Come comportarsi quando la vostra gatta deve partorire

Tramite: O2O 29/03/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tutti gli animali come gli esseri umani si accoppiano ma, è doveroso fare una premessa. Ci sono taluni animali che sono più delicati di altri e fra questi ci sono i gatti. Dovete sapere che la gatta durante il periodo della gravidanza (che va dai 58 ai 63 giorni) entrerà in una fase davvero delicata e bisognerà prendersi cura di essa il più possibile. Continuando a leggere gli utili suggerimenti contenuti nei passi della seguente guida scoprirete come comportarsi quando la vostra gatta deve partorire.

26

Occorrente

  • Gatta
36

Preparare un giaciglio per la gatta

Succede spesso che il momento in cui la gatta affronta una gravidanza diventi lunatica, e fare cose strane, come nascondersi in luoghi inusuali ma comunque sicuri e appartati (sotto l?armadio, sotto le coperte o in angoli tranquilli e appartati). È consigliabile comunque preparare un riparo adatto: dovrà trattarsi di una scatola di cartone alta almeno 20 cm, nella quale avrete accuratamente sistemato dei giornali sul fondo. Basterà ritagliare con un coltello una porticina della dimensione adatta alla gatta e così la casetta sarà pronta: l?importante sarà posizionarla in un luogo silenzioso e sicuro. Una volta che la vostra gatta avrà preso confidenza con la sua nuova scatola la prediligerà come posto di riposo. Non spostatela mai dal luogo iniziale e, ricordatevi sempre di non lasciare la micia troppo isolata da voi.

46

Curate la gatta

Durante la gravidanza comunque la gatta avrà la necessità di mangiare pasti abbondanti ma comunque in modo equilibrato. Seguite sempre gli utili consigli di un veterinario, soprattutto nel caso adotti comportamenti eccessivamente irrequieti. Pochi giorni prima del parto poi la micia diventerà nervosa e tenderà ad isolarsi nella sua scatola. Il parto durerà fino a 6 ore e i gattini che partorirà generalmente andranno da 1 a 3 gattini se è la prima volta, altrimenti il numero crescerà: partorirà da 3 a 5 gattini.

Continua la lettura
56

Aiutate la gatta

Ricordate che la gatta incinta ha bisogno di bere molto e va spesso cambiata l'acqua, aggiungendone un po' fresca, importante anche dopo il parto. Subito dopo la gravidanza la gatta può essere aggressiva, perché durante la gravidanza stessa produce un particolare ormone: l'ossitocina. Di solito la mamma gatta allatta i gattini spontaneamente e li accudisce in modo naturale, ma ci sono casi in cui la gatta fa morire i suoi piccoli, quindi va seguita, osservata e aiutata fin da quando si notano le mammelle più gonfie e ci si accerta che sia incinta. A volte alcune gatte soffrono di nausee, comunque in genere i segnali più comuni sono l?arrossamento dei capezzoli nella terza settimana, un rigonfiamento dell?addome e l'aumento di peso. Dopo una quindicina di giorni l'ecografia confermerà lo stato gravido della gatta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Gatti

Come comportarsi quando il gatto partorisce

All'interno di questa guida, come avrete facilmente compreso attraverso la lettura del titolo, andremo a occuparci di gatti. Nello specifico, affronteremo la problematica di come comportarsi quando il vostro gatto partorisce. Questa guida è destinata...
Gatti

Come aiutare un gatto a partorire

Il momento del parto per le gatte arriva dopo circa 64 giorni di gestazione. Man mano che il parto si avvicina noterete che la gatta assumerà un atteggiamento irrequieto, cercherà un posto dove nascondersi e farà fusa più sonore e più insistentemente....
Gatti

Come gestire una gatta in calore

Decidere di adottare una gattina è uno dei gesti più altruisti che possiate fare. Non solo vi regalerà amore e affetto incondizionato, ma dovrete darle davvero poche cure. I gatti sono animali molto indipendenti; basta acqua sempre fresca e una ciotola...
Gatti

Come capire se la gatta è incinta

Prendersi cura del proprio animale è fondamentale per assicurargli una vita sana e lunga, soprattutto se si ha una gatta ed è incinta. Gli animali sono dei compagni importanti per la propria vita, in quanto rappresentano la migliore compagnia che si...
Gatti

Come seminare l'erba gatta

Molti di noi hanno la fortuna di accogliere nella propria casa un dolcissimo quanto vivace animale domestico come il gatto. Quando in casa prepariamo la lettiera per il nostro amico a quattro zampe, mettendolo a suo agio per fare i bisognini in un posto...
Gatti

Cosa fare se una gatta abbandona i propri piccoli

A volte, può accadere che un gatta abbandoni i propri piccoli appena nati. I motivi dell'abbandono dei cuccioli da parte di mamma gatta possono essere molteplici, ad esempio la propria gatta è nuovamente incinta, non è in buona salute oppure semplicemente...
Gatti

Come alimentare la gatta durante la gestazione

La gravidanza è un periodo delicato e meravigliosamente faticoso anche per gli animali domestici. Un aiuto valido per la futura mamma è quello di darle il giusto apporto nutrizionale di cui l'animale ha bisogno. Nello specifico, nutrie correttamente...
Gatti

Gatto abbandonato: come comportarsi

Forse non è una cosa che capita tutti i giorni, ma quando accade è un fatto che ci tocca nel profondo: l'abbandono di un animale. I gatti, in particolare, sono animali molto sensibili che hanno bisogno di affetto e calore. Per tale motivo, quando vediamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.