Come costruire un acquaterrario per tartarughe

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Uno dei motivi principali che spingono una persona ad adottare una tartaruga è senza dubbio il poco impegno che richiede la cura giornaliera delle tartarughe d'acqua dolce. Infatti in estate è sufficiente dare loro da mangiare una volta al giorno e pulire l'acquaterrario una o due volte alla settimana. In inverno le tartarughe vanno in letargo, quindi occorre nutrirle una volta ogni tre o quattro giorni e cambiare l'acqua all'acquaterrario una volta ogni dieci giorni. È comunque necessario rendere accogliente l'ambiente adatto alla vita delle nostre tartarughe. In commercio troviamo numerosi acquaterrari per tartarughe, che però comportano un notevole impegno economico. Per limitare le spese vediamo insieme come costruire un acquaterrario per tartarughe seguendo tutte le informazioni che ci fornisce questa guida.

27

Occorrente

  • lastre in vetro
  • supporto in legno
  • nastro plastificato
  • silicone
  • angolari in pvc
37

Per prima cosa pensiamo quale modello di acquaterrario per tartarughe intendiamo costruire. Poi verifichiamo la grandezza, naturalmente senza dimenticare che le tartarughe crescono. Quindi le dimensioni del nostro acquaterrario dovranno essere adeguate alla grandezza che potranno raggiungere i nostri animaletti. Consideriamo un acquaterrario rettangolare di circa 100 cm x 50 cm di base, e 50 cm di altezza. Rechiamoci dal vetraio e procuriamoci cinque lastre di vetro spesso 1 cm. Le dimensioni della base e delle due pareti, davanti e dietro, sono 100 cm x 50 cm. Le due pareti laterali misurano 50 cm x 48 cm ognuna. Se ne abbiamo le capacità possiamo anche tagliare il vetro da soli, utilizzando un tagliavetro e la carta abrasiva per levigare i bordi.

47

Per facilitare la costruzione dell'acquaterrario per tartarughe, creiamo un supporto in legno che ci aiuterà ad attaccare due lastre perfettamente ad angolo retto. Mettiamo una striscia di nastro plastificato lungo i quattro lati della base, tenendola ad 1 cm dal margine. Facciamo la stessa operazione con le quattro lastre rimanenti, solo su tre lati, quelli che dovranno essere attaccati per costruire l'acquaterrario. Infine appoggiamo la base al supporto di legno, e mettiamo una striscia di silicone lungo uno dei lati lunghi, tra il nastro plastificato ed il bordo esterno, prestando molta attenzione a non lasciare parti scoperte. Appoggiamo la parete posteriore alla striscia di silicone, formando un angolo retto poi, passiamo il silicone anche lungo tutto l'angolo interno, aiutandoci con le mani e, lasciamo asciugare almeno per 12 ore.

Continua la lettura
57

Procediamo poi alla stessa maniera per fissare i restanti tre lati. Contemporaneamente fissiamo i lati anche tra di loro, sempre utilizzando il silicone, ed aiutandoci con il nastro plastificato per tenere tutte le parti ferme. Tra un passaggio e l'altro facciamo trascorrere qualche ora in modo che il silicone possa asciugarsi e incollare definitivamente le varie pareti. Al termine del lavoro, togliamo tutto il nastro plastificato. Procediamo poi a ripulire il vetro dal silicone. Il nostro acquaterrario è così pronto ad accogliere le nostre tartarughe.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizziamo guanti in lattice, che dobbiamo sostituire frequentemente per evitare di sporcare il vetro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rettili e Anfibi

Come Costruire un terrario per le tartarughe di terra

Hai trovato delle tartarughe in giardino e non sai dove metterle? Sono nate delle nuove tartarughe? Se rientri in questi casi e non vuoi lasciarle libere per il giardino sei sul sito giusto! Questa Guida spiega come costruire un ottimo terrario per le...
Rettili e Anfibi

Acquaterrario: l’importanza della zona emersa

Se siamo degli amanti degli animali e ci piacerebbe allevarli o se ci piacerebbe coltivare particolari piante, per poterne studiare i vari comportamenti, per prima cosa dovremo riuscire a ricreare il loro ambiente naturale in modo da non farli soffrire...
Rettili e Anfibi

Come allestire un acquario per le tartarughe

Quando si decide di prendere un animale è bene conoscere per bene tutto ciò di cui ha bisogna per soddisfare le sue esigenze. Diventa quindi fondamentale, per quanto ovviamente possibile, garantire un ambiente che possa farle crescere serenamente. In...
Rettili e Anfibi

Come Realizzare Un Filtro Per L'Acquario Delle Tartarughe D'Acqua Dolce

Le tartarughe d'acqua dolce, se allevate bene, crescono molto rapidamente e non possono rimanere all'interno di una vaschetta, poiché soffrirebbero parecchio. Un acquario che si rispetti ha però bisogno di un filtro, il quale se realizzato in maniera...
Rettili e Anfibi

Tutto sulle tartarughe d'acqua

Allevare un animale non è un'operazione facile o banale. Questo perché quando si decide di allevare un animale bisogna conoscere le sue abitudini, lo stile di vita e l'habitat adatto. Questi sono tutti fattori fondamentali per permettere all'animale...
Rettili e Anfibi

Come assistere le tartarughe durante e dopo la nascita

Quando un animale viene alla luce esiste sempre un pericolo non soltanto per il cucciolo, ma anche per la madre che lo da al mondo. Nel seguente breve articolo vediamo insieme come bisogna assistere le tartarughe durante e dopo la nascita. Scopriremo...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Rettili e Anfibi

Come far accoppiare le tartarughe

Fra tutti gli animali che decidiamo di rendere compagni della nostra vita, i rettili sono quelli più complessi da allevare in cattività. Ad ogni modo è possibile ridurre al minimo i problemi e raggiungere degli ottimi risultati. Qui di seguito vi parleremo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.