Come coccolare il proprio cane

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Per un animale da compagnia, che si tratti di un cane o di un gatto, il contatto fisico con il proprio padrone è fondamentale per permettergli di trascorrere le giornate in modo più sereno. In entrambi i casi è necessario trovare il giusto equilibrio, evitando di far diventare l'animale troppo coccolone oppure, all'opposto, di trattarlo con eccessiva freddezza, rendendolo insicuro. In questa guida, a tal proposito, verrà indicato come coccolare il proprio cane attraverso dei semplici suggerimenti che potranno essere applicati senza particolari difficoltà.

24

La prima cosa da considerare è che molte persone temono di coccolare il proprio cane per paura di perdere la dominanza nei suoi confronti; in realtà, questo momento rappresenta un modo per riuscire ad interagire meglio con l'animale e per trasmettersi reciprocamente una maggiore fiducia. Quando ci si accinge per la prima volta a coccolare un cane è opportuno procedere in modo diverso a seconda della sua indole, per non compromettere in partenza il rapporto affettivo. Se il cane è piuttosto inibito, è consigliato porsi alla sua altezza, abbassandosi in modo da avere il volto allo stesso livello del suo oppure mettendolo a sedere su una sedia (se si tratta di una razza di piccola taglia).

34

Dopo aver messo una mano sotto al meno, con l'altra iniziare ad accarezzarlo dolcemente sulla testa; per rilassarlo sfregare le dita in mezzo agli occhi. Ponendolo alla stessa altezza del padrone, il cane imparerà a sentirsi importante anche in sua presenza; se il cane si mostra agitato cercare di sussurrargli parole dolci. Nel caso in cui sia il cane ad essere dominante il suggerimento, al contrario, è quello di non porsi al suo livello, rimanendo in piedi a fianco del cane e non davanti. Appoggiare una mano sopra alla sua testa, facendo attenzione all'eventuale reazione dello stesso, quindi accarezzarlo con la mano libera partendo dall'attaccatura del collo e giungendo a metà dorso; esercitare una certa pressione, perché il cane dovrà percepire la forza fisica del padrone.

Continua la lettura
44

Dopo aver eseguito qualche carezza, effettuarne un paio fino ad arrivare alla coda; quest'ultima non dovrà essere sollevata, ma spinta verso il basso. Tale azione servirà a porre l'animale in una posizione di sudditanza verso il padrone. Se il cane dovesse dimostrarsi aggressivo cercare di non muoversi, evitando di accarezzarlo ma non mostrando paura, in modo da non sovraeccitarlo. Per permettere al cane dominante di scaricare la tensione può essere una buona idea quella di utilizzare, una volta ogni tanto, qualche pacca amichevole portata all'altezza delle spalle; questo servirà anche a ricordare la dominanza acquisita dal padrone.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

5 modi per calmare il cane in calore

Quando si ha intenzione di prendere un cane, non tutti sanno a cosa si va in contro. Mantenere un cane richiede molto impegno e pazienza non solo dal punto di vista economico. L'animale crescendo raggiunge una maturità sessuale e quindi bisogna fare...
Cani

5 consigli sul cane Corso

Il cane Corso appartiene ad una razza tipicamente italiana, ed è un esemplare che richiede dei trattamenti particolari. Per cominciare è piuttosto grosso, con un peso che può arrivare fino a 120 chili, e viene allevato per la caccia e come cane da...
Cani

Come scegliere il cane più adatto ai bambini

Se abbiamo dei bambini piccoli e se vogliamo fargli una magnifica sorpresa, nulla è meglio del comprargli uno splendido cagnolino. Tuttavia se vogliamo acquistare un cane che sia adatto anche ai bambini, dovremo adottare dei validi accorgimenti e soprattutto,...
Cani

10 comportamenti che ti fanno capire se il cane ti ama

Il cane è il migliore amico dell'uomo. Egli ama spropositatamente il suo padrone e per lui è disposto a sacrificare anche la propria vita. E questo senza chiedere nulla in cambio. Il cane manifesta il suo affetto in tantissimi modi diversi. In questa...
Cani

Come educare un cane dominante

Così come per gli esseri umani, anche alcuni esemplari canini possono essere dei leader naturali nati. Se ti è capitato di adottare un cane dal simile comportamento, potresti correre il rischio di ritrovarti con un animale dominante che tende ad assumere...
Cani

Cosa fare se il cane fa danni in casa

I cani sono i migliori amici dell'uomo. Tenere in casa un cane apporta dei benefici emotivi, per cui farsi coccolare dalla loro morbidezza, o tenersi compagnia a vicenda garantisce un apporto di felicità. Ma spesso, questi, non garantiscono tranquillità...
Cani

Come tranquillizzare un cane che trema

Tanti fattori portano un cane a tremare. La causa maggiore riguarda sopratutto l'ansia dell'animale. Emozioni che non sempre l'occhio umano comprende appieno e di valuta con la giusta attenzione. In questa guida, vedremo come tranquillizzare un cane...
Cani

Come Insegnare Al Tuo Cane A Non Accettare Cibo Dagli Sconosciuti

Chi ha un cane sa bene che questo animale necessita di numerose cure ed attenzioni. Oltre a provvedere ai suoi bisogni e alle sue esigenze infatti è necessario educarlo correttamente per garantire la massima sicurezza. Uno degli aspetti fondamentali...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.