Come avviene il fenomeno della migrazione degli animali

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La migrazione rappresenta uno spostamento di un qualsiasi essere, da quella che è la sede abituale verso un'altra, che risulti essere più congeniale ed adeguata a delle nuove necessità. Il fenomeno della migrazione caratterizza molte specie animali che, trovandosi in una momentanea condizione sfavorevole in un certo ambiente, hanno la necessità di spostarsi da un luogo ad un altro per trovare una sistemazione maggiormente consona. Fra tutte quante le specie di animali, sicuramente gli uccelli possono essere definiti come i classici migratori. Ogni anno, infatti, essi partono e ritornano nel luogo originario durante la stagione primaverile, per fare il nido e per aspettare il periodo della riproduzione. Conosciamo benissimo come il ritorno delle rondini a marzo, per fare un piccolo esempio, nonché la loro migrazione alla fine dell'autunno. Nelle specie mammifere, invece, un classico esempio è rappresentato dalle foche del Pacifico. Tuttavia possiamo anche affermare che i pesci compiono notevoli fenomeni di migrazioni. Ad esempio i salmoni hanno come habitat consueto quello delle acque marine, ma appena giunge il tempo della riproduzione, risalgono verso i corsi di acqua dolce. Inoltre non ci si deve dimenticare degli elefanti. Questi animali, nonostante la loro mole, mettono in pratica delle vere e proprie migrazioni, con la finalità di riprodursi. In questa pratica guida, pertanto, andremo a vedere come avviene il fenomeno della migrazione degli animali.

27

Occorrente

  • Documentari e riviste sull'argomento.
37

Molti animali vivono nelle zone più fredde del globo

Molti animali abitano nelle regioni più fredde della Terra. La gran parte di queste specie di animali vive nelle zone artiche. Per mantenere il calore del corpo anche quando la temperatura esterna è gelida, i mammiferi hanno dei manti pelosi particolarmente spessi. L'estate artica è abbastanza breve, ma illuminata quasi di continuo dal sole. Certe specie animali, come ad esempio il caribù, migrano a nord in cerca di pascoli. Successivamente, con l'arrivo dell'inverno, tornano verso sud in luoghi più caldi, alla ricerca degli alimenti. Una curiosità che vi possiamo dare riguarda le caratteristiche delle orecchie. Nel caso in cui le orecchie siano grandi, ciò vuol dire che aiutano a disperdere il calore. Invece le orecchie piccole aiutano a mantenerlo. Per questa ragione gli animali delle regioni fredde presentano delle orecchie piccole. La lepre artica, ad esempio, ha le orecchie molto più ridotte rispetto alle lepri delle regioni calde.

47

Le cause che sono alla base del fenomeno della migrazione

Alcuni uccelli percorrono notevoli distanze tra il punto in cui hanno nidificato e quello che hanno stabilito per passarvi l'inverno. Al tempo delle migrazioni, gli uccelli riescono a trovare la giusta strada grazie al sole ed alle stelle. La sterna artica nidifica nell'Artide, per poi trascorrere l'inverno nell'Antartide. Questa abitudine la costringe a percorrere circa 30000 chilometri all'anno. Le principali cause che portano gli uccelli a migrare sono diverse, e le andiamo a citare a seguire. Tra queste, annoveriamo i cambiamenti delle condizioni atmosferiche. In secondo luogo, anche la comparsa di nuove risorse in luoghi differenti è un aspetto fondamentale. Inoltre, gli uccelli devono organizzare il loro viaggio alla perfezione. Infatti, essi trascorrono circa sei mesi in viaggio, ed hanno poco tempo a disposizione per effettuare altre attività come la riproduzione. Per questo motivo devono essere particolarmente, senza ritardare la loro partenza.

Continua la lettura
57

I principali tipi di migrazione esistenti

Solitamente, gli uccelli si spostano in gruppo mentre gli insetti si spostano sia in piccoli gruppetti che individualmente. Sulla terra, i mammiferi si spostano in grandi branchi. Nella savana le antilopi, le gazzelle e le zebre migrano in numerosi gruppi. Anche gli anfibi sono interessati dal fenomeno della migrazione. Ad esempio le rane lasciano il loro habitat naturale dopo l'accoppiamento, per potervi ritornare l'anno seguente. Le tartarughe compiono delle migrazioni spostandosi tra la terra e l'acqua. Le balene compiono tantissimi chilometri tra i freddi mari polari e quelli tropicali, con la finalità riproduttiva. Secondo gli studiosi, le migrazioni possono essere suddivise in varie categorie. Tra queste annoveriamo quelle trofiche, nelle quali l'obiettivo finale è quello di rimediare gli alimenti. Poi ci sono le migrazioni continue, le quali sono costanti. Inoltre citiamo le migrazioni discontinue, le quali non sono regolari e genetiche, che il più delle volte ha una finalità riproduttiva.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Osservare il comportamento degli animali serve ad arricchirci ed a trarne spunto in qualche occasione della nostra vita.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Volatili

Le differenti tipologie di anatra

Quando si pensa alle anatre si immagina il comune Germano reale o le varie anatre ibride sugli stagni locali. Tuttavia in natura ci sono molti tipi diversi di anatre. L'anatra appartiene all'ordine degli uccelli quelli degli Anseriformi: la sottofamiglia...
Volatili

Come riconoscere la taccola

Nel corso degli anni, diverse specie di corvidi si sono insediate nei nostri centri abitati abituandosi alla convivenza con l'uomo: fra queste, la taccola (Coloeus monedula) è una delle più interessanti. Parente stretta della cornacchia, la taccola...
Volatili

I principali uccelli da stagno

Tra gli animali presenti nel nostro pianeta troviamo gli uccelli da stagno. Lo stagno è uno specchio d'acqua immobile, non molto profondo e abbastanza piccolo. Esso è posto in luoghi dove vi è la giusta alimentazione per la fauna e un fondale resistente....
Volatili

Come Distinguere Il Nibbio Reale Dal Nibbio Bruno

Il birdwatching è un hobby che in tempi passati veniva spesso praticato da chi era una appassionato di uccelli, e ancora oggi questa attività viene svolta da molti appassionati. Molte persone si stanno affacciando a questo curioso mondo, molte persone...
Volatili

Come riconoscere la folaga

Gli uccelli sono una classe di vertebrati particolarmente adatti al volo, in conseguenza della trasformazione degli arti anteriori in ali. Essi sono sparsi in tutte le parti del globo, ma con aree di diffusione molto diverse da specie a specie. Alcuni...
Volatili

Come riconoscere un fringuello

Svilupperemo la guida che seguirà sulla una tematica riguardante gli animali e, più precisamente, gli uccelli. Infatti, avrete notato anche attraverso il titolo che accompagna il nostro articolo, ora andremo a offrirvi qualche utile indicazione su come...
Volatili

Tutto sul gabbiano reale

Tipico della costa mediterranea, il gabbiano reale, il cui nome scientifico è Larus michahellis, è ampiamente diffuso anche nelle coste dell'Eurasia, America settentrionale, con qualche colonia sparsa lungo le coste dell'Africa nord-occidentale. Uccello...
Pesci

La famiglia dei Salmonidi: caratteristiche

Quando si parla dei Salmonidi, ci si riferisce alla famiglia a cui appartengono diverse specie di pesci tra cui il salmone. Quest'ultimo, nello specifico è quello più conosciuto ed è maggiormente apprezzato per il consumo alimentare; infatti è molto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.