi che avete da poco piantato sono spariti nel nulla?
Ancora, gli alberi da frutto disseccano uno dopo l'altro?
Succede tutto questo quando il nostro terreno è assalito dalle arvicole.
Le arvicole sono roditori appartenenti alla stessa famiglia dei criceti, ma non altrettanto affettuose. Questi topini non molto simpatici, sono eccellenti scavatori, formano gallerie sotterranee ben collegate dalle quali escono sia di giorno che di notte. Essendo erbivori si nutrono di vegetazione e radici, e nei periodi difficili (estati secche e inverni duri) attaccano gli alberi da frutto decorticando le radici fino a farli disseccare.
Eppure non sono così difficili da allontanare: seguendo questa guida, attraverso pochi e semplici passaggi daremo utili suggerimenti che vi aiuteranno certamente a scoprire come allontanare le arvicole.

27

Occorrente

  • Zappa o aratro per rompere il terreno
  • Acqua
  • Barattoli
  • Tubi
  • Esche per roditori
37

Rompere il terreno

Prevenire è meglio che curare, e questa teoria vale anche in agricoltura e nella cura degli orti.
Per evitare che le arvicole arrivino nei vostri terreni, occorre innanzitutto aver cura di mantenere sempre l'erba bassa; il metodo più efficace è quello di rullare il terreno, operazione che impedisce la formazione dei cunicoli dei roditori e devasta i nidi già presenti: in questo modo, le arvicole scappano in altri posti.
Inoltre, poiché gli sbocchi delle tane in superficie sono molto ben visibili, sarà più facile battere proprio quelle parti di terreno.

47

Sfruttare l'acqua

Se le arvicole sono numerose ed il terreno ne è letteralmente invaso, occorre risolvere il problema adottando dei metodi più specifici.
Bisogna scegliere in primo luogo le tecniche meno invasive, sempre nel rispetto dell'ambiente: infatti, l'impiego dei prodotti chimici in particolare, deve essere sempre ritenuto l'ultima alternativa e solo in casi di infestazioni massicce.
Nei piccoli appezzamenti di terreno è possibile ricorrere all'allagamento dei cunicoli con l'acqua: infatti, inserendo un tubo di gomma nei buchi d'uscita, si potrà versare dell'acqua e le gallerie sotterranee risulteranno allagate: così facendo, andrete a costringere le arvicole alla fuga, essendo degli animali che non amano bagnarsi.
Sempre per piccole superfici ed infestazioni limitate, un'altra soluzione è quella di interrare un po' ovunque barattoli abbastanza alti colmi di acqua, che saranno da oltraggio per la costruzione dei cunicoli.

Continua la lettura
57

Usare esche

Se il numero di arvicole è decisamente troppo alto, si stanno diffondendo a macchia d'olio e stanno arrecando danni decisamente devastanti, dovrete fare ricorso a prodotti chimici rodenticidi ed alle esche per topi: scegliete quelle che catturano ma non uccidono gli animale, facendovi sempre consigliare dai negozianti: non dimenticate di dire che lo utilozzerete nel vostro orto, là dove coltivate prodotti commestibili. Recatevi in venditori specializzati e legalizzato, poiché purtroppo ci sono persone che vendono sottobanco dei prodotti che sono stati bandito dal commercio poiché arrecano danno sia all'ambiente che agli animali: non fatevi abbindolare dalla loro azione, poiché oltre a sterminare gli animali, inquinano il terreno e ciò che andrete a mangiare.
I prodotti devono essere distribuiti manualmente in prossimità delle tane, non dimenticando che si tratta di sostanze pericolose da maneggiare rigorosamente con i guanti.
Come coadiuvante di queste tecniche, fate ricorso ai nemici naturali delle arvicole: lasciate dei gatti nell'area, che andranno a caccia di arvicole, le quali, spaventate, scapperanno.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se siete patofobici niente paura: le arvicole non saltano e non sanno arrampicarsi !
  • Tenete il terreno il piú pulito possibile: i roditori vengono richiamati dalla sporcizia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Come Distinguere Un Nandù Da Uno Struzzo

Quando ci si trova dinnanzi ad un nandù e a uno struzzo, a prima vista questi possono sembrare del tutto identici. Dunque, per cercare di comprendere le loro differenze, nella seguente guida vi sarà spiegato proprio come distinguere un nandù da uno...
Volatili

Come allestire una voliera

L'alloggio è particolarmente importante per il benessere dei nostri uccelli e la voliera è un esempio: la differenza tra una voliera e una gabbia sta nel fatto che la voliera è più grande, più confortevole per gli uccellini che vi devono abitare....
Volatili

Le principali malattie dei canarini

Dall'indole socievole e dal cinguettio argenteo, il canarino è uno degli animali da compagnia più diffusi. Allevato in gabbie o voliere, può stare da solo, in coppia o in gruppo. Ne esistono numerose varietà, dal piumaggio colorato e vivace, ed in...
Volatili

Come difendere le galline dai predatori

Chi ha un po' di giardino o una bella campagna avrà anche voglia di allevare animali da cortile, come le galline. Ma tanti sono i problemi di chi possiede delle galline, da quelli igienico-sanitari al "coccodè" continuo che, per chi non è abituato,...
Volatili

Come tenere lontani i piccioni dalla casa

Se fate parte di quella categoria di persone che si trovano il balcone o il giardino invaso dai piccioni e non sanno come fare per allontanarli, allora continuate a leggere questa guida e troverete alcuni suggerimenti molto utili. Se voler ricorrere alle...
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Volatili

Come liberarsi dei picchi

In Italia convivono più di una dozzina di specie riconducibili al genere Picidae. Ogni specie possiede della abitudini proprie: ad esempio, il Torcicollo si nutre di formiche e limita le operazioni di "martellamento" alla mera questione nidificatoria...
Volatili

Come distinguere le cocorite

Il parrocchetto ondulato (Melopsittacus undulatus) è un piccolo pappagallo conosciuto anche con il nome di parrocchetto australiano, in Italia volgarmente definito cocorita, cocorito o semplicemente pappagallino. Il nome Melopsittacus deriva dal greco,...