Come calcolare la concentrazione di anidride carbonica in acquario

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono dei veri e propri appassionati di pesci, a capire come poter calcolare la concentrazione di anidride carbonica in un acquario. Iniziamo subito con il dire che tutti gli acquariofili che hanno a cuore la salute del proprio acquario e degli organismi che vi vivono devono confrontarsi con alcuni parametri essenziali per il benessere di pesci e piante. In particolare, se si hanno piante vere, la concentrazione di anidride carbonica disciolta in acqua, è uno dei principali valori da calcolare e da tenere sotto controllo.

26

Occorrente

  • Tabella di comparazione valori KH, CO2, pH
36

Sappiamo che la CO2 va a modificare il pH dell'acquario perché è coinvolta nella reazione di dissoluzione dei carbonati (CO² e H2O <=>H2CO3 <=> H e HCO3- <=> 2H e CO3--), e quindi i suoi valori sono legati anche a quelli del KH dell'acquario, cioè la durezza temporanea (carbonati e bicarbonati di calcio e magnesio). Più CO2 c'è in acquario più basso è il pH e viceversa (dipende però anche dal valore di KH). La CO2 può essere immessa con una bombola apposita. Il movimento della superficie dell'acqua mediante l'uso di un aeratore o di un'immissione "a cascata" dell'acqua dal filtro riduce la CO2 disciolta in favore dell'ossigeno.

46

Si deduce quindi che possiamo calcolare l'anidride carbonica sapendo il valore di KH e di pH. Questi due valori possiamo misurarli con un test a reagente (controllate sempre la scadenza di questi test e procuratevi le marche migliori, non è detto che le più care siano le migliori), successivamente possiamo applicare una formula per calcolare la concentrazione di CO2 in parti per migliaia: ppm CO2= KHx3x10^(7-pH). Tuttavia questa formula è poco pratica per cui esiste una tabella preparata a priori che permette di sapere la CO2, conoscendo gli altri due parametri. La tabella indica anche se la concentrazione di anidride carbonica è eccessiva. Inoltre potete calcolarla comprando degli appositi test a reagente.

Continua la lettura
56

L'ultima cosa che dobbiamo sapere ed anche ricordare è che quando si allestisce un acquario, in genere, vengono anche al suo interno, inserite piante vere e piante che sono non artificiali, poiché oltre a dare un aspetto più naturale alla nostra vasca, consentono di creare un equilibrio ecologico tra organismi vegetali e animali. Dobbiamo sapere che le piante però per crescere e produrre ossigeno, hanno di certo molto bisogno di CO2, cioè di anidride carbonica. La CO2 è un gas e si trova dissolta nell'acqua a concentrazioni variabili. Viene prodotta abitualmente con la respirazione degli organismi animali e di notte anche con la respirazione delle piante, quando non c'è fotosintesi. Durante il giorno invece è essenziale che sia a concentrazioni abbastanza elevate in modo che le piante riescano ad assorbirla e a fare fotosintesi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Basta davvero poco e con un pò di pazienza e tanta buona volontà, saremo in grado di realizzare un lavoro davvero unico e molto originale!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Pesci

La biochimica in acquario

Far funzionare un acquario e le sue singole parti non è semplice come si può pensare. Il primo ostacolo è sicuramente far funzionare un piccolo ecosistema, con mille parametri e diverse compatibilità. Una di queste è, forse la più importante, la...
Pesci

Come gestire al meglio il vostro acquario

Se in casa avete un acquario di tipo marino o tropicale, ed intendete curarlo seguendo delle specifiche linee guida in modo da non incorrere in problemi sia dal punto di vista strutturale che da quello riguardante la salute di pesci e piante, ecco allora...
Pesci

Come evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Le alghe sono piante primitive che, attraverso la fotosintesi, uniscono l'acqua e l'anidride carbonica per formare gli zuccheri per la crescita. Le alghe producono ossigeno, un utile sottoprodotto, ma quando la luce solare non è disponibile durante la...
Pesci

Come abbassare il pH in acquario

Il ph regola l'acidità o la basicità dell'acqua. Tra i vari interventi di manutenzione ordinaria, controlla periodicamente questo valore, per evitare danni a pesci e piante tropicali o marine. In genere, in un acquario d'acqua dolce l'acidità non deve...
Pesci

Consigli per evitare la proliferazione delle alghe nell'acquario

Chi ha la passione per i reef e per gli acquari di acqua dolce sa che il pericolo maggiore per la salute dei propri pesci è quello di non riuscire ad evitare la proliferazione delle alghe. Le alghe sono degli organismi privi di fusto, foglie e radici...
Pesci

Come gestire i nitrati in acquario d'acqua dolce

Nei tre passi che andranno a formare le nostre argomentazioni, ci concentreremo sulla gestione dei nitrati. Infatti, come indicato anche nel titolo che accompagna questo articolo, ora andremo a spiegarvi come gestire i nitrati in acquario d'acqua dolce....
Pesci

Come misurare i litri effettivi del proprio acquario

Amate gli animali ed in particolari i pesci, e vi piacerebbe avere dentro casa un acquario bellissimo pieno di pesci tutti colorati? Dovrete subito sapere, prima di metterlo sopra ad una mensola che è molto importante fare il calcolo del peso di esso,...
Pesci

Come illuminare l'acquario

Per una buona riuscita di un acquario, l'illuminazione è uno dei fattori più importanti. C'è da dire che, le case produttrici di acquari, al momento delle vendita, includono sempre le luci che danno una bassa sorgente luminosa, lasciando all'acquirente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.