Come costruire un recinto per gli asini

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Gli asini sono animali molto umili che non richiedono attenzioni speciali, però come per ciascun animale, hanno bisogno di un loro spazio per poter pascolare. Insieme a quest'area sarà necessario aggiungere un riparo di 10 mq per asino chiuso sui 4 lati e con una porta a doppia anta. È utile quindi realizzare un apposito recinto per poterli tenere al sicuro: ciò avviene come prima cosa definendo l'area di recinzione dove sarà possibile lasciarli pascolare liberamente e in questo modo l'animale riuscirà a comprendere quali sono i suoi confini. Vediamo mediante tale tutorial come costruirne uno. Buona lettura e buon lavoro!

27

Occorrente

  • Pali di ferro, filo elettrificato, trasmettitore di impulsi, anelli isolanti
37

Suggerimenti recinzione

La distanza tra i pali e tra i fili sarà in base della mole degli asini: evitate i recinti che hanno troppo steccato di legno da ranch con travestito, in quanto la durata sarebbe molto breve. C'è addirittura chi usa la recinzione in ferro zincato, risultando essere parecchio resistente anche se troppo esagerata. Se volete svolgere una via di mezzo tra economia e fattibilità, successivamente, vi daremo altri suggerimenti utili.

47

Progetto recinzione

Per realizzare il recinto infilare i pali di ferro nel terreno ogni 5 m ad una profondità di 40 cm, avendo cura che il paletto sia perpendicolare al terreno e la parte esterna sia di 80 cm circa. Terminata l’operazione, fissare ad ognuno di essi due anelli di plastica isolante uno ad altezza 30-40 cm e l’altro a 80 cm, quindi stendere il filo elettrificato infilandolo agli anelli. Fare attenzione che non tocchi il metallo. Acquistare in una rivendita di materiali per l'edilizia delle verghe di tondino di ferro da 12” lunghe 6 m e tagliarle in spezzoni da 1.20 m. Questi saranno i pali che utilizzeremo per il recinto. Presso una rivendita di prodotti per l’agricoltura dovreste procurarvi un trasmettitore d’impulsi, del filo elettrificato per recinzione e degli anelli isolatori.

Continua la lettura
57

Creazione

Questo genere di recinzione presenta il vantaggio di essere mobile; in poco tempo si può togliere e spostare e richiede molto meno lavoro rispetto alle recinzioni fisse. Del resto si può ben comprendere come fossati, pali fissati con impasto cementizio, cancelletti incernierati e reti abbiano un costo decisamente maggiore per un risultato equivalente. Il recinto che si ottiene è quello formato da due fili collegati ad un trasmettitore d'impulso: lo scopo è quello che l'animale che si avvicina riceverà una lieve scossa simile a quella elettrostatica che prendiamo quando scendiamo dalla macchina. A questo punto l'animale avrà timore e non si avvicinerà più. Trattandosi di tensione a basso amperaggio l'asino non subirà alcun danno.

67

Consigli finali

Un consiglio relativamente se avete alberi internamente al territorio del pascolo: se questi non vengono protetti in modo adeguato, diventano un bersaglio per gli asini che morderebbero la loro corteccia causandone in parecchi casi la morte.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lasciate fare i collegamenti elettrici agli esperti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Cura dell'Animale

Come costruire un recinto per le capre

Le capre sono animali molto voraci, mangiano rovi ed erbacce in quantità. Tra le varie tipologie di capre possiamo ricordare in particolar modo le capre tibetane, che rientrano tra gli animali domestici per la loro socialità: sono infatti mansuete ed...
Cura dell'Animale

Come costruire un recinto per le pecore

Se abbiamo una casa in campagna e degli animali come le pecore, queste ultime devono essere lasciate libere di pascolare, però cercando anche di proteggerle da eventuali attacchi da parte di altri predatori. Per risolvere questo inconveniente è necessario...
Cani

Come creare un recinto per cani

Il cane è uno fra gli animali domestici più diffusi. Discende dal lupo e nei secoli l'uomo lo ha addomesticato, fino a diventare il suo amico più fedele. Essendo un mammifero che deriva da situazioni di vita all'aperto, ha il bisogno di trascorrere...
Gatti

Come costruire un recinto da giardino per il gatto

Oramai la maggior parte degli italiani possiede un animale da compagnia. Che si tratti di cani o gatti non possiamo più fare a meno del loro amore incondizionato. Riescono a rasserenare le giornate peggiori con piccoli gesti e pochi sguardi. Il cane...
Cura dell'Animale

Come costruire un recinto per i conigli

Fino a qualche anno fa, il coniglio era considerato un'animale adatto esclusivamente per finire sulle nostre tavole. Oggi, invece, molte persone preferiscono ospitarlo in casa propria come animale da compagnia e, dopo il cane ed il gatto, è il preferito...
Rettili e Anfibi

Come realizzare un recinto per le tartarughe

Le tartarughe di terra possono raggiungere i trent'anni di vita e, a differenza delle tartarughe marine o di acqua dolce, sono erbivore. Nel loro habitat naturale godono di spazi molto ampi nei quali potersi muovere in libertà. In cattività le tartarughe...
Volatili

Come allevare galline ovaiole all’aperto

Per chi possiede un terreno di campagna esistono tante possibilità per svolgere un'attività produttiva rispettosa della natura e producente in maniera soddisfacente, un esempio è dato dai tanti allevamenti di bestiame che è possibile realizzare laddove...
Altri Mammiferi

Come proteggere il pollaio dalle faine

Senza dubbio, sarà capitato anche a voi di imbattervi nei molteplici predatori da cui dobbiamo ben guardarci se teniamo al nostro piccolo pollaio. Uno tra questi è proprio la faina, un mammifero di piccola taglia, della famiglia dei mustelidi che può...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.