Come capire se il furetto sta male

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dal carattere vivace, curioso, giocherellone e coccolone, il furetto se ben addomesticato è capace di affezionarsi al proprio padrone così come farebbe un gatto o un cane, rendendolo un ottimo animale da compagnia. Per evitare episodi di aggressività in casa, è necessario un contatto continuo con gli umani, che non venga confinato sempre in gabbia ma che possa esplorare l'ambiente circostante senza farsi del male. Contrariamente a quanto si possa pensare, è un mammifero molto delicato e cagionevole di salute. Per tale motivo, sono rese obbligatorie le vaccinazioni alle principali malattie alle quali è esposto, che comunque non proteggono ad ampio spettro il nostro piccolo amico e non lo rendono immune da altre patologie. Vediamo insieme come fare a capire se il furetto sta male, nonostante le dovute precauzioni e le regolari visite dal medico veterinario, con alcuni semplici suggerimenti.

25

Notare la mancanza di vigore e vivacità

Il furetto è un animale molto comunicativo: anche se gli manca la parola, riesce a farsi capire perfettamente dal padrone, attraverso una serie di comportamenti anomali per cui è semplice intuire quando non sta bene. Il primo campanello d'allarme viene dato da una mancanza di vigore e vivacità, da sonnolenza eccessiva e appiattimento al pavimento più del normale (solitamente è una posizione assunta per riposarsi o rinfrescarsi dal troppo caldo). In questo caso, come anche in altri, è sconsigliata l'autodiagnosi, ma diventa fondamentale il parere di un medico veterinario.

35

Stare attenti allo scolo nasale e alla tosse

I furetti starnutiscono svariate volte durante la giornata per aver annusato magari qualcosa di troppo pungente. Quando però a questo comportamento si associano scolo nasale, tosse e atteggiamento letargico è importante farlo visitare immediatamente, in quanto è possibile che abbia contratto il raffreddore e sarà necessaria una cura particolare. È possibile che soffochino per un boccone ingerito malamente o un bolo di pelo durante la pulizia. La tosse è l'unico modo per espellere naturalmente il corpo estraneo, tuttavia se ad essa si associano vomito, inappetenza, apatia e stitichezza, ci si può trovare dinnanzi ad un inizio di blocco intestinale, pertanto bisogna correre urgentemente dal veterinario.

Continua la lettura
45

Verificare la presenza di lesioni o rossori

Il furetto si gratta molto spesso, talvolta si sveglia anche all'improvviso per farlo. Diventa invece un campanello d'allarme quando sono presenti sul manto, o in qualsiasi altra parte del suo corpicino, lesioni e rossori. In questo caso, può aver contratto le pulci o gli acari delle orecchie. Il tremore è un loro modo per esprimere eccitazione, felicità o paura. È sufficiente in questo caso tranquillizzarli, accarezzandoli e dicendo loro qualche parolina dolce.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Al primo campanello d'allarme consultare sempre il veterinario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come capire se il criceto sta male

Sono molte le persone che si avvalgono della compagnia di un piccolo animale domestico; tra queste, una quota rilevante è composta da chi ha in casa propria un criceto, animale da compagnia per antonomasia, molto simpatico, di cui in particolare la razza...
Cura dell'Animale

Muta del furetto: consigli per gestirla

Mustela puturius furo, nome scientifico del furetto comune, un simpatico animaletto che negli ultima anni sta sempre più condividendo l'ambiente domestico e la compagnia dell'uomo. Il furetto è un piccolo predatore, appartiene alla famiglia dei mustelidi,...
Cura dell'Animale

I premietti ideali per il furetto

In principio, furono il cane e il gatto. Oggi, invece, anche il furetto è divenuto uno degli animali domestici più amati. La sua nomea di animale selvatico è andata via via scemando e ormai sono numerose le famiglie che hanno deciso di prendersi cura...
Cura dell'Animale

Come sapere se il furetto ha la febbre

Se adori i furetti e ne hai adottato uno di recente, ma ancora non sai molto di lui, è il momento di provvedere. Se ti piace prenderti cura dei tuoi animali domestici, devi sapere tutto di loro. Gioie e dolori. Per cui, se ti sei informato solo sui gusti...
Cura dell'Animale

Come fare correttamente il bagno ad un furetto

Come qualsiasi animale domestico anche i vostri furetti hanno bisogno di una continua e costante pulizia ed igiene del pelo. Infatti molti padroni non puliscono e non lavano i loro piccoli amichetti. Questa pratica poco diffusa è utile soprattutto per...
Cura dell'Animale

Alimentazione furetto: cosa evitare

Generalmente gli animali da compagnia che troviamo nelle nostre case sono cani o gatti, ma negli ultimi tempi sempre più persone decidono di prendere e di accudire pets. Uno di questi è sicuramente il furetto: un animale che appartiene alla famiglia...
Cura dell'Animale

Come ridurre l'odore del furetto

Il furetto è un piccolo animale domestico dall'aspetto innocuo e davvero molto simpatico. Il furetto sa essere anche un animale molto dolce e docile con chi lo accudisce. È il piccolo animaletto da compagnia da tenere in casa. Tuttavia il furetto emana...
Cura dell'Animale

5 cose da sapere sull'alimentazione del furetto

Il furetto appartiene ai Mustelidi, una famiglia di mammiferi di cui fanno parte anche la faina e l'ermellino. Il nome scientifico del furetto, Mustela putorius furo, significa "faina puzzolente ladra", in riferimento al forte odore che emana se non sterilizzato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.