Come controllare la crescita delle tartarughe terrestri

Tramite: O2O 26/03/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Per rendere la casa o il giardino un luogo più interessante e piacevole, molti preferiscono allevare degli animali da compagnia. Ottima scelta: basti pensare che secondo uno studio scientifico, chi ha un pet vive mediamente sei mesi in più. Se gli animali più comuni risultano sicuramente cani e gatti, c'è comunque una minoranza di persone che preferisce compagni più originali. È il caso della tartaruga terrestre. Questi rettili sono i più longevi dell'intero pianeta Terra, e non hanno bisogno di tantissime attenzioni. A patto, ovviamente, di seguire, fin da subito, alcuni accorgimenti per ricreare un habitat consono alle loro esigenze peculiari. Inoltre, se ne possedete qualcuna, certamente vi sarà capitato di domandarvi se sono in perfetta salute e se il loro processo di crescita prosegue regolarmente. Riguardo a quest'ultimo, dovete sapere che è possibile monitorarlo in modo affidabile utilizzando dei parametri di verifica già testati. Questo è un passo fondamentale per poter tenere d'occhio le vostre amiche tartarughe, assicurandovi che stiano bene e non abbiano problemi di salute. In questa semplice guida troverete informazioni utili per capire come controllare la crescita delle vostre amate tartarughe terrestri.

27

Occorrente

  • scheda per appuntare i dati
  • bilancia da cucina
  • metro flessibile per le misurazioni
37

Il grafico basato sulla Scala di Jackson

La celebre Scala di Jackson è un'eccellente soluzione per poter controllare lo stato di salute e lo sviluppo regolare della vostra tartaruga. Con tale metodica, sarà infatti possibile costruire un grafico di riferimento assolutamente affidabile. Creare una Scala di Jackson è piuttosto semplice: disegnate un grafico ponendo sull'asse delle ascisse la lunghezza del carapace, da calcolare in centimetri, e sull'asse delle ordinate, il peso calcolato in grammi. All'aumento dell'età e delle dimensioni, corrisponderà un incremento anche del peso. Sia dimensioni che peso devono incrementarsi in modo armonioso, rimanendo compresi all'interno dei valori di riferimento basati sulla crescita fisiologica delle tartarughe terrestri. La scala di Jackson vi coadiuverà, appunto, tramite un confronto con i dati di riferimento riportati (in allegato a fine guida il link con le tabelle). In tal modo potrete verificare la corretta crescita ponderale del vostro animale domestico. Il metodo però è utile solo per le Testudo hermannii e graeca.

47

Il Rapporto di Jackson

Il modo più comune per monitorare la crescita delle tartarughe terrestri è la Scala di Jackson, ma non è l'unico. Se preferite, potete tenere sotto controllo l'aumento ponderale della vostra tartaruga utilizzando un modo differente. Quale? Il calcolo. Più precisamente, potete avvalervi del Rapporto di Jackson. In pratica, dovrete misurare e pesare il rettile, poi occorrerà dividere il peso del rettile per la lunghezza del carapace elevata al cubo. Per sintetizzare: Peso / Lunghezza al cubo. Con il risultato ottenuto, sarete in grado di verificare l'eventuale sovrappeso o sottopeso dell'animale. Se il rapporto è compreso tra 0,18 a 0,21 infatti, la vostra tartaruga risulterà essere in ottima forma; oltre questo valore, inizierà uno stato di sovrappeso da valutare insieme al veterinario esperto di tartarughe (attenzione: non tutti lo sono!). Da notare che il peso eccessivo potrebbe indicare anche uno stato di gravidanza o ritenzione idrica, ad esempio. Se invece il valore si trova al di sotto della soglia media indicata, lo stato di sottopeso sarà tanto più grave e pericoloso, tanto più risulterà lontano dal normale valore di 0,18.

Continua la lettura
57

I valori di riferimento

In media, una tartaruga in buona salute cresce mediamente di due millimetri al mese. Questo valore però non rappresenta un riferimento assoluto. Ogni esemplare difatti ha ritmi di crescita soggettivi, a loro volta influenzati dalla genetica e dall'habitat. Sulla prima non si può intervenire, quanto alla seconda, i fattori prioritari per una crescita regolare sono l'alimentazione bilanciata e la stagione. Durante il letargo infatti la tartaruga non cresce, è persino possibile un modesto calo ponderale fisiologico. Fondamentale quindi che prima del periodo invernale la tartaruga abbia accumulato peso sufficiente per affrontare il digiuno.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Tenere in considerazione che ogni esemplare ha ritmi di crescita individuali
  • Durante il letargo la tartaruga non cresce
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Tartarughe: classificazione e anatomia

Quando parliamo di tartarughe, nel linguaggio comune intendiamo le specie acquatiche, sia marine che di acqua dolce. Quando invece si parla delle tartarughe terrestri si usa il termine testuggini. Dal punto di vista tassonomico però non è così e con...
Rettili e Anfibi

Come costruire una casetta per tartarughe

La maggior parte delle persone ama la compagnia degli animali domestici. Tra questi, cani e gatti sono i più diffusi in assoluto. Ma c'è anche chi ama circondarsi di animali un po' più 'esotici'. È il caso quindi delle tartarughe. Quest'ultimo possono...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
Rettili e Anfibi

Come distinguere il sesso delle tartarughe

Le tartarughe sono animali appartenenti alla specie dei rettili e come tutti gli animali a sangue freddo, trascorrono le prime ore del giorno ad immagazzinare calore per poter riscaldare il proprio corpo ed attivare il proprio metabolismo. Strano a dirsi,...
Rettili e Anfibi

Come seguire la nascita delle tartarughe

Le tartarughe sono sicuramente più amati ed adottati dagli umani, anche perché sono mansueti e innocui. A tal proposito, ci sono alcune persone che preferiscono acquistarle già adulte e limitarsi soltanto a crescere dandogli da mangiare; altri, invece,...
Rettili e Anfibi

10 consigli per allevare tartarughe

Le tartarughe sono animali molto affascinanti e dall'aspetto preistorico. In effetti le tartarughe sono un po' preistoriche, ed hanno la straordinaria capacità di vivere per molti e molti anni, diventando centenarie. Si tratta dunque di un animale longevo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.