Come capire se la gatta deve partorire

Tramite: O2O 06/11/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se avete una gatta ed intendete capire se deve partorire, è fondamentale conoscere a fondo come avviene tale tipo di gestazione, quali sono i tempi necessari ed i sintomi che rendono chiara ed inequivocabile la nascita dei piccoli. Il numero medio di giorni in cui una gatta è incinta è di 63 (o 9 settimane), ma la nascita può avvenire tra il 60° e il 70° giorno. Ci sono inoltre alcuni segni che indicano la vicinanza del parto e si contraddistinguono in due fasi, di cui la prima è la contrazione uterina che aumenta man mano che passano i giorni e poi la rottura del sacco di placenta. Questi sono ovviamente i sintomi che precedono il parto in un arco di tre giorni circa, ma tuttavia ce ne sono altri che si manifestano molto prima e che indicano se la gatta è pronta a tale evento. A tale proposito, ecco una guida con alcuni ragguagli su come capire se la vostra gatta è pronta per partorire.

26

Occorrente

  • Creazione sala parto
36

Ispezionare i capezzoli della gatta

I segni inequivocabili che indicano che la gatta è pronta a partorire si possono notare ispezionando i capezzoli gonfi e la perdita di latte; infatti, nei giorni che precedono la nascita i suoi capezzoli aumenteranno di dimensioni, e circa due giorni prima di partorire produrranno latte. Tale condizione fisica del felino influisce sulla sua personalità che può cambiare; infatti, diventa piuttosto appiccicosa e affettuosa con il padrone.

46

Preparare un nido adeguato al parto

Un altro segno inequivocabile che rende chiaro il parto imminente della vostra gatta è dettato dal fatto che comincerà a nidificare, ossia a cercare un posto tranquillo e sicuro in cui possa deporre i suoi cuccioli. In tal caso il consiglio è di preparargli un nido adeguato al parto e cioè ben nascosto, agevole sia in entrata che in uscita e soprattutto caldo. Le gatte in genere scelgono il retro di un armadio o alcuni cassetti interni, ma in tal caso va bene anche una scatola di cartone appositamente sagomata e rifinita con una coperta. Va tuttavia detto che nelle ultime due settimane prima del parto, la gatta dovrebbe essere lasciata sola, evitando il contatto con i bambini o gli estranei che potrebbero infastidirla.

Continua la lettura
56

Controllare la temperatura corporea della gatta

A margine di questa guida su come capire se la gatta è pronta al parto va sottolineato che stimolazione, irrequietezza e miagolii sono molto comuni quando sta per raggiungere tale stato. In merito a ciò, basta controllare la temperatura corporea (nell'ano) per vedere se presenta forti cali (a meno di 37,2°). Anche frequenti leccate ai suoi organi genitali, sono sintomi inequivocabili che la gatta è pronta al parto in un massimo di tempo di 48 ore.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come capire se la gatta è incinta

Prendersi cura del proprio animale è fondamentale per assicurargli una vita sana e lunga, soprattutto se si ha una gatta ed è incinta. Gli animali sono dei compagni importanti per la propria vita, in quanto rappresentano la migliore compagnia che si...
Gatti

Come aiutare un gatto a partorire

Il momento del parto per le gatte arriva dopo circa 64 giorni di gestazione. Man mano che il parto si avvicina noterete che la gatta assumerà un atteggiamento irrequieto, cercherà un posto dove nascondersi e farà fusa più sonore e più insistentemente....
Gatti

Come gestire una gatta in calore

Decidere di adottare una gattina è uno dei gesti più altruisti che possiate fare. Non solo vi regalerà amore e affetto incondizionato, ma dovrete darle davvero poche cure. I gatti sono animali molto indipendenti; basta acqua sempre fresca e una ciotola...
Gatti

Come seminare l'erba gatta

Molti di noi hanno la fortuna di accogliere nella propria casa un dolcissimo quanto vivace animale domestico come il gatto. Quando in casa prepariamo la lettiera per il nostro amico a quattro zampe, mettendolo a suo agio per fare i bisognini in un posto...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Gatti

Come alimentare la gatta durante la gestazione

La gravidanza è un periodo delicato e meravigliosamente faticoso anche per gli animali domestici. Un aiuto valido per la futura mamma è quello di darle il giusto apporto nutrizionale di cui l'animale ha bisogno. Nello specifico, nutrie correttamente...
Gatti

Come comportarsi quando il gatto partorisce

All'interno di questa guida, come avrete facilmente compreso attraverso la lettura del titolo, andremo a occuparci di gatti. Nello specifico, affronteremo la problematica di come comportarsi quando il vostro gatto partorisce. Questa guida è destinata...
Gatti

Consigli per capire la corretta quantità di cibo per un gattino

I primi mesi di vita di un gatto sono di solito quelli più delicati. Momenti nei quali il piccolo animale ha particolarmente bisogno di attenzioni e cure. E non solo da parte di mamma gatto, ma anche da parte dei padroni. L'aspetto più delicato è quello...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.