Come cavalcare un cammello

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I cammelli sono ampiamente riconosciuti come degli efficienti animali da sella. Le loro lunghe falcate e le gobbe forti rendono la loro cavalcata un'esperienza unica.
Se si ha il desiderio di cavalcare un cammello, bisogna sapere innanzitutto che è molto scomodo ma, per certi versi, può essere alquanto divertente. Questa guida aiuterà a sapere tutto il necessario per cavalcare un cammello in maniera sicura.

25

I pantaloni lunghi

I cammelli non sono i cavalli, per cavalcarli infatti, è necessario indossare pantaloni lunghi e calzini. Il movimento del cammello induce i pantaloni a insinuarsi lentamente tra i polpacci, esponendo le gambe al sole. Assicurarsi di aver messo la protezione solare e di indossare calze lunghe, per evitare qualsiasi contatto con la pelle del cammello, in quanto può causare un forte prurito. Non dimenticarsi mai di portare con sé l'aspirina. Mezz'ora su un cammello può sembrare un'eternità per le articolazioni dell'anca o delle ginocchia, soprattutto se si è deboli. Un atteggiamento contorto può causare diversi dolori, si consiglia di assumere un anti- dolorifico se si cavalca un cammello per più di 30 minuti.

35

L'atteggiamento

È indicato, camminare a lato del cammello, non stare davanti. Avvicinare l'animale con cautela e disinvoltura. Assicurarsi che il cammello sia legato prima di salirci sopra. Montare il cammello mentre è seduto, poggiare un piede su una staffa o su una sporgenza e poi alzare l'altra gamba sopra la gobba del cammello, che deve essere protetta da una sella. Evitare di montare facendo sforzi vigorosi e bruschi, altrimenti si rischia di incorrere in brutte cadute.

Continua la lettura
45

La fiducia

Sedersi con fiducia sulla sella. La particolare andatura del cammello può far perdere facilmente l'equilibrio, ma se si resta saldamente seduti e non si tenta di compensare o controbattere il movimento naturale del cammello, si potrà godere di una cavalcata sicura e piacevole. Una buona postura farà in modo che le gambe ed il sedere siano ben piantati sul all'animale senza correre il rischio di rotolare fuori da entrambi i lati.

55

Le redini

Tenere bene le redini. Come la maggior parte degli animali intelligenti, un cammello è in grado di percepire il disagio o il nervosismo di chi lo monta. Anche se la guida svolge la maggior parte del lavoro vero e proprio, il cammello percepirà la fiducia di chi lo cavalca ed assumerà un atteggiamento più rilassato. Scendere quando il cammello è seduto o è tornato al patibolo, il che è molto simile alla fine di un volo in aereo. Il movimento che un cammello fa per adagiarsi in posizione seduta, potrebbe far avvertire una sensazione di caduta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Altri Mammiferi

Come addestrare un cavallo a non scalciare

Tutti gli animali in natura hanno una propria autodifesa, e quella dei un cavalli è rappresentata dai calci. Dopo tutto, se si ha a che fare con un cavallo non trattato in maniera corretta (ad esempio se legato con funi o catene che gli impediscono di...
Altri Mammiferi

Come montare a cavallo

L'equitazione è uno sport molto diffuso e adatto a qualsiasi età. Di solito, si impara a montare a cavallo fin da piccoli. Tuttavia, chi ha scoperto questa magnifica attività all'aria aperta solo adesso non deve stare a preoccuparsi. Andare a cavallo...
Altri Mammiferi

Come superare la paura di montare a cavallo

L'equitazione è una pratica sportiva dalle origini molto antiche. Si tratta di un'attività molto diffusa in ogni parte del mondo. Sebbene l'andare a cavallo presenti una serie di aspetti positivi che includono benefici fisici e psicologici, è tuttavia...
Altri Mammiferi

Gli animali più famosi della storia

In questo tutorial di oggi vi vogliamo parlare degli animali più famosi della storia. Tra i protagonisti vari della storia delle civiltà varie dell'umanità non vediamo soltanto esseri umani, che hanno fatto la storia e che hanno regnato e governate...
Altri Mammiferi

Guida ai vari finimenti del cavallo

Il mondo animale definisce esemplari a volte anche sconosciuti, che siano pesci, cani, gatti uccelli cavalli, ognuno con caratteristiche e cure differenti, sta a noi dargli l'aspetto che meritano. Vediamo insieme una guida ai vari finimenti del cavallo,...
Altri Mammiferi

Come aiutare animali in via d'estinzione

All'interno di questa guida, andremo a parlare di animali. Nello specifico, in questo caso, ci dedicheremo agli animali in via d'estinzione. Cercheremo di rispondere a quest'interrogativo: come si possono aiutare gli animali in via d'estinzione?Un interrogativo...
Altri Mammiferi

Come allevare un pony esperia

Vi sono molte razze di cavalli, e tra queste ci sono i Pony, i quali si suddividono anch'essi in molti tipi. Il Pony Esperia è un pony originario del Lazio, anche se molti studiosi hanno individuato che risale ad origini antiche, ai tempi delle popolazioni...
Altri Mammiferi

Come conquistarsi la fiducia di un cavallo

Esiste forse qualcuno al mondo che non ami i cavalli? Semmai Dio ha fatto qualcosa di più bello, l'ha di certo tenuto per sé! Il cavallo, amico di Pippi Calzelunghe e di Sbirulino, protagonista di serie televisive (per esempio Furia cavallo del West),...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.