Come coltivare l’Erba gatta in casa

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

L'erba gatta è anche conosciuta con il nome scientifico di Nepeta Cataria oppure come erba menta in quanto il suo profumo ricorda vagamente quello della menta. Essa è senza dubbio un'erba abbastanza amata dai felini che si allevano in casa. La cosa migliore per i proprietari degli animali è sicuramente quella di coltivarla sul balcone di casa. Leggendo questo tutorial si hanno alcuni utili consigli e delle corrette indicazioni su come è possibile coltivare l'erba gatta in casa.

24

Materiali

La sua coltivazione è semplice; infatti, non bisogna essere degli esperti nel settore. Per quanto riguarda il materiale occorre qualche vaso con un profilo basso. In questo modo il micio può tranquillamente mangiare senza dover fare acrobazie. Nel vaso bisogna aggiungere il terriccio e naturalmente i semi dell'erba. Si possono utilizzare tranquillamente i recipienti che si hanno in casa, ad esempio contenitori di prodotti che altrimenti si devono buttare, vecchie teglie che non si adoperano più fino ad arrivare ai sottovasi in plastica. Quando comincia la coltivazione è possibile rendersi conto di quanto è semplice realizzarla.

34

Utilizzo del terriccio

Bisogna riempire il contenitore oppure i contenitori, se si sceglie di seminare più piante, con il terriccio fresco, ma è consigliabile restare due dita al di sotto del bordo stesso. Il terriccio che si adopera comunemente per i fiori va benissimo. Successivamente si devono spargere su tutta la superficie i semi di erba gatta; più se ne mettono e più l'erba cresce fitta. A questo punto si deve ricoprire il tutto con altro terriccio fino a quando non si arriva ai bordi e poi con una mano bisogna compattare la superficie.

Continua la lettura
44

Coltivazione

Con uno spruzzino si deve bagnare il terreno in modo uniforme; il contenitore va posizionato in un punto molto luminoso e per il momento fuori dalle grinfie del gatto. Bisogna bagnare il terriccio con lo spruzzino tutti i giorni, ma è opportuno non esagerate con la quantità, l'importante è che il terreno sia umido. Nel giro di qualche giorno i primi fili d'erba cominciano a spuntare; quando hanno raggiunto la dimensione di 4/5 centimetri è il momento di "servirli" al proprio gatto. Se è la prima volta che viene sottoposta questa erba alla bestiola è preferibile mettere il vaso vicino alla ciotola del cibo ed a quella dove beve. Così facendo il gatto capisce che la può mangiare. Nel frattempo che il micio si gusta il primo vaso di questa gustosa erbetta si può cominciare con la semina di un altro vaso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come gestire la muta del gatto

Durante il periodo invernale e alla fine della primavera, i nostri gatti sono soggetti alla caduta del pelo. Anche se essi perdono il pelo in ogni periodo dell'anno, questo fenomeno si accentua con il cambio di stagione. La caduta del pelo è un sistema...
Cura dell'Animale

Proteggere i nostri animali dalle piante di Natale

Natale è una delle feste più belle e più attese all'interno di una famiglia e permette di passare del tempo insieme alle persone che si amano e di godersi l'atmosfera magica e ricca di sorprese. Tuttavia ci possono essere delle problematiche relative...
Cura dell'Animale

Come nutrire una cavia

Se in casa abbiamo un porcellino d'India o qualsiasi altra cavia, è importante sapere che di base è un animale vegetariano, per cui necessita di alimenti di questa natura. Da notare però che il criceto pur appartenendo alla stessa specie, è invece...
Cura dell'Animale

Coniglio: i cibi da evitare

Ogni animale merita di avere le giuste attenzioni. Esso non è un giocattolo o un pupazzo e per questo bisogna prendersene cura in tutto e per tutto, incominciando dalla dieta. Un po' di attenzione nelle scelte alimentari, infatti, farà la differenza...
Cura dell'Animale

I migliori alimenti per gatti

Quante volte siete andati al supermercato a comprare il cibo per il vostro gatto domestico e vi siete ritrovati a scegliere fra un alimento ed un altro? Quante volte non sapevate se fosse migliore del cibo in scatola o cibo preparato da voi? Non preoccupatevi!...
Cura dell'Animale

Come realizzare uno shampoo naturale per cani e gatti

In Italia, ogni anno vengono spesi circa 500 euro a testa per la cura dei nostri animali: veterinario, cibo e prodotti per la loro igiene. Non si tratta di cifre assolutamente basse: si potrebbe, perciò, pensare ad una soluzione per potere risparmiare...
Cura dell'Animale

Le piante più tossiche per i conigli

Il mondo che ci circonda è pieno di sostanze velenose (in gran parte per colpa dell’uomo), che spesso si rivelano letali per noi e soprattutto per gli animali. Quelli erbivori come ad esempio i conigli, sono i più esposti agli avvelenamenti, poiché...
Cura dell'Animale

Come allevare un cavallo

Il cavallo è un animale eccellente, molto diverso da tutti gli altri: allevare un cavallo richiede molto impegno e accortezze; bisogna tener conto dello spazio in cui farlo vivere e muovere, che segua un'alimentazione adeguata, che abbia una corretta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.