Come calcolare l'etá di un gatto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si parla di età del gatto spesso si pensa a moltiplicare i suoi anni per 7 così da avere una stima di quanto sia vecchio in "anni umani". Questa tecnica è solo parzialmente corretta. Infatti, si pensa che dopo i primi due anni di vita di un gatto, ogni suo anno equivalga solamente a 4 "anni umani". Vediamo in breve come calcolare l'etá di un gatto.

27

Conoscere quanti anni ha

La prima cosa da fare, prima di pensare di fare eventuali conversioni di numeri, è conoscere l'età del gatto, calcolata in maniera normale. Se il gatto è stato adottato a seguito di una cucciolata, si può chiedere alla famiglia che lo ha venduto/regalato di rendere noto il giorno di nascita. Se invece il gatto è stato preso da un veterinario, ci si può rivolgere a quest'ultimo. Egli se ha una data di nascita nota ve la dirà, altrimenti, osservando il micio, sarà in grado di dare una stima approssimativa della data di nascita. In questo caso si baserà sull'osservazione della dentatura del gatto, del suo pelo e dei periodi durante i quali avvengono generalmente le cucciolate.

37

Effettuare la conversione

Una volta nota l'età del gatto, si può provare a dare una stima degli anni umani del nostro felino. Questa conversione viene generalmente fatta poichèla longevità di un gatto è di circa 4-5 anni in natura, ma può anche arrivare a 27 anni (in alcuni casi particolari). Di conseguenza, potrebbe aver senso effettuare una proporzione tra longevità felina e longevità umana. In generale, possiamo suddividere l'età di un gatto in diversi stadi, rapportati a diversi stadi della vita umana.

Continua la lettura
47

Cucciolo

Il periodo di vita tra nascita e compimento del 6 mese di vita rappresenta la prima fase della vita di un gatto. In questa fase il gatto cresce molto velocementema generalmente non sviluppa maturità sessuale. Paragonato alla vita degli uomini, questo periodo è quello di bambino.

57

Junior

In questa fase, che va dai 6 mesi ai 2 anni, il gatto completa il suo sviluppo e smette di crescere. In questi anni impara a vivere e sopravvivere. Se si volesse paragonare questo periododi vita alla vita di un umano, potremmo pensare all'adolescenza.

67

Giovinezza e Maturità

Questo è lo stadio principale della vita di un gatto che generalmente va dai 3 ai 6 anni. In questa fase il gatto è nel suo picco massimo di attività, vive la sua vita al massimo godendo ogni singolo momento. Inoltre, in questo stadio, gode generalmente di ottima salute. Tra i 7 e i 10 anni il gatto viene definito "Maturo" in quanto inizia ad essere stanco e ad avere comportamenti più pacati. Le sua attività inizia a diminuire. Questo stadio potrebbe essere paragonato ai 40-50 anni "umani".

77

Senior e Geriatrico

Il gatto inizia ad invecchiare e viene definito senior quando ha 11-14 anni. Questo è equivalente ai nostri 70 anni. In questa fase il gatto è sempre più stanco ma ancora autosufficientee tutto sommato attivo. Dai 15 anni in su il gatto viene definito geriatrico in quanto inizia a mostrare sintomi tipici della vecchiaia. Questo stadio finale della sua vita può durare un periodo di tempo più o meno lungo, a seconda del gatto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Indicatori dell'età di un gatto

I gatti sono tra gli animali domestici più apprezzati da chi desidera una compagnia pelosa. Il gatto è una creatura indipendente e curiosa, che non disdegna le attenzioni del padrone. È un animale agile, vispo e scattante. Possono essere piuttosto...
Gatti

Gatto: come interpretare il miagolio

Chi possiede un gatto spesso si ritrova a sentire miagolii non sempre decifrabili. Si tende a credere che il nostro gatto quando emette il suo tipico verso lo faccia esclusivamente per chiedere cibo ma spesso non è così. Sono diversi i motivi e i bisogni...
Gatti

Come fare ad allenare il cervello di un gatto

Tra tutti gli animali domestici, sicuramente il gatto ricopre un ruolo di primo piano, la sua bellezza, intelligenza e per quel suo tocco di mistero. Innumerevoli sono i benefici che si possono trarre dall'avere un gatto, come per esempio l'avere un ottimo...
Gatti

10 cose da sapere prima di prendere un gatto

Adottare un amico a 4 zampe non è solo un modo per garantirci compagnia e amore incondizionato. È anche (e soprattutto) un serio impegno nei confronti di un essere vivente. Prima di prendere un cane o un gatto dovremmo sempre essere consapevoli di ciò...
Gatti

Guida a una corretta alimentazione del gatto

L'animale è un amico a quattro zampe che ti tiene in compagnia. Tra gli animali da compagnia troviamo sia il gatto che il cane. Il cane rappresenta un animale che ti ascolta, e soprattutto che gioca con te. Il gatto è moto indipendente, e decide lui...
Gatti

Come insegnare al gatto a non salire sul letto

Ecco una guida, molto interessante, attraverso il cui aiuto, poter essere in grado di imparare come insegnare al proprio gatto a non salire sul letto, in modo tale da far rispettare questo ordine e farlo eseguire alla lettera. Quando si ha un gatto in...
Gatti

Alimentazione del gatto: gli errori più comuni

Per comprendere quali sono gli errori più comuni nell'alimentazione del gatto è importante comprendere che il gatto, a differenza del cane, è un carnivoro stretto, ovvero ha bisogno necessariamente della carne. Se si analizza il contenuto dei croccanti...
Gatti

Il gatto: consigli per l'inserimento in famiglia

Il gatto domestico deriva dalla lingua celtica, appartiene ai mammiferi carnivori e più precisamene alla famiglia dei felidi. Trattasi del felino maggiormente presente in tutto il mondo. La sua prima domesticazione risale al tempo degli Egizi, che lo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.