Come comportarsi quando il cane non vuole fare il bagnetto

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il momento del bagno per i nostri amici a quattro zampe non è sempre gradito, infatti mentre alcuni amano stare sotto l'acqua e farsi coccolate e massaggiare con la spugna gradendolo come un'alternativa al solito gioco, altri hanno letteralmente paura dell'acqua e anche il tocco di una sola goccia di questa, può causare l'immediata ricerca di rifugio. Specialmente per i cani che vivono in casa e stanno spesso molto a stretto contatto con i bambini però, lavarli diventa una necessità e quindi nasce l'esigenza di trovare un ottimo modo per convincere il nostro fedele amico a farsi lavare. In questa breve guida, troverete degli utili consigli su come comportarsi quando il cane non vuole fare il bagnetto.

25

Le esperienze

È doveroso ricordare che, come negli esseri umani anche nei cani la paura può derivare da cattive esperienze subite precedentemente. È molto probabile infatti che alcuni cani che hanno il terrore dell'acqua, abbiano rischiato di annegare da cuccioli, o abbiano assistito a scene di forte disaggio in presenza di acqua o ancora abbiano subito violenze da parte di padroni precedenti. Quindi nasce l'esigenza di aiutarli in modo graduale a superare la paura. A tale scopo, dobbiamo abituare il nostro cane ad avere un buon rapporto con l'acqua avvicinandogliela in modo naturale assicurandoci di non essere troppo aggressivi.

35

La sensazione di bagnato

Il primo passo da compiere quando il nostro fedele amico si rifiuta di fare il bagno, è quello di fargli accettare la sensazione di bagnato in modo molto graduale. Iniziate a prendere un po' di acqua dalla vasca o dal contenitore che avete intenzione di usare a tale scopo, e bagnategli il viso con movimenti lenti ed estremamente naturali, fatto ciò osservate la reazione del cane che sicuramente si mostrerà infastidita. Successivamente provare a bagnargli la testa sempre con molta naturalezza e poco alla volta tutte le parti del corpo.

Continua la lettura
45

L'uso del giocattolo

Inoltre, potete provare a fare accettare l'acqua al vostro cane, tramite l'utilizzo di un giocattolo o di una pallina con la quale lui è solito giocare. Immergete la palla nella vasca e mostratevi disposti a giocare con lui. Questo consentirà di distrarre il cane che sarà sicuramente attratto dalla voglia di giocare. Una volta che sarete riusciti a fare entrare il vostro amico nella vasca, iniziate a massaggiarlo facendogli le coccole che per lui saranno talmente piacevoli che dimenticherà la presenza dell'acqua ed il gioco sarà fatto!

55

Il carattere

È chiaro che il metodo che intenderete usare, varia in base al carattere del cane. Se infatti il vostro è molto giocherellone, non avrete difficoltà a distrarlo con dei giochi. In fine è importante ricordare che il primo bagno non deve essere effettuato prima dei vaccini che lo proteggono dal cimurro e che specialmente per i cani che vivono in giardino o comunque all'esterno, il periodo migliore per fare il bagno è quello estivo, in quanto le calde temperature vi agevoleranno il compito dell'asciugatura. Ultimo consiglio da prendere in considerazione è quello di mettere dei batuffoli di cotone nelle orecchie per evitare l'umidità che potrebbe comportare il sorgere di un otite.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cani

Come comportarsi quando il cane si agita durante il temporale

Il temporale per il cane è un vero e proprio incubo. L'animali non sopporta i tuoni, li teme, ne ha paura. Alcuni studi però dimostrano che questa fobia sia più diffusa solo in alcune razze, ma certo è che i cani sono animali conosciuti per la loro...
Cani

10 segnali che il tuo cane ti vuole bene

Un cane, nella maggior parte dei casi, è in grado di "parlare" attraverso specifici comportamenti e atteggiamenti. Il suo linguaggio può quindi essere compreso ed interpretato, così come i suoi sentimenti e il suo stato d'animo. Il rapporto tra cane...
Cani

Cane abbandonato: come comportarsi

L'abbandono del cane è un problema atroce che attanaglia la nostra società. Soprattutto nei mesi estivi, infatti, in occasione delle vacanze, molti padroni incauti lasciano il loro amico animale ad un triste destino: solo e abbandonato. Tuttavia, ci...
Cani

Cosa fare se il cane non vuole uscire di casa

Se abbiamo un cane ed intendiamo allevarlo in casa, è importante che almeno una volta al giorno esca, sia per fare i suoi bisogni giornalieri che per sgranchire i muscoli, ed evitare di incorrere in spiacevoli inconvenienti all'apparato motorio. Tuttavia...
Cani

Cosa fare se il cane non vuole camminare

Possedere un animale domestico non è solo una meravigliosa esperienza ma anche una grande responsabilità. Esso diventa parte integrante della famiglia e, in quanto tale, deve ricevere le giuste attenzioni, affinché possa godere di ottima salute e vivere...
Cani

Cosa fare se il cane non vuole mangiare

Il cane (Canis lupus familiaris Linneaus, 1758) è un mammifero carnivoro appartenente al genere Canis (famiglia canidi). Con l'avvento dell'addomesticamento si è distinto dal lupo, del quale rappresenta una forma neotenica (anche se al riguardo ci sono...
Cani

Come comportarsi quando il cane ringhia

Un cane, per quanto piccino e amichevole possa essere, in alcuni casi può diventare aggressivo e potenzialmente pericoloso per gli animali e le persone che gli stanno attorno. Di solito si tratta di semplici ma incisivi avvertimenti, che non si tramutano...
Cani

Morso di cane: come comportarsi

In questo contesto siamo pronti a proporvi una guida davvero molto interessante per comprendere ed imparare opportunamente, come occorre comportarsi di fronte ad un morso di cane, appena ricevuto, il quale ha anche provocato molto dolore. È risaputo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.